Ethias League: Willebroek sogna per tre quarti, ma alla fine l'Oostende vince 87-77

Continua il dominio dell'Oostende nel campionato belga, dove consolida la vetta della classifica con la bella vittori per 87-77 contro il fanalino di coda Willebroek; MVP del match è stato Jordan Heath, autore di 21 punti e 9 rimbalzi, che però sono bastati ai suoi per battere la capolista.

Ethias League: Willebroek sogna per tre quarti, ma alla fine l'Oostende vince 87-77
I giocatori del Willebroek, autori di una grande prova contro la capolista
Telenet Oostend
87 77
Willebroek
Telenet Oostend: Wes Wilkinson 4, Gregory Echenique 10, Dusan Djordjevic 8, Quentin Serron 7, Mateusz Ponitka 15, Guy Muya 5, Jean Salumu 2, Khalid Boukichou 3, Pierre-Antoine Gillet 11, Jared Berggren 8, J.P. Prince 13, Niels Marnegrave 1. All: Dario Gjergja
Willebroek: Jordan Heath 21, Devin Gibson 6, Anthony Chada 7, Randy Oveneke 9, Senne Geukens 15, Jonathan Dubas 5, Wouter Verlinden ne, Tim Jansen ne, Brandon Bowdry 1, Brecht Iliaens ne, Geoffrey Hockins 13. Jonathan Balanga ne. All: Daniels Goethals
SCORE: 24-15, 13-29; 23-15, 27-18.
NOTE: Arena. Sleuyter Arena

Una vittoria sul velluto per la capolista Oostende, che con il punteggio di 87-77 ha avuto la meglio sul fanalino di coda Willenbrook, che nonostante la sconfitta è uscita con molti spunti positivi per il resto della stagione.

La partita inizia sotto il segno dei padroni di casa, che controllano il match in scioltezza e si portano subito in avanti con un super parziale di 20-9; protagonista di questa partenza sprint, è l'intero quintetto iniziale dell'Oostende, che va subito a referto e regala attimi di grande basket al proprio pubblico. Dall'altra parte, invece, c'è il solo Dubas (5 punti) a provare qualche timida reazione, con la quale però riesce a portare sotto la doppia cifra di svantaggio, infatti il risultato parziale a fine quarto è di 24-15.

Il secondo atto comincia seguendo lo stesso copione della prima frazione, ovvero con l'Oostende che continua a trovare la via del canestro, mentre gli ospiti provano a mantenersi in partita in qualsiasi modo. Prince (13 punti e 4 rimbalzi) sembra lanciare il secondo parzialone del match, ma finalmente il Willenbroek sembra svegliarsi dal torpore iniziale: infatti Oveneke (9 punti e 4 rimbalzi) e Hockins (13 punti) riportano non solo la loro squadra davvero in partita, ma, complice anche la scarsa verve offensiva dei padroni di casa, riescono a chiudere anche avanti di ben 7 punti (37-44)

L'intervallo non sembra portare consiglio alla capolista, che al rientro dagli spogliatoi si fa sorprendere dalla buona partenza degli avversari, che grazie alla tripla di Heath (21 punti e 9 rimbalzi) e ai canestri di Geukens (15 punti e 6 assist) sembrano proiettarsi subito avanti; ma la capolista non ci sta e guidata da un grande Djordjevic (8 punti e 4 rimbalzi) rientra in partita, compiendo il controsorpasso a metà quarto, quando il serbo firma il jumper del 56-55. Nel finale, si assiste ad uno scambio alla pari delle due squadra, dal quale sembra uscire vincente l'Oostende, che grazie al canestro di Echenique (10 punti e 7 rimbalzi) chiude avanti, anche se di un solo punto, a causa della tripla del solito Heath sulla sirena, che fissa il punteggio sul 60-59.

Questo sembrerebbe mettere sul tavolo i presupposti per un ultimo quarto esplosivo, ma in realtà le cose vanno in modo diverso: infatti i padroni di casa decidono di far vedere il perché sono in vetta al campionato e cominciano a bombardare il canestro avversario da dietro l'arco, andando in pochissimi attimi avanti di 10 punti; sugli scudi Gillet e il suo 3/4 da tre. Questo inizio shock taglia le gambe al fanalino di coda, che aveva tenuto così bene il campo sulle ali dell'entusiasmo; l'ultimo ad alzare "bandiera bianca" è il solito Hockins, che cerca di rendere meno pesante il parziale. L'Oostende, invece, ritorna ai livelli di gioco visti ad inizio match e annienta gli avversari, grazie ai canestri di Gillet (11 punti) e Serron (7 punti), che nel finale permettono alla capolista di scappare via definitivamente; a fine partita, sul tabellone luminoso del "Sleuyter Arena", si legge il punteggio finale di 87-77.