Route du Sud, 2° tappa: percorso non proibitivo, attenzione al finale

La seconda uscita propone, come la prima, un arrivo in leggera salita. Volata o colpo di coda?

Route du Sud, 2° tappa: percorso non proibitivo, attenzione al finale
Route du Sud, 2° tappa: percorso non proibitivo, attenzione al finale

La prima uscita, sulle strade di Francia, porta in dote i primi segnali in ottica Tour. Alla Route du Sud, Alberto Contador corre costantemente nelle prime posizioni, Nairo Quintana è l'ombra di Alberto. La prima maglia di leader è sulle spalle di Steven Tronet, un inedito a questo livello. 

L'uscita odierna, da Auch a Saint Gaudens, non prevede particolari difficoltà. 141 km adatti a ruote veloci - pochi in realtà gli sprinter presenti alla Route du Sud, il migliore è Coquard (Europcar) - o a corridori con il cambio di passo finale. 

Lungo il percorso sono previsti due Gpm di terza categoria. Il plotone incrocia la prima salita al km 39.4, la Cote de Meilhan, la seconda, la Cote de Sarremezan, al km 84. Scalate non impegnative, sulla cima più alta si raggiungono i 464 metri. 

Al km 105, il primo passaggio a Saint Gaudens, poi, dopo un leggero strappo, una discesa conduce al tratto finale. Come in occasione della prima tappa, l'arrivo non è favorevole. 

La strada sale, con pendenza ridotta, e impone quindi un'adeguata interpretazione dello sforzo. Un finale da studiare con attenzione, per evitare di alzare bandiera bianca prima del traguardo. 

Ciclismo