Vuelta 2016: Live 14^ tappa, Urdax-Dantxarinea / Aubisque - Gourette. Vince Gesink, Froome resiste a Quintana

Vuelta 2016: Live 14^ tappa, Urdax-Dantxarinea / Aubisque - Gourette. Vince Gesink, Froome resiste a Quintana
Javier Belver / Unipublic
Urdax-Dantxarinea
196 km
Aubisque - Gourette

18.18. Per oggi è tutto, da Andrea Russo Spena e dalla redazione ciclismo di Vavel Italia un saluto e un ringraziamento per aver seguito insieme la 14^ tappa della Vuelta 2016. 

18.14. Classifica generale. 1. Quintana in 58h 41'40". 2. Froome a 54". 3. Chaves a 2'01". 4. Yates a 2'17". 5. Konig a 2'38". 6. Contador a 3'28". 7. Sanchez a 3'59". 8. Talansky a 4'30". 9. Scarponi a 5'37". 10. D. Moreno a 5'52".

18.13. Alejandro Valverde giunge a 10'55" da Gesink

18.06. Ordine d'arrivo. 1. Gesink in 5h 43' 24". 2. Ellisonde a 7". 3. Silin a 9". 4. Bennett a 31". 5. Yates a 39". 6. Zubeldia a 49". 7. Bakelants a 1'11". 8. Talansky a 1'14". 9. Chaves s.t. 10. Konig a 1'16". 11. Rolland a 1'26". 12. Quintana a 1'47". 13. Froome s.t. 15. Sanchez a 1'50". 19. Contador a 2'07". 21. Formolo a 2'24" 27. Scarponi a 3'50". 

18.04. Quintana ancora in maglia rossa

18.02. Quintana e Froome a 1'46". Contador a 2'06"

18.01 .Yates giunge a 38", Chaves a 1'14"

18.00. Arrivo in volata: vince l'olandese Robert Gesink, che stacca nel finale Ellisonde e Silin

17.59. Silin affianca in testa Gesink ed Ellisonde: è l'ultimo chilometro

17.57. Contador prova a rientrare su Quintana e Froome

17.56. Quintana attacca ma Froome resiste

17.55. 2 km alla conclusione Yates a 44" da Ellisonde e Gesink, Quintana e Froome a 2'06". Contador a 2'22"

17.54. Contador paga lo scatto, e perde contatto da Quintana e Frooome

17.53. Contador attacca, ma Quintana e Froome lo riprendono

17.52. Davanti sono rimasti Ellisonde e Gesink, a 48" Yates, a 2'38" Froome, Quintana e Contador

17.51. Scatta Chaves

17.50. Impressionante Froome che recupera su Quintana 

17.50. Froome, Contador e Chaves accelerano per riprendere Quintana

17.49. Davanti Ellisonde ripreden Gesink e Bakelants

17.47. Altro scatto di Quintana, che stavolta fa il vuoto

17.45. Yates a 1'10" da Gesink e Bakelants

17.45. Samuel Sanchez ha 37" di vantaggio sul gruppo maglia rossa

17.42. Yates in difficoltà, a 1'34" da Gesink e Bakelants. Gruppo maglia rossa a 3'25"

17.41. Nel gruppo dei migliori ci sono gli italiani Michele Scarponi e Davide Formolo

17.40. Bakelants riprende Gesink in testa alla corsa, a 6 km dall'arrivo

7.39. Yates a 1'15" da Gesink, gruppo a 3'15". Si muovono Sanchez e Talansky

17.38. Gesink se ne va da solo e stacca Bakelants, Silin, Benett e Ellisonde

17.37. Si stacca Alejandro Valverde

17.35. Scatto secco di Nairo Quintana, ma la maglia rossa non prosegue dopo il ritorno del gruppo

17.32. Rallentamento nel gruppo maglia rossa, accelerano Hermans, Konig e Zeits

17.31. Gesink rientra sui primi, Yates a 1'53", il gruppo a 3'13"

17.30. Robert Gesink, Pardilla, Lopez e Moreno provano a rientrare sui primi

17.28. Davanti si staccano De Clerq e Bernard. Silin resiste

17.27. La situazione a 10 km dall'arrivo: I sei fuggitivi hanno 26" sui più immediati inseguitori, 2'18" su Yates, 3'42" sul gruppo

17.24. Yates a 2'39" dai primi, gruppo a 4'03"

17.22. 12 km al traguardo

17.21. Yates a 2'53" dalla testa della corsa, gruppo a 4'14"

17.20. Ripresi Bakelants e Silin, ancora sei uomini al comando

17.19. Il gruppo maglia rossa è tirato dalla Movistar

17.17. Davanti allungano il russo Silin il danese Bakelants

17.16. Yates saluta i compagni di squadra e si lancia all'inseguimento dei rimi, a 3'11". Il gruppo è a 4'43"

17.15. 15 km all'arrivo per i battistrada

17.14. Il vantaggio di Yates sul gruppo maglia rossa è ora di 1'15"

17.09. Comincia il Col d'Aubisque per i battistrada Ellisonde, De Clerq, Silin, Bernard, Bakelants e Bennett, in vantaggio di 34" sui primi inseguitori, di 3'37" sul gruppetto Yates, di 5'11" sul gruppo maglia rossa

17.07. Testa della corsa a tre km dai piedi dell'Aubisque

17.06. Movistar e Tinkoff riducono lo svantaggio a 5'32" dalla testa della corsa, a 1'26" da Yates

17.03. Il gruppo Yates ha 1'30" di vantaggio sul gruppo maglia rossa: con il britannico c'è anche Jens Keukeleire

17.01. Il gruppetto con Dani Moreno è a 42" dalla testa della corsa

17.00. Anche la Tinkoff in testa a tirare nel gruppo Quintana

16.59. 11 km all'attacco della salita dell'Aubisque

16.56. 28 km alla conclusione: i sei al comando hanno un vantaggio di 4'08" su Gerrans, Nielsen e Yates, di 5'34" sul gruppo maglia rossa

16.53. Davanti si sono avvantaggiati Ellisonde, Bernard, Bakelants, De Clercq, Bennett e Silin

16.51. Anche il gruppo transita in cima, a 5'33" di distacco dai battistrada. Yates è a 4'18"

16.50. In cima al gpm Yates raggiunge i compagni Keukeleire e Nielsen

16.49. Ora è la Movistar a tirare il gruppo maglia rossa

16.48. Bernard, Ellisonde e Selin allungano in discesa

16.47. La situazione: Yates a 4'42" dai fuggitivi, gruppo a 5'38"

16.46. A 38 km dalla conclusione Simon Yates allunga da solo e saluta il compagno Haig. Il britannico ha un vantaggio di 50" sul gruppo maglia rossa

16.45. Accelerazione di Ellisonde, che transita per primo sul gpm del Col del Marie-Blanque

16.45. Davanti si staccano Hardy e Villella

16.43. Yates guadagna 25 secondi sul gruppo maglia rossa, e ora prosegue con il compagno Haig

16.41. Scatto di Simon Yates dal gruppo maglia rossa

16.40. Ancora Gesink davanti a tutti

16.37. Perdono terreno Losada, Cattaneo, Keukeleire e Rojas

16.37. Dal gruppo si muove l'australiano Jack Haig della Orica-BikeExchange

16.36. In testa alla corsa forcing di Bernard della Trek-Segafredo

16.35. L'americano Ian Boswell accelera per il Team Sky: il distacco scende a 5'37"

16.34. I fuggitivi sono ora nel tratto più duro della salita, a tre km dallo scollinamento

16.33. L'olandese Robert Gesink davanti a tutti tra i battistrada

16.32. In difficoltà Pello Bilbao e Meersmann

16.31. Davanti si stacca il danese Nielsen della Orica Bike-Exchange

16.30. A 42 km il vantaggio dei fuggitivi torna a scendere sotto i sei minuti

16.28. Forcing del Team Sky con il tedesco Knees

16.26. Vantaggio ora di 6'24"

16.25. Davanti si staccano Gerrans e Fraile

16.22. Ripreso Alexandre Geniez (FDJ) dal gruppo dei migliori

16.20. Ritmo costante per i fuggitivi, ora con un vantaggio di 6'17" sul gruppo maglia rossa quando mancano 45 km al traguardo

16.17. 5'49" il vantaggio ai piedi della salita

16.15. Due i chilometri che mancano all'attacco della salita del Col de Marie-Blanque

16.12. Davanti è Simon Gerrans a tirare per i due compagni della Orica-BikeExchange Jens Keukeleire e Magnus Cort Nielsen

16.10. Sempre il Team Sky in testa a tirare. Bennati ripreso

16.08. Accelerazione del gruppo, ora dato a 5'07" di distacco

16.07. A 57 km dalla conclusione il vantaggio dei battistrada si è stabilizzato intorno ai 5'30"

16.05. Ancora staccati Daniele Bennati (Tinkoff), Alexandre Geniez (FDJ) e Christoph Pfingsten (Bora-Argon18) 

16.04. Ripreso  Quentin Jauregui (AG2R - La Mondiale) 

16.01. Gap che ora scende a 5'35"

15.59. 62 km alla conclusione, 5'47" il vantaggio della fuga sul gruppo maglia rossa

15.58. La salita del Col de Marie-Blanque, durissima negli ultimi tre chilometri

15.57. 

15.54. Alla fine della discesa i corridori dovranno affrontare un tratto di una quindicina di chilometri prima dell'attacco della salita del Col de Marie-Blanque, Gpm di prima categoria

15.53. Ora il ritardo del gruppo è di 5'45"

15.52. La prossima asperità, al chilometro 148.5 di corsa, è il Col de Marie-Blanque, 9.2 km di salita al 7.5% di pendenza media

15.51. 70 chilometri alla conclusione per i fuggitivi

15.49. Perrig Quemeneur perde terreno dalla testa della corsa

15.48. Attualmente Dani Moreno è maglia rossa virtuale

15.44. 75 km alla conclusione per i fuggitivi, gruppo adesso a sei minuti di distacco.

15.43. Il passaggio in vetta al Col de Soudet

1. Omar Fraile (Dimension Data), 10 pts 
2. Kenny Elissonde (FDJ), 6 pts 
3. Jan Bakelants (AG2R - La Mondiale), 4 pts 
4. Pello Bilbao (Caja Rural - Seguros RGA), 2 pts 
5. Egor Silin (Katusha), 1 pt

15.41. Sia i fuggitivi che il gruppo stanno affrontando la discesa del Col de Soudet

15.39. Il gruppo maglia rossa è a 3'37" di distacco

15.38. Ancora Omar Fraile (Dimension Data) transita per primo sul GPM, rinforzando la sua leadership nella classifica degli scalatori

15.37. Superato lo striscione del GPM per i fuggitivi

15.34. La discesa del Col de Soudet è lunga oltre 22 km

15.32. 85 km alla conclusione, due allo scollinamento del Col de Soudet.

15.31. Rientra con il suo passo Pello Bilbao, mentre il gruppo dei fuggitivi è ora composto da 34 corridori.

15.30. Il vantaggio dei fuggitivi è ora sceso a 3'32".

15.28. Anche Sergio Pardilla della Caja Rural è a meno di sei minuti dalla maglia rossa (5'55").

15.24. Interessante la tattica della Movistar, che ha mandato in avanscoperta tre uomini, tra cui Daniel Moreno Fernandez, dodicesimo in classifica generale a 5'38" dal compagno Quintana

15.21. Simon Gerrans fa il ritmo davanti, quando mancano cinque chilometri allo scollinamento del Col de Soudet.

15.20. Anche Alexandre Geniez (FDJ) e Pello Bilbao (Caja Rural) si staccano dal gruppo dei fuggitivi

15.19. Ritiro per Philippe Gilbert (BMC), Davide Malacarne (Astana), Johan Le Bon (FDJ) and Angel Madrazo (Caja Rural-Seguros RGA)

15.17. Intanto il ritardo del gruppo maglia rossa , tirato dal Team Sky di Chris Froome è di 3'51".

15.16. In testa alla corsa si staccano Daniele Bennati (Tinkoff), Quentin Jauregui (AG2R-La Mondiale), Moreno Moser (Cannondale-Drapac) e Christoph Pfingsten (Bora-Argon18)

15.13. Ecco il dettaglio della salita del Col de Soudet

15.12. Questo il passaggio sul primo Gpm di giornata, il Col Inharpu (prima categoria): 1. Omar Fraile (Dimension Data), 10 pts 
2. Alexandre Geniez (FDJ), 6 pts 
3. Kenny Elissonde (FDJ), 4 pts 
4. Jose Joaquin Rojas (Movistar), 2 pts 
5. Ruben Fernandez (Movistar), 1 pt 

15.09. La composizione della fuga: Ruben Fernandez, Dani Moreno e Jose Joaquin Rojas (Movistar), Daniele Bennati (Tinkoff), David Lopez (Team Sky), Tejay Van Garderen (BMC), George Bennett, Victor Campenaerts e Robert Gesink (Lotto-Jumbo), Simon Gerrans, Jens Keukeleire e Magnus Cort Nielsen (Orica-BikeExchange), Dario Cataldo (Astana), Kenny Elissonde, Odd Christian Eiking e Alexandre Geniez (FDJ), Haimar Zubeldia e Julien Bernard (Trek-Segafredo), Jan Bakelants e Quentin Jauregui (AG2R-La Mondiale), Alberto Losada e Egor Silin (Katusha), Bart De Clercq e Sander Armée (Lotto Soudal), Gianni Meersman (Etixx-Quick Step), Moreno Moser, Pierre Rolland e Davide Villella (Cannondale-Drapac), Omar Fraile e Jacques Janse van Rensburg (Dimension Data), Mathias Frank e Larry Warbasse (IAM Cycling), Mattia Cattaneo (Lampre-Merida), Romain Hardy e Rudy Molard (Cofidis), Christoph Pfingsten (Bora-Argon 18), Pello Bilbao e Sergio Pardilla (Caja Rural-Seguros RGA), Romain Sicard e Perrig Quemeneur (Direct Energie)

15.07. La situazione in corsa: quando mancano 92 km alla conclusione, sono 39 gli uomini in fuga, con un vantaggio di 4'21" sul gruppo della maglia rossa. In questo momento i battistrada stanno affrontando la lunghissima salita del Col du Soudet, 24 km di lunghezza al 5.2% di pendenza media.

15.04. Andrea Russo Spena e la redazione ciclismo di Vavel Italia vi danno il benvenuto alla diretta, scritta e, della quattordicesima tappa della Vuelta 2016, da Urdax-Dantxarinea al Col d'Aubisque (Gourette), 196.1 km complessivi.

L'edizione 2016 della Vuelta a Espana entra oggi nel vivo, con l'arrivo in quota sul Col d'Aubisque, in una tappa, la quattordicesima, che costituisce senza dubbio la frazione regina della corsa. Da Urdax-Dantxarinea / Aubisque - Gourette, 196.1 km su e giù per le grandi salite pirenaiche, per stabilire se Nairo Quintana manterrà la maglia rossa o se Chris Froome riuscirà a sfilargliela. 

Il colombiano della Movistar ha in classifica generale un vantaggio di cinquantaquattro secondi sul britannico, che però negli ultimi giorni ha dato la sensazione di aver trovato il colpo di pedale giusto, quello che gli ha consentito di trionfare all'ultimo Tour de France. Quintana si è preso la leadership della corsa nella tappa di lunedì con arrivo a Lagos de Covadonga, staccando i vari Contador, Valverde, Chaves e Scarponi, mentre Froome è stato protagonista di un'ascesa emozionante: apparentemente in difficoltà a inizio salita, il capitano del Team Sky ha inscenato una fantastica azione in rimonta, finendo in crescendo sulle durissime rampe dell'ultima asperità. 

Dopo il giorno di riposo il britannico ha dato un'ulteriore dimostrazione di forza, vincendo sul traguardo di Peña Cabarga davanti proprio alla maglia rossa. Ecco perchè la frazione odierna si preannuncia ideale per una sfida diretta tra i due contendenti al gradino più alto del podio di Madrid, anche se non sono da sottovalutare campioni come Alberto Contador e Alejandro Valverde, in grado di fare la differenza in qualunque momento. Il murciano è però compagno di squadra di Quintana, quindi difficilmente potrà andare all'attacco, nonostante il suo ritardo in classifica generale sia di 1'05". Diversa la situazione di Contador: l'uomo di Pinto è quinto a 3'08" dalla maglia rossa, in una Vuelta condizionata da una caduta e da acciacchi di vari tipo. Davanti a lui anche il piccolo scalatore colombiano Esteban Chaves, quarto a 2'34", mentre chiudono la top ten il ceco Leopold Konig (compagno di Froome), il britannico Simon Yates (compagno di Chaves), l'italiano Michele Scarponi e i due spagnoli David de la Cruz e Samuel Sanchez.  

La tappa odierna prevede uno sconfinamento in Francia: da Urdax-Dantxarinea, paesino della Navarra, si entra in territorio transalpino, dove sono posti ben quattro gran premi della montagna: il Col Inharpu, 11.5 km di lunghezza al 7.1%  di pendenza media (prima categoria), il Col du Soudet, 24 km al 5.2% (prima categoria), il Col de Marie-Blanque, 9.2 km al 7.5% (prima categoria), e la salita del leggendario Aubisque (con arrivo posto in località Gourette), 16.5 km al 7.1% (categoria especial). Sarà proprio sull'Aubisque che con ogni probabilità si decidera la corsa, quantomeno per quanto riguarda i migliori della generale, mentre sarà da verificare la tenuta degli eventuali fuggitivi su un percorso così duro. Ecco nel dettaglio le pendenze dell'ultima ascesa: