Sci Alpino - Slalom Gigante: a Plan de Corones l'Italia sogna con Brignone e Bassino

Prima e terza le azzurre al termine della prima manche. In mezzo, Tessa Worley. In difficoltà Mikaela Shiffrin.

Sci Alpino - Slalom Gigante: a Plan de Corones l'Italia sogna con Brignone e Bassino
Sci alpino - A Plan de Corones l'Italia sogna con Brignone e Bassino - Source: Christophe Pallot/Agence Zoom/Getty Images Europe

Una cornice di pubblico splendida, un cielo terso, una pista tosta: mischiate tutto con due italiane al primo e terzo posto, Tessa Worley a fare da sottiletta nel panino azzurro e pronta alla zampata, e Lara Gut appollaiata in posizione di osservazione, come un'aquila pronta ad avventarsi sulla preda alla sua minima esitazione. Agitate tutto per bene ed ecco la miscela esplosiva che ha caratterizzato la prima manche del gigante femminile di Plan De Corones.

Il ghiaccio vivo e le contropendenze esaltano le campionesse: a partire dalla nostra Federica Brignone, la migliore ad interpretare la Erta e l'unica in grado di scippare il leader's corner provvisorio a Tessa Worley. Ci sono 15 centesimi a separare le due, mentre Marta Bassino ne accusa 26, ma con ampio margine di miglioramento nella seconda prova: tre atlete in un fazzoletto e premesse alte di spettacolo per la seconda prova. Quarta a 46 centesimi Lara Gut, ben appostata per sferrare l'attacco e con davanti anche la possibilità di rosicchiare qualche ulteriore punticino alla rivale per la Coppa del Mondo Mikaela Shiffrin.

La statunitense è la grande delusione di questa prima parte di gara; subito in difficoltà fin dalle prime porte, Shiffrin insegue per tutta la gara il cronometro e alla fine accusa quasi un secondo e mezzo di ritardo dalle migliori (1"43 per la precisione). Il che significa essere chiamata a una manche ad alto coefficiente di rischio, provando a sfruttare al massimo la tracciatura del suo allenatore personale per provare perlomeno a scalare qualche posizione.

Per quanto concerne le azzurre, settima piazza per Sofia Goggia a 0"91 dalla vetta. Qualificate per la seconda manche anche Elena Curtoni (quattordicesima), Francesca Marsaglia (quindicesima dopo una buonissima prima parte di manche prima di perdere nel finale), Manuela Moelgg e Irene Curtoni, mentre è uscita Nicole Agnelli.

Le prime dieci

1 14 BRIGNONE Federica 1:02.17  
2 4 WORLEY Tessa 1:02.32 +0.15
3 1 BASSINO Marta 1:02.43 +0.26
4 2 GUT Lara 1:02.63 +0.46
5 7 DREV Ana 1:02.73 +0.56
6 5 REBENSBURG Viktoria 1:03.07 +0.90
7 6 GOGGIA Sofia 1:03.08 +0.91
8 17 HANSDOTTER Frida 1:03.50 +1.33
9 3 SHIFFRIN Mikaela 1:03.60 +1.43
10 23 WILD Simone 1:03.69 +1.52

Sci Alpino