Campionati europei, pattinaggio di figura: la Russia domina il podio femminile, oro alla Medvedeva

Il programma libero femminile consacra la Russia assoluta dominitrice dei Campionati Europei in corso a Bratislava. Vince la sedicenne Evgenia Medvedeva seguita dalle compagna di squadra Elena Radionova, seconda e Anna Pogorylaia, terza. Chiude quinta l'azzurra Roberta Rodeghiero, alla miglior prova in carriera, e quattordicesima la debuttante Giada Russo

Campionati europei, pattinaggio di figura: la Russia domina il podio femminile, oro alla Medvedeva
Campionati europei, pattinaggio di figura: la Russia domina il podio femminile, oro alla Medvedeva

Terzo giorno di gare a Bratislava e l’Ondrej Nepela Ice Palace si tinge dei colori della bandiera russa. Un podio dominato dalle atlete sovietiche quello della gara femminile, podio che sancisce il terzo successo nelle ultime tre edizioni per la spedizione russa. I Campionati Europei di pattinaggio di figura celebrano la nuova campionessa continentale, la sedicenne Evgenia Medvedeva, che convince e stravince ottenendo il nuovo record di punti dell’evento strappato alla connazionale, illustre assente, Elizaveta Tuktamysheva.

Un successo assoluto quello della giovane sedicenne, la migliore in entrambi i segmenti di gara, capace di sorprendere per la qualità espressa in ogni singolo elemento, capace di fare la differenza lì dove l’eterna rivale di stagione, la compagna di squadra Elena Radionova, si è ancora una volta dovuta arrendere. Non è bastata una caduta sul secondo doppio axel a strappare il titolo alla Medvedeva, in un programma altrimenti perfetto tecnicamente e artisticamente.

Dicevamo della Radionova, medaglia d'argento anche nella precedente edizione, che si è battuta con grande caparbietà ma che nulla ha potuto di fronte ad un divario enorme rispetto al grado di esecuzione dei vari elementi, trottole comprese. Nonostante un percorso netto, seppur a tratti sofferto, si è dovuta arrendere, come ai Nazionali e durante la finale di Grand Prix, alla compagna di squadra.

Sul gradino più basso del podio troviamo Anna Pogorilaya, terza atleta di Mosca in gara, terza anche a Stoccolma lo scorso anno. Due rovinose cadute e un programma altalenante non le hanno permesso il recupero sulle compagne di squadra garantendole comunque il podio seppur con ventotto punti di distacco dalla testa.

Se la Russia ha dominato, la lotta per la quarta posizione ha premiato l'emergente lettone Angelina Kuchvalska, autrice di un programma libero bellissimo, caratterizzato da due doppi axel e sette tripli. Grande personalità condita da un bagaglio tecnico notevole e da un’innata eleganza per la diciassettenne che non poteva chiedere di più dal suo esordio.

LE AZZURRE Al quinto posto, si è piazzata l'azzurra Roberta Rodeghiero, quarta dopo il programma corto, alla migliore gara della carriera. La venticinquenne ha abbattuto il muro dei 170 punti per la prima volta, riuscendo a chiudere un ottimo programma libero completando due doppi axel e sei tripli con solo un piccolo step-out nell’atterraggio del flip. Ancora una volta la Rodeghiero è riuscita ad esprimersi al meglio mostrando un chiaro miglioramento nella sequenza di passi e sugli elementi di trottola giudicati con il massimo livello. Soddisfazione anche per Giada Russo, quattordicesima al termine della gara con miglioramenti registrati in tutti i primati personali. La difficoltà incontrata nell’eseguire gli elementi di salto hanno giustificato il piazzamento con del rammarico per qualche posizione persa. Ma il margine di miglioramento è tanto e le capacità interpretative indiscusse.

Nelle dieci anche la francese Mae Berenice Meitè, sesta, la tedesca Nathalie Weinzierl, settima, e la diciassettenne finlandese Viveca Lindfors, ottava al debutto.

La Russia sarà dunque l'unico paese che potrà schierare tre atlete nella prossima edizione dei Campionati Europei. Italia, Lettonia, Francia, Svezia, Finlandia e Germania avranno invece a disposizione due posti.

CLASSIFICA FINALE

1) RUS - Evgenia MEDVEDEVA    
215.45 (1|1)
2) RUS -  Elena RADIONOVA    
209.99 (2|2)
3) RUS - Anna POGORILAYA    
187.05 (3|3)
4) LAT - Angelina KUCHVALSKA    
176.99 (5|4) NR
5) ITA - Roberta RODEGHIERO    
170.76 (4|5) PB
6) FRA - Mae Berenice MEITE    
161.23 (8|6)
7) GER - Nathalie WEINZIERL    
160.64 (7|7)
8) FIN - Viveca LINDFORS    
155.49 (11|8)
9) SWE - Joshi HELGESSON    
153.29 (6|11)
10) FRA - Laurine LECAVELIER    
152.34 (13|9) PB
11) HUN - Ivett TOTH    
150.65 (10|12)
12) SVK - Nicole RAJICOVA    
146.10 (9|18)
13) SWE - Matilda ALGOTSSON    
145.32 (18|10) PB
14) ITA - Giada RUSSO    
143.40 (12|16) PB
15) ARM - Anastasia GALUSTYAN    
143.05 (16|13)
16) LTU - Aleksandra GOLOVKINA    
139.83 (15|15)
17) NOR - Anne Line GJERSEM    
139.48 (14|17)
18) LUX - Fleur MAXWELL    
137.76 (22|14) NR
19) EST - Helery HÄLVIN    
135.02 (20|19) PB
20) NED - Niki WORIES    
131.87 (21|20) PB
21) UKR - Anna KHNYCHENKOVA    
128.80 (19|22) PB
22) AUT - Kerstin FRANK    
128.08 (24|21)
23) CZE - Eliska BREZINOVA    
121.26 (17|23)
24) SWE - Isabelle OLSSON    
117.50 (23|24)