Sei Nazioni 2017: trionfo Inghilterra, Scozia surclassata

L'Inghilterra vince il 6 Nazioni demolendo la Scozia 61-21.

Sei Nazioni 2017: trionfo Inghilterra, Scozia surclassata
La gioia inglese.
Inghilterra
61 21
Scozia
Inghilterra : Marler, Hartley, Cole; Launchbury, Lawes; Itoje, Haskell, Hughes; Youngs, Ford; Farrell, Joseph; Daly, Nowell, Brown. Panchina:George, Vunipola, Sinckler, Wood, Vunipola, Care. Te'O, Watson.
Scozia: Reid, Brwon, Fagerson; Gray, Gray; Barclay, Watson, Wilson; Price, Russell; Dubar, Jones; Visser, Seymour, Hogg. Panchina: Ford, Dell, Berghan, Swinson, Du Preez, Pyrgos, Weir, Bennett.

Non una partita, ma un massacro, quello che si è consumato a Twickenham tra Scozia e Inghilterra. I giocatori di Eddie Jones hanno semplicemente surclassato i giocatori con il cardo sulla maglia, infliggendo loro ben 61 punti. La partita, decisiva per il 6 Nazioni, si è risolta dunque con la vittoria inglese.

La partita - Le squadre arrivano da due vittorie: l'Inghilterra con l'Italia a Twickenham, la Scozia a Murrayfield contro il Galles.

L'inizio di partita è tutto inglese: Fraser Brown fa un placcaggio durissimo su Daly e prende il giallo. I giocatori in maglia bianca spingono a tutta e Joseph va a schiacciare in meta, grazie ad una corsa fantastica di Farrell, che trasforma poi per il 7-0 Scozia.

L'Inghilterra continua ad accelerare e Farrell trasforma per il 10-0 nei primi 8 minuti inglesi. La Scozia ritorna in 15, ma l'ondata offensiva dei padroni di casa sembra non voler finire, con Farrell che va di nuovo a trasformare: 13-0.

La Scozia prova a rispondere ai padroni di casa, ma la difesa della squadra con la rosa è ottima, tanto che riesce a ributtarsi anche in attacco. Su rimessa laterale inglese Ford serve Jonathan Joseph e per l'Inghilterra è 20-0 con trasformazione di Farrell.

La Scozia non è venuta a Twickenham a fare da vittima sacrificale e Reid riesce a trovare la meta che la avvicina sul 20-7, grazie anche alla trasformazione di Russell. L'Inghilterra però non cede nulla e Farrell trasforma su calcio di punizione il 23-7. Gli ospiti continuano a non reggere l'impatto inglese e lo schema dell'Inghilterra sulla touche è sempre il solito, con Farrell per Joseph che questa volta serve Watson per il 30-7.

L'inizio di secondo tempo per gli inglesi è uguale a quello del primo: Joseph corre ottimamente e viene servito da Ford, che lo manda a schiacciare il 35-7 che Farrell trasforma nel 37-7. I padroni di casa non lasciano nulla alla Scozia e lo stesso Farrell trasforma anche per il 40-7.

La Scozia vuole continuare a fare bella figura e arriva la meta del 40-12 con Jones, dopo una serie di raccogli e vai; Russell accorcia ancora di più per il 40-14. L'Inghilterra vuole però punire la Scozia e una rolling maul da touche manda Billy Vunipola a schiacciare la meta che Farrell decreta del 47-14.

La partita non finisce qua, la Scozia vuole continuare a giocare, e viene premiata dalla doppietta personale di Jones che porta la Scozia a 21 punti grazie anche alla trasformazione di Russell.

L'Inghilterra vuole mantenere le distanze e Danny Care continua la festa inglese fissando il punteggio sul 54-21 con l'aiuto della trasformazione di Farrell. Il punteggio finale è 61-21 grazie alla meta finale di Danny Care - dopo numerosissime cariche inglesi - e la trasformazione di Farrell. Il sei Nazioni è ancora inglese.


Share on Facebook