Presentazione del Campionato Europeo di volley femminile

In Belgio e Olanda dal 26 settembre al 4 ottobre andrà in scena la ventinovesima edizione della rassegna continentale.

Presentazione del Campionato Europeo di volley femminile
Presentazione del Campionato Europeo di volley femminile

Sabato 26 settembre scatterà la ventinovesima edizione dei Campionati Europei di pallavolo femminile. La rassegna verrà organizzata congiuntamente da Belgio ed Olanda. Alla fase finale parteciperanno 16 nazionali: i 2 paesi organizzatori, le prime 5 squadre dell' Europeo 2013 (questa volta è stata ammessa la sesta in quanto lo stesso Belgio ospita la manifestazione), 9 dopo aver superato le qualificazioni. Saranno 4 gli impianti dove si disputeranno le partite: l'Omnisport di Apeldoorn (dove giocherà la prima fase l'Italia), l'Indoor-Sportcentrum di Eindhoven, l'Ahoy e il Topsportcentrum di Rotterdam, la Lotto Arena di Anversa. Le 16 nazionali saranno raggruppate in 4 gironi da 4 squadre ciascuno.

Al termine della prima fase accederanno direttamente ai quarti di finale le leader di ogni pool. Seconda e terza di ogni girone dovranno superare l'ulteriore scoglio dei playoff per poter poi raggiungere gli stessi quarti di finale. Successivamente ci saranno le semifinali e le finali per il terzo ed il primo posto. L'Italia è stata sorteggiata nel girone A con Polonia, Slovenia e Olanda. Il girone B sarà composto da: Azerbaigian, Belgio, Turchia e Ungheria. Il girone C verrà formato da: Bielorussia, Bulgaria, Croazia e Russia. Il girone D vedrà impegnate: Germania, Repubblica Ceca, Romania e Serbia.

Nella storia dei Campionati Europei la nazione più vincente è stata l'Urss con 12 affermazioni. Sale sul podio la sua erede sportiva e politica, la Russia con 5 trionfi. Appaiate con 2 affermazioni ciascuna ci sono: Polonia, Germania Est e Italia. La nostra nazionale si è aggiudicata consecutivamente le edizioni 2007 e 2009 ma poi in quelle successive ha deluso. Le favorite per la vittoria finale sembrano essere Serbia e Russia. La nostra nazionale però ha le carte in regola per poter puntare al podio e magari anche a qualcosa di più. Attenzione pure alla Germania, che ha cambiato allenatore, al posto di Giovanni Guidetti c'è ora Luciano Pedullà tecnico di Novara. Le panzer vorranno dare continuità ai 2 argenti consecutivi e magari centrare il bersaglio grosso. Sarebbe la prima volta dopo l'unificazione. Lo stesso Guidetti allena ora l'Olanda e sicuramente proverà a raggiungere almeno il podio. Non va sottovalutato nemmeno il Belgio, rivelazione della scorsa edizione, dove le Yellow Tigers sono giunte terze. Chi succederà alla Russia nell'Albo d'oro del torneo? Lo scopriremo domenica 4 ottobre al termine della finalissima.