Volley M - Esordio in chiaroscuro per le italiane in Champions League

Modena ha prevalso con enorme fatica su Lubiana al tie-break in casa. La Lube invece è caduta sul campo di Berlino per 3-1.

Volley M - Esordio in chiaroscuro per le italiane in Champions League
Volley M - Esordio in chiaroscuro per le italiane in Champions League

Si è aperta ieri la fase a gironi della  Cev Champions League di volley maschile, stagione 2016/2017. L'esordio delle italiane è stato in chiaroscuro. L'Azimut Modena ha prevalso soffrendo in casa su Lubiana, imponendosi al tie-break. La Lube Civitanova Marche è stata invece sconfitta per 3-1 sul campo di Berlino.

L'Azimut Modena ha faticato non poco per prevalere sugli sloveni. Sono stati decisivi i 22 punti con il 38% in attacco di Nemanja Petric, il 43% offensivo di Vettori, i 14 punti con 6 muri di Matteo Piano. La verità però è che la formazione di Roberto Piazza non può fare a meno di Earvin Ngapeth. Quando non è in campo la sua assenza si fa sentire. Lo stesso Piazza è stato costretto a mettere in campo il francese nel terzo set e la squadra ha compiuto una vera e propria metamorfosi. Ngapeth si è confermato autentico trascinatore, rivelandosi determinante non solo in attacco, dove ha avuto un'efficacia del 72%, ma pure in seconda linea ricevendo 36 palloni sui 72 totali dell'Azimut.

Potremmo dire clamoroso alla Max Schmeling Halle. Infatti i padroni di casa del Berlin Recycling Volleys hanno sconfitto per 3-1 la Lube Civitanova Marche. I marchigiani hanno vinto facilmente il primo set. Poi però la formazione guidata da Roberto Serniotti ha dimostrato ancora una volta di più quanto conti il servizio nella pallavolo moderna. La battuta dei tedeschi ha mandato letteralmente in tilt la ricezione della Lube. Sono stati 12 gli ace realizzati da Berlino. Se si riceve male poi il palleggiatore è costretto a giocare su palla scontata, facilmente leggibile dal muro avversario, che ne ha realizzati 12 vincenti. Per Berlino sono stati inoltre decisivi: l'opposto olandese Ter-Maat con 27 punti ed il 64% in attacco e i 18 punti di Kromm.

Stasera invece scenderà in campo la Sir Safety Perugia. Il presidente Gino Sirci in conferenza stampa non ha risparmiato le critiche alle istituzioni (Comune e Regione) per le promesse non mantenute, circa i lavori sul palasport. La situazione è rimasta analoga a quella dello scorso giugno. Inoltre potrebbe essere un altro concerto a mettere i bastoni tra le ruote degli umbri se non riusciranno ad ottenere l'organizzazione della Final Four. Infatti Giorgia canterà il 12 aprile a Perugia, con la vendita dei biglietti già in corso. L'organizzazione della Supercoppa italiana è stata persa per quello di Emma. Vedremo ancora il prossimo anno la Champions League di volley maschile a Perugia?


Share on Facebook