Budapest 2017 - Staffetta 4X100 mista stile, Italia quinta: le impressioni azzurre

Bella e divertente la staffetta che chiude il sabato di gare alla Duna Arena: trionfano gli States, Italia solo quinta, illusa per due frazioni.

Budapest 2017 - Staffetta 4X100 mista stile, Italia quinta: le impressioni azzurre
Budapest 2017 - Staffetta 4X100 Mista stile

Chiude quinta la staffetta italiana la staffetta 4X100 mista nuotata a stile libero. Dominano gli Stati Uniti, davanti al Giappone ed al Canada. Chiude quinta l'Italia, che con Dotto, Miressi, Pellegrini e Di Pietro sogna il podio per una frazione e mezza, forse due, prima di crollare negli ultimi venti metri. Soddisfazione e divertimento a metà per i nuotatori azzurri, che hanno così commentato la propria prestazione ai microfoni di Rai Sport. 

Ad aprire la gara Luca Dotto: "E' una buona staffetta, c'è da lavorarci, certo. Abbiamo fatto bene ma non benissimo, abbiamo potenziale, non abbiamo nuotato nelle nostre migliori condizioni. Abbiamo molti margini, possiamo fare qualcosa di buono ai prossimi appuntamenti". Di poche parole la matricola Miressi: "E' stato bello e divertente fare questa finale. Abbiamo combattuto e penso che siamo anche stati bravi". 

Si passa alle donne, con la Pellegrini che è apparsa visibilmente soddisfatta e fiduciosa in vista del futuro: "E' stata una gran bella staffetta. Eravamo tutti molto eccitati all'idea di giocarci la medaglia. Ci siamo gasati anche facendola, abbiamo fatto una buonissima staffetta, al di là dei tempi personali. Se ho finito? Penso di no, c'è la staffetta anche domani". Infine, l'analisi di Silvia Di Pietro, in vasca con un problema al ginocchio: "Nonostante il problema fisico al ginocchio volevo esserci. Ho fatto una frazione non all'altezza, alla fine non mi muovevo. Ho spinto male, ma ho dato tutto. Ce l'ho messa tutta, è subentrata anche un pizzico di stanchezza". 


Share on Facebook