Gisin e Maze, una poltrona per due in discesa libera, Merighetti quarta

Oro ex-aequo per la svizzera Gisin e la slovena Tina Maze nella discesa libera olimpica. Terza una delusissima Lara Gut, altrettanto delusa ai piedi del podio la nostra Dada Merighetti, a soli 17 centesimi dal bronzo.

Un oro per due, si dovranno stringere un po' sul gradino più alto del podio Dominique Gisin e Tina Maze, giunte al traguardo con lo stesso tempo, il migliore di tutti. Si piazza terza Lara Gut, la svizzera di madre bresciana, delusissima per un bronzo che sa di occasione mancata. Chi si mangia le mani, o meglio i guanti, è l'azzurra Daniela Merighetti, medaglia di legno a 27/100 dalle due vincitrici. Nelle 15 anche altre due azzurre, Elena Fanchini e Verena Stuffer, rispettivamente 12esima e 14esima. 

Molto rammarico per l'azzurro, scesa con il pettorale numero 9, che senza un errorino nel finale sarebbe potuta comodamente salire sul podio. Mentre sia Maze che Gisin, a modo loro, oggi hanno fatto la storia dei rispettivi paesi. La slovena porterà in dote il primo storico oro olimpico per la Slovenia, mentre la Svizzera torna ad avere un oro in discesa libera, che le mancava da Lillehammer 1994, per opera di Vreni Schneider.