Vuelta 2016, Brambilla vince ad Aramón Formigal. Quintana allunga, cede Froome

Alberto Contador anima la corsa con una fuga da lontano. Quintana lo segue e poi lo stacca in salita, ma è Gianluca Brambilla a vincere in volata. Froome, isolato e senza compagni di squadra, accusa un pesante distacco dal colombiano.

Vuelta 2016, Brambilla vince ad Aramón Formigal. Quintana allunga, cede Froome
Vuelta 2016, Brambilla vince ad Aramón Formigal. Quintana allunga, cede Froome

E' l'italiano Gianluca Brambilla a trionfare sull'arrivo in quota di Sallent de Gállego/Aramón Formigal, nella quindicesima tappa della Vuelta a Espana 2016. Ma la copertina della frazione se la prende tutta Nairo Quintana, il colombiano della Movistar, che in partenza è sveglio nel rispondere all'attacco della Tinkoff e del solito, orgoglioso, Alberto Contador, contribuendo a isolare Chris Froome. Sull'ultima salita la maglia rossa stacca tutti i compagni d'avventura, compreso lo stesso Contador, arrendendosi in volata al solo Brambilla mentre il britannico cede oltre due minuti e mezzo, distanziato anche da Esteban Chaves. Terzo al traguardo Fabio Felline, bene anche Davide Formolo, ora ottavo in una classifica generale comandata sempre più da Quintana, che precede Froome di 3'37", Chaves di 3'57", Contador di 4'02".

La quindicesima tappa della Vuelta 2016 conduce la carovana rossa da Sabiñánigo a Sallent de Gállego/Aramón Formigal, solo 118.5 km su e giù nel nord della Spagna. Arrivo in quota, su una salita classificata come gran premio della montagna di prima categoria, 14.5 km di lunghezza a una pendenza media del 4.6%. Sul percorso altri due gpm, il Pto. Alto de Petralba, 6.3 km al 5% (terza categoria), e il Pto. Alto de Cotefablo, 12.5 km al 4.3% (seconda categoria). La corsa si accende sin dall'inizio quando è la Tinkoff di Alberto Contador a sferrare un attacco che fraziona il gruppo. Sorpreso il Team Sky di Chris Froome, mentre al comando si forma un plotoncino di dodici uomini, di cui fa parte anche la maglia rossa Nairo Quintana. Con il colombiano due compagni di squadra della Movistar, Jonathan Castroviejo e Ruben Fernandez. Presente ovviamente Alberto Contador, con Ivan Rovny e Yuri Trofimov (Tinkoff), Kenny Elissonde (FDJ), Fabio Felline (Trek-Segafredo), Matvey Mamykin (Katusha), Gianluca Brambilla e David de la Cruz (Etixx-Quick Step), Davide Formolo e Moreno Moser (Cannondale-Drapac), e Omar Fraile (Dimension Data). L'avvio convulso fraziona il Team Sky, con Froome che si ritrova quasi da solo nel gruppo degli inseguitori (si staccano infatti Ian Boswell, Michal Golas, Peter Kennaugh, Christian Knees, Leopold König and Salvatore Puccio) insieme ad Esteban Chaves e Simon Yates della Orica-Bikeexchange. A metà percorso il vantaggio di Contador e Quintana nei confronti del britannico - che prova a rientrare con l'aiuto dell'Astana di Michele Scarponi - è di 2'54".

Ai piedi dell'ultima salita il gruppo maglia rossa ha ancora una dote di un paio di minuti su Froome, che si avvantaggia sempre del lavoro dell'Astana (l'Orica-BikeExchange aveva fatto un forcing solo sul secondo gpm di giornata con Simon Yates). Salutati i compagni Castroviejo e Fernandez, Quintana fa tutto da solo, imponendo un ritmo selettivo su un'ascesa in realtà non impossibile. A tre chilometri dalla conclusione con il colombiano rimangono solo Brambilla e Contador, ma il Pistolero non ne ha più e perde contatto dalla testa della corsa, facendosi raggiungere e superare anche da Felline, Elissonde e de la Cruz. Lo sprint finale premia un brillante Gianluca Brambilla, che festeggia insieme alla maglia rossa, in grado di rifilare in un sol colpo 31 secondi a Contador e soprattutto 2'37" a Froome, fuori giri senza l'abituale ritmo scandito dal Team Sky. Il britannico non solo non riesce a recuperare sul rivale colombiano, ma si fa staccare anche da un indomito Esteban Chaves, seguito da Michele Scarponi. La classifica generale ne esce così rivoluzionata, con la maglia rossa ora in vantaggio di 3'37" su Froome, braccato da vicino da Chaves e Contador. Con l'azione odierna Davide Formolo, settimo al traguardo a 53", è ora il primo italiano nella generale, mentre Scarponi è decimo. Domani tappa di trasferimento, presumibilmene per velocisti.

Ordine d'arrivo. 1. Brambilla in 2h 54' 30". 2. Quintana a 3". 3. Felline a 25". 4. Elissonde a 28". 5. de la Cruz a 31". 6. Contador a 34". 7. Formolo a 53". 8. Mamykin a 1'16". 9. Chaves a 1'53". 10. Scarponi a 1'59". 12. Talansky a 2'10". 13. S. Sanchez s.t. 14. D. Moreno s.t. 15. Valverde a 2'31". 18. Froome a 2'40". 21. Yates a 2'47".

Classifica generale. 1. Quintana in 61h 36' 07". 2. Froome a 3'37". 3. Chaves a 3'57". 4. Contador a 4'02". 5. Yates a 5'07". 6. S. Sanchez a 6'12". 7. Talansky a 6'43". 8. Formolo a 7'17". 9. de la Cruz a 7'23". 10. Scarponi a 7'39".


Share on Facebook