Giro 2018, presentate le prime tre tappe: si parte a cronometro

Presentate in Israele le prime tre frazioni della 101esima edizione del Giro d'Italia. Apre la cronometro, poi due tappe in linea prima del trasferimento in Italia.

Giro 2018, presentate le prime tre tappe: si parte a cronometro
Giro 2018, presentate le prime tre tappe: si parte a cronometro

E' ancora in corso la presentazione del Gran Depart del 101esimo Giro d'Italia, ma le prime tre tappe sono già state svelate. Come risaputo da qualche settimana, la corsa rosa partirà per la prima volta da un paese fuori dall'Europa: Israele. La sede della partenza sarà ovviamente Gerusalemme, che però ospiterà solamente la prima frazione lasciando poi spazio a Be'er Sheva, Eilat, Haifa e Tel Aviv. 

1^a Tappa 4 Maggio 2018 - Gerusalemme-Gerusalemme 10.1 KM

La corsa rosa aprirà le danze con una cronometro, come accaduto due anni fa in Olanda. La prova contro il tempo si snoderà per diecimila metri attorno alle mura storiche della città vecchia di Gerusalemme, passando anche davanti al Knesset, il parlamento israeliano. A livello tecnico la cronometro non è affatto per specialisti. Il percorso presenta molti sali scendi e numerose svolte tra le vie cittadine che costringeranno i corridori a rilanciare la velocità più spesso del solito. I dieci chilometri potranno quindi premiare un uomo d'alta classifica, anche se i distacchi non saranno certo ampi. 

2^a Tappa 5 Maggio 2018 - Haifa-Tel Aviv 167 KM

Da Gerusalemme a Tel Aviv passando per Haifa. La seconda frazione parte dalla città del profeta Elia e presenta il primo GPM della gara, a Zikron Yakov, ma l'arrivo sarà sicuramente in volata. Il finale è caratterizzato da strade molto ampie che favoriranno l'inseguimento del gruppo sulla probabile fuga che non ha molte chance di arrivare a giocarsi la vittoria sul lungomare di Tel Aviv. Difficile che cambi la maglia rosa. 

3^a Tappa 6 Maggio 2018 - Be'er Sheva-Eilat 226KM

Più nervosa, ma comunque con probabile arrivo in volata la terza ed ultima tappa in terra israeliana. La caratteristica di questa frazione è certamente rappresentata dall'attraversamento del deserto del Negev, che potrebbe nascondere qualche insidia. L'uscita dall'arido paesaggio israeliano porterà il gruppo sulle rive del Mar Rosso e poi all'arrivo di Eilat. Anche questa frazione, come detto, è riservata ai velocisti e come in quella precedente sarà difficile vedere un cambio di leadership. Con ogni probabilità, quindi, chi vincerà la cronometro inaugurale porterà la maglia rosa fino in Italia. 

Ciclismo