Pallanuoto - World League femminile: il Setterosa travolge l'Ungheria

Riscatto azzurro, le ragazze di Conti fermano le campionesse d'Europa con una prova perfetta.

Pallanuoto - World League femminile: il Setterosa travolge l'Ungheria
Pallanuoto - World League femminile: il Setterosa travolge l'Ungheria
Italia
10 7
Ungheria

L'acqua di Novara certifica il ritorno ad alto livello del Setterosa. La Nazionale di Conti coglie al volo l'occasione di riscatto e spegne l'ardore delle campionesse d'Europa. Una sorta di remake della semifinale continentale, con esito, però, opposto. Nella piscina italiana è infatti la nostra rappresentativa ad alzare voce e ritmo. Il Setterosa - in ritardo in classifica - gioca fin dalle prime battute con grande intensità. Difesa presente e ripartenze letali. 

Otto minuti - i primi - per creare un gap importante con l'esperta Ungheria. Le mani addosso delle magiare, in evidente difficoltà, non fermano l'incedere azzurro e l'Italia trova, frequentemente, la via del gol. Rigore di Bianconi, controfuga di Di Mario, Gorlero super a chiudere la porta. L'Ungheria si sblocca con Takacs - 1-3 - ma il Setterosa trova altre due segnature, con Frassinetti al centro indemoniata. 

Il lavoro della boa azzurra apre a differenti soluzioni e costringe l'Ungheria a cadere in fallo più volte. La doppia fucilata di Garibotti mantiene il Setterosa in acque tranquille e nemmeno la tripletta di Takacs basta a invertire il trend della partita. Nel terzo tempo, Gorlero resta addirittura imbattuta, un rigore di Bianconi porta l'Italia in doppia cifra, mentre le ragazze di Biro precipitano a meno cinque. 

Un leggero passo indietro nel finale, quando il Setterosa accusa qualche passaggio a vuoto, non punisce in superiorità e fallisce la massima punizione, ma il punteggio non desta preoccupazione, perché gli ultimi acuti magiari servono soltanto per rendere meno amara la sconfitta. 

Un confronto che ri-accende la corsa a cinque cerchi, porta il Setterosa alle spalle dell'Olanda nel Girone A e soprattutto allontana le nubi sul futuro della Nazionale azzurra. 


Share on Facebook