Ciclismo - Coppa Bernocchi: Colbrelli brucia tutti

Il velocista della Bahrain Merida disputa una grande volata battendo Boivin e Modolo. Quarto Albasini che diventa il favorito per la vittoria del Trittico.

Ciclismo - Coppa Bernocchi: Colbrelli brucia tutti
Ciclismo - Coppa Bernocchi: Colbrelli brucia tutti

E' di Sonny Colbrelli la Coppa Bernocchi 2017. Il velocista della Bahrain Merida è il più forte sul traguardo di Legnano e batte in volata Guillame Boivin (Cycling Academy) e Sacha Modolo (UAE), mentre è medaglia legno il vincitore di ieri, Michael Albasini, che diventa così il favorito alla vittoria finale del Trittico Lombardo. 

La corsa è stata caratterizzata dalla fuga composta da Filippo Ganna (UAE), Sergey Vdovin (Lokosphinx), El Mehdi Chokri (Dimension Data for Qhubeka) e Patrick Gamper (Tirol). I quattro perdono dopo pochi chilometri l'apporto di Vdovin, rialzatosi forse per ordini di squadra, ma il terzetto insiste nella fuga trovando il via libera del gruppo. Il plotone incomincia ad inseguire dal chilometro 57 di gara quando la Nazionale italiana, la Wilier Triestina e la Bahrain-Merida mettono i propri uomini in testa a tirare. Il frutto del lavoro di queste squadre si vede al penultimo giro del circuito, quando il gruppo si spezza sulle pendenze del Piccolo Stelvio sotto il ritmo della Nazionale italiana. Bouet (Fortuneo-Oscaro) e Riabuschenko (UAE) provano ad evadere dal gruppo nell'ultima scalata al Piccolo Stelvio, ma il gruppo non lascia margine d'azione e l'azione dei due coraggiosi ciclisti termina poco dopo, mentre davanti è Chokri ad alzare bandiera bianca. 

Negli ultimi trenta chilometri ci sono vari tentativi d'evasione dal gruppo: Lorenzo Rota (Bardiani) è quello che riesce ad avere più fortuna, ma la sua azione all'inseguimento della coppia di testa si esaurisce a diecimila metri dal traguardo. Nel frattempo scoppia il duo al comando della gara e ad arrendersi è Ganna, che lascia così Gamper solo al comando. L'austriaco insiste nell'azione e sogna la vittoria, che però sfuma a poche centinaia di metri dallo striscione d'arrivo quando il gruppo lo passa doppia velocità lanciando Colbrelli verso la vittoria.