Biathlon, mass start femminile Pokljuka: mostruosa Makarainen, Bescond si arrende nell'ultimo giro!

Straordinaria prova di forza Kaisa Makarainen che stampa Bescond nell'ultimo ed ottiene la sua prima vittoria in una mass start. Terza la bierlorussa Skardino.

Biathlon, mass start femminile Pokljuka: mostruosa Makarainen, Bescond si arrende nell'ultimo giro!
Biathlon, mass start femminile Pokljuka: mostruosa Makarainen, Bescond si arrende nell'ultimo giro!

Kaisa Makarainen che fa la Neuner. I nostalgici della campionessa tedesca riterranno azzardato questo accostamento, ma quanto fatto oggi dalla finlandese merita un plauso particolare. All'uscita del quarto poligono, Makarainen paga 18 secondi dalla leader della gara, la francese Anais Bescond. Un ritardo che sembra difficile da colmare in 2,5 km. A questo punto comincia l'azione prepotente della detentrice della Coppa del Mondo assoluta. Raggiunge Skardino e Soukalova e le sorpassa con una velocità impressionante. Galleggia letteralmente in salita, dove mostra un passo inarrivabile per la concorrenza. In poco più di un chilometro annulla lo svantaggio rispetto a Bescond e sull'ultima salita la salta in scioltezza. Un trionfo che va raccontato a dovere e descritto come una delle performance migliori della stagione di biathlon femminile.
Per lei si tratta del primo successo in una mass start. Con questa vittoria Makarainen allunga nella classifica di Coppa del Mondo, approfittando del ritiro di Domracheva caduta in maniera bizzarra al termine del primo poligono, causa uno scontro con un'altra atleta.

La mass start di Pokljuka si rivela una gara estremamente aperta, dove le migliori commettono qualche errore di troppo. Ne approfittano Bescond, Skardino e Soukalova, che chiudono la prova senza errori e lottano fino alla fine per il podio. La francese deve arrendersi ad una Makarainen d'annata, prima nonostante due errori commessi al poligono. La battaglia per il terzo posto la vince Skardino su una Soukalova ancora non brillante sugli sci. Quinta la Semerenko, davanti alla nostra Dorothea Wierer. L'atleta azzurra manca due bersagli al poligono: con un errore in meno la Wierer avrebbe centrato con ogni probabilità l'ennesimo podio stagionale. Rimane comunque buona la sua prestazione. Più indietro, invece, Oberhofer e Gontier, rispettivamente tredicesima e diciassettesima, con 4 e 3 errori commessi.
Il biathlon femminile, adesso, si fermerà un paio di settimane prima di affrontare il trittico storico Oberhof-Rupholding-Anterselva.


Share on Facebook