Volley F - L'Imoco Conegliano inizia la Champions League con un netto successo sulle azere del Telekom Baku

Dopo la grande paura del primo set, la formazione di Davide Mazzanti ha giocato in scioltezza gli altri 2 parziali. Meritano un elogio: le prestazioni offensive di Samantha Bricio e Robin De Kruijf, la distribuzione di Ofelia Malinov, i salvataggi di Monica De Gennaro.

Volley F - L'Imoco Conegliano inizia la Champions League con un netto successo sulle azere del Telekom Baku
Ofelia Malinov innesca la fast di Robin De Kruijf. Foto di Ilaria Baldoin per Vavel Italia
Imoco Conegliano
3 0
Telekom Baku

Si è aperta questa sera la prima giornata della Pool A, per quanto riguarda la Cev Champions League di volley femminile 2016/2017. Davanti al pubblico amico del PalaVerde, l'Imoco Conegliano ha confermato i pronostici della vigilia, superando per 3-0 le azere del Telekom Baku. Dopo la grande paura del primo set, nei parziali successivi la formazione di Davide Mazzanti ha giocato in scioltezza.

Il tecnico della formazione veneta ha mandato in campo il seguente 6+1: in palleggio Ofelia Malinov, opposta Berenika Tomsia, centrali Anna Danesi e Robin De Kruijf, schiacciatrici Serena Ortolani e Samantha Bricio, libero Monica De Gennaro. Nel primo set la formazione di Zoran Gaijc (medaglia d'oro sulla panchina della Serbia maschile a Sidney 2000) è riuscita a portarsi sul 12-18. Lo ha fatto grazie a 3 cose: la battuta, il muro e la difesa. Conegliano ha evidenziato delle difficoltà in ricezione, costringendo Malinov a giocare su palla scontata e quindi facilmente leggibile. I problemi per le pantere sono derivati dal fatto che Ortolani e Bricio necessitavano di spazi molto ampi, per potersi giostrare al meglio nel fondamentale della ricezione stessa. La battuta avversaria ha spesso cercato la schiacciatrice ravennate per toglierla dal gioco offensivo. Mazzanti è stato costretto a sostituirla con Carolina Costagrande, che per ricevere non ha bisogno di spazi grandi. La musica per Conegliano è cambiata e le venete hanno iniziato la rimonta. Non è stato facile piegare le azere, che si sono arrese solamente ai vantaggi, vendendo carissima la pelle. Nel 31-29 che ha deciso il primo parziale per Conegliano, tutto il peso offensivo se lo sono caricato sulle spalle Bricio e De Kruijf. La prima si è fatta valere anche al servizio, la seconda invece in questo fondamentale ha dimostrato di faticare parecchio. Nel secondo set Conegliano ha subito preso il largo ed ha migliorato il posizionamento a muro, non facendo passare una palla. Ancora una volta nel 25-14 con cui si è chiuso il parziale sono state decisive le già citate Bricio e De Kruijf. Pure Costagrande ha portato il proprio mattone offensivamente parlando. Nel terzo set Ofelia Malinov ha iniziato a dare più spazio pure a Berenika Tomsia, che è sembrata in palese difficoltà nei parziali precedenti, causa un'intesa ancora da affinare con la propria palleggiatrice. Il punto decisivo che ha fatto esplodere di gioia il PalaVerde, lo ha firmato Anna Danesi, che è stata poco servita durante l'incontro.

Conegliano dopo aver sofferto più del previsto nel primo set, è decisamente cresciuta nei parziali successivi, portandosi a casa 3 punti meritati. Vanno elogiate: le prestazioni offensive di Samantha Bricio e Robin De Kruijf, la distribuzione di gioco di Ofelia Malinov e i salvataggi di Monica De Gennaro. Domani alle ore 18 sempre per la Pool A, toccherà alla Liu Jo Nordmeccanica Modena in trasferta sul campo del Chemik Police.

Pallavolo