Ciclismo - Giro d'Italia: torna la Maglia Ciclamino

Dopo otto anni di assenza torna al Giro d'Italia la Maglia Ciclamino. Come è stato per larga parte della storia della Corsa Rosa, la Ciclamino identificherà il leader della classifica a punti.

Ciclismo - Giro d'Italia: torna la Maglia Ciclamino
Ciclismo - Giro d'Italia: torna la Maglia Ciclamino

A qualche settimana di distanza dalla presentazione delle altre maglie della centesima edizione del Giro d'Italia, RCS ha svelato la sorpresa promessa riguardo la maglia della classifica a punti. Come tanti sospettavano, questa sorpresa è un ritorno al passato. Oggi è infatti ufficializzato il ritorno della storica Maglia Ciclamino per il leader della classifica a punti. 

La Ciclamino ha rappresentato il leader della speciale classifica per quasi 40 anni, dal 1970 al 2009, prima di venir sostituita dalla Maglia Rossa per ragioni di sponsor (prima l'Algida e poi Italo). Adesso però, con il nuovo sponsor Segafredo la maglia della classifica a punti torna alle origini rispolverando quel ciclamino che è rimasto impolverato nell'armadio negli ultimi 8 anni. Ad annunciare il ritorno della Ciclamino sono stati gli stessi organizzatori della Corsa Rosa attraverso il proprio profilo Twitter. 

L'istituzione della classifica a punti come graduatoria a sé stante avvenne nel 1958, ma ci fu poi una pausa fino al 1966 quando fu indetta la maglia rossa fino al '69, per poi passare al Ciclamino dal 1970. La Maglia Ciclamino è stata indossata da molti grandi nomi della storia del ciclismo come Mario Cipollini, Alessandro Petacchi, Paolo Bettini e Eddy Merckx, ma coloro che detengono il record di vittorie (4) sono i due eterni rivali del ciclismo italiano: Giuseppe Saronni e Francesco Moser. I due sono anche gli unici ad essere riusciti a vincere la maglia per tre anni di fila, mentre a molti è riuscita l'accoppiata Maglia Rosa - Maglia Ciclamino: Gianni Motta (1966), Eddy Merckx (1968 e 1973), Giuseppe Saronni (1979 e 1983), Gianni Bugno (1990), Tony Rominger (1995), Gilberto Simoni (2003), Danilo Di Luca (2007), Denis Menchov (2009) e Michele Scarponi (2011, dopo la squalifica di Contador).