BBL: Terzo quarto disastroso per i Dragons, Bonn vince 99-77

Gli Artland Dragons, prossimi avversari di Cantù in Eurocup, vengono sconfitti per 99-77 da uno straripante Bonn, guidato da un super Caloiaro, autore di 22 punti.

BBL: Terzo quarto disastroso per i Dragons, Bonn vince 99-77
Angelo Caloiaro, MVP del match (22 punti)
Bonn
99 77
Artland Dragons
Bonn : Mickey McConnell 10, Dirk Madrich 4, Beinas Veikalas 13, Ryan Brooks 13, Andrej Mangold 1, Angelo Caloiaro 22, Eugene Lawrence 14,, Tadas Klimavičius 12, Florian Koch 4, Steve Wachalski 4, Thomas Michel 2, Robin Lodders. All: Mathias Fischer
Artland Dragons: David McCray 6, Anthony King 13, Tim Schwartz, Bastian Doreth 3, David Holston 6, Andreas Seiferth 4, Guido Grünheid 4,Brandon Thomas 8, Antonio Graves 15, Lawrence Hill 14, Dennis Horner ),Chad Topper 3. All: Tyron McCoy
SCORE: 20-25, 21-13; 31-12, 27-27
ARBITRO: Toni Rodriguez Soriano, Johannes Hack, Steve Bittner
NOTE: ARENA: Telekom Dome ATTENDANCE: 5.040

Un fine settimana negativo per gli Artland Dragons, che vengono sconfitti con un pesante 99-77 dal Bonn.

L'inizio del match è sotto il segno dei Dragons, che si portano subito avanti sul 9-5, grazie al capitano King (13 punti e 6 rimbalzi); ma la reazione dei padroni di casa non si fa attendere, infatti, pochi istanti dopo, una tripla di Veikalas (13 punti con 3/6 da tre) porta avanti sul più uno Bonn. Questa è una costante del quarto, con le due squadre che si sorpassano e si controsorpassano continuamente, anche se alla fine gli ospiti vanno al primo riposo con un vantaggio di cinque punti, grazie anche ai canestri di Hill (14 punti e 7 rimbalzi).

Nella prima metà del secondo periodo, gli Artland Dragons sembrano avere le forze e i colpi per costruire un vantaggio consistente, ma a causa dei troppo errori individuali e della vena da tre degli avversari, il buon momento di Seiferth (4 punti) viene vanificato.  A tenere in piedi la baracca del Bonn,vicina più volte al tracollo totale, ci pensa un immenso Caloiaro (22 punti e 5 assist), che prende per mano la propria squadra e la riporta uno svantaggio accettabile, grazie anche ad un incredibile parziale di 11-0. A fine quarto, il tabellone luminoso indica il punteggio di 41-38 per i Dragons.

Il terzo quarto è lo spartiacque di questa partita, infatti i padroni di casa rientrano dagli spogliatoi con il sangue agli occhi; risultato? una prova straripante, che scava un divario decisivo tra le due squadre (basti pensare che il risultato parziale è di 31-12!!). Ovviamente, grande protagonista del quarto non poteva che essere l'Italo-americano Caloiaro, che con l'aiuto di Veikalas (devastante dall'arco), porta i suoi sul +22 (72-50). Niente da fare per i Dragoni, che non riescono a trovare delle soluzioni valide all'attacco stellare degli avversari, anche se pesano parecchio alcune palle perse e qualche errore individuale di troppo.

L'ultimo quarto è una pura formalità, infatti con il risultato già in cassaforte, i padroni di casa procedono con la ruota dei cambi, a cui aderisce anche Artland a metà quarto, quando il coach dei Dragons, Tyron McCoy, decide di pensare alla partita infrasettimanale di Eurocup contro Cantù. Anche se cambiano gli interpreti, non varia il risultato: infatti il duo Brooks (13 punti)-Madrich (4 punti e 7 rimbalzi) mantiene il divario sul +22 per quasi tutta la frazione , sino a quando Hill, con un parziale di 6 punti, rende meno amaro il passivo tra le due squadre; il risultato finale è di 99-77 per Bonn.

Un passivo troppo pesante per Artland, che però ha pagato a caro prezzo la buona vena da tre degli avversari, che nel terzo quarto hanno imposto un divario troppo grande da recuperare. Altra pecca della formazione di Quakenbrück, è stata l'incapacità di attaccare la zona di Bonn, che a cavallo tra primo e secondo tempo, ha spezzato il ritmo offensivo dei Dragons; infine va sottolineata anche la poca precisione nel pitturato, dove i Bianco-Amaranto hanno perso molti punti facili. Tutti elementi importanti, che Pino Sacripanti avrà già segnato sul suo taccuino in vista della partita di Coppa, dove Cantù è chiamata a riscattare il brutto esordio di Las Palmas.