Volley, World Cup: l'Italia supera la Tunisia

Gli azzurri avanzano senza brillare. Domani il Venezuela, prima del finale a Tokyo.

Volley, World Cup: l'Italia supera la Tunisia
VolleVolley y
Italia
3 0
Tunisia

Resta in corsa l'Italia di Blengini nella World Cup in corso di svolgimento in Giappone. Gli azzurri superano tre set a zero la modesta Tunisia e attendono il Venezuela, nel match in programma domani, prima di affacciarsi al ballo finale, con in rapida sequenza Russia, Argentina e Polonia.

La prestazione odierna non strappa l'attenzione, ma basta per regolare una squadra che incassa la settima battuta d'arresto in altrettante uscite. Dopo il trasferimento da Hiroshima a Osaka e l'affermazione con l'Iran, l'Italia torna in campo con il medesimo sestetto. Evidente l'intenzione del CT, Blengini punta a fortificare la formazione, dando continuità a gioco e movimenti.

Zaytsev si conferma in gran spolvero e risulta, al termine, il miglior marcatore azzurro. 16 per lo Zar, 15 per un ottimo Lanza, in casa Tunisia 17 per Hichem Kaabi.

Con Colaci, Mvp al termine, nel ruolo di libero, Giannelli in regia e Juantorena e Lanza a martellare, l'Italia parte forte, supportata da una presenza sottorete che respinge ogni iniziativa della Tunisia. A muro, gli azzurri dominano – 11 alla fine – e il margine che si crea nel set iniziale è importante. Il parziale, chiuso a 18, indirizza la partita, ma la Tunisia mostra grande orgoglio e sottolinea la scarsa concentrazione della nostra nazionale.

I nostri avversari si riavvicinano, fino al meno uno, sul 24-23, nel secondo, ma un'incertezza in battuta regala all'Italia il set e mette al sicuro il risultato. Blengini propone, nei primi due parziali, gli stessi aggiustamenti, con il trio Vettori – Sottile – Massari a rinfrescare il sestetto.

Nel terzo, risulta invece decisivo l'ingresso al centro di Buti. L'Italia si trova ad inseguire per lunghi tratti, sotto 15-11 e poi 19-17, ma il finale sorride agli azzurri, bravi a chiudere con Piano, scongiurando beffe inattese.

Prosegue la marcia di USA e Polonia – al momento nessuna sconfitta per queste due squadre – con l'Italia che insegue a braccetto con la Russia. In quinta piazza, con un record di 5 – 2, l'Argentina.

Italia – Tunisia 3 – 0 (25-18, 25-23 25-22)