Budapest 2017, Efimova regina dei 200 rana. King giù dal podio

La russa domina la finale in 2:19.64. Argento all’americana Bethany Galat, bronzo alla cinese Shi. Lilly King solo quarta.

Budapest 2017, Efimova regina dei 200 rana. King giù dal podio
Source: Laurence Griffiths/Getty Images Europe

Nella finale dei 200 rana femminile dei Mondiali di Budapest edizione 2017, la russa Yuliya Efimova non tradisce le aspettative, vendicando il risultato ottenuto nei 100 e prendendosi una splendida medaglia d’oro. 2:19.64 il tempo della campionessa russa, che stavolta non si lascia staccare nei primi cinquanta, anzi mantiene a distanza di sicurezza il tentativo di fuga dell’americana Lilly King e dell’australiana Taylor McKeown, per poi scatenarsi in progressione a partire dai secondi cento metri.

Quello della Efimova è un crescendo rossiniano, che la conduce a un trionfo netto, senza discussioni, davanti all’altra statunitense Bethany Galat, in 2:21.77, e alla cinese Jinglin Shi, bronzo in 2:22.23. Medaglia di legno per l’oro dei 100, Lilly King, la cui accelerazione iniziale dalla corsia otto non produce effetti, se non quello di migliorare il crono di ingresso fino al quarto posto finale, in 2:22.11.

Quinta la canadese Kierra Smith, in 2:22.23, mentre chiudono la finale la britannica Molly Renshaw, in 2:22.96, l’australiana Taylor McKeown, in 2:23.06, e la spagnola Jessica Vall, 2:23.09. Riscatto e trionfo per la Efimova, mentre gli Stati Uniti trovano comunque il modo di piazzare un’atleta sul podio. Non Lilly King, bensì Bethany Galat.

 

Nuoto