ANGT: Troppo Real per la Stellazzurra, i "Blancos" vincono 74-43

Nella prima giornata dell'Adidas Next Generation Tournament (ANGT) comincia male l'avventura della Stellazzurra, che viene sconfitta con il punteggio di 74-43 dai pari età del Real Madrid; l'MVP del match è stato Jonathan Barreiro, autore di 18 punti.

ANGT: Troppo Real per la Stellazzurra, i "Blancos" vincono 74-43
ANGT: Troppo Real per la Stellazzurra, i "Blancos" vincono 74-43
Real Madrid
74 43
Stellazzurra Roma
Real Madrid: Santiago Yusta 16, Miki Fons ne, Jonathan Barreiro 18, Domagoj Proleta 8, Daniel De La Rua 4, Ignacio Ballespin ne, Samba Ndiaye 4, Andres Rico 6, Guillermo Mulero 2, Felipe Dos Anjos 3, Luka Doncic 7, Emanuel Cate 6.
Stellazzurra Roma: Nicola Savoldelli, Kristinn Palsson 6, Mattia Da Campo, Dario Masciarelli 9, Andrea La Torre 6, Lazar Nikolic 4, Todor Radonjic 7, Njegos Sikiras 2, Curtis Nwohuocha 3, Babacar Seye ne, Tommaso Guariglia 6, Adama Ba.
SCORE: 19-5, 17-14; 19-16, 19-8.
ARBITRO: JURAS, MARKO (SRB), BIJEDIC, HARIS (BIH), PUTENKO, ILYA (RUS)
NOTE: Arena: Polideportivos Antonio Magariños Attendance: 2000

Comincia con una brutta sconfitta l'avventura della Stellazzurra Roma nella fase finale dell'Adidas Next Generation Tournament, infatti la squadra romana è stata sconfitta dai pari età del Real Madrid con il punteggio di 74-43.

Una partita letteralmente dominata dai "Blancos", che mettono in cassaforte la vittoria con un primo quarto devastante, il quale termina con il punteggio di 19-5 e dove brilla particolarmente Gustavo Yusta (autore di ben 11 punti). In tutto ciò la Stellazzurra non solo non ci capisce molto, ma deve fare i conti con una mira poco accurata (basti pensare che il primo canestro arriva a quasi due minuti dal termine ad opera di Curtis Nwohuocha) e con l'assenza forzata di  Njegos Sikiras, out a causa dei tre falli a suo carico arrivati nei primi 65 secondi di gioco. Nel secondo quarto la truppa romana si rifa prepotentemente sotto con un bel parziale di 10-2, con cui fissa il punteggio di 21-15, anche se poi ricade nuovamente nel limbo subendo un controparziale dal team spagnolo e arrivando alla pausa lunga sotto di 17 punti sul punteggio di 31-19. Al ritorno in campo sembra di rivivere un flashback del primo quarto, infatti Sikiras commette due falli dopo nemmeno due minuti di gioco e torna a sedersi in panchina nuovamente (stavolta definitivamente), lasciando i suoi in cattivissime acque. A questo punto il buon Radonjic prova a mettersi i suoi sulle spalle con dei tiri da dietro l'arco, ma il Madrid è davvero letale e in un batter d'occhio raggiunge i 20 punti di distacco, fissati da una tripla di Andres Rico. A cavallo tra fine terzo e inizio quarto periodo l'MVP di Roma Masciarelli (2 su 12 al tiro a fine partita) prova a riportare sotto i suoi con un mini-break, ma il giovane italiano è da solo su un'isola deserta e il Real ha vita facile nell'annullare la sua offensiva e nel allargare ulteriormente il gap, che, a fine partita, toccherà i 31 punti.

Una prova solidissima quella dei "padroni di casa" del Real Madrid, che vincono agevolmente grazie ai 18 punti di Jonathan Barreiro e i 16 di Santiago Yusta, ai quali però va aggiunto il dominio sotto canestro di Luka Doncic (7 punti, 11 rimbalzi e 3 assist)Felipe Dos Anjos (10 rimbalzi). La Stellazzurra, invece, deve dimenticare in fretta questo esordio negativo e concentrarsi nelle altre due gare, decisive per il passaggio del turno. L'unico della truppa romana a salvarsi è stato Todor Radonjic (autore di 7 punti e altrettanti rimbalzi), mentre l'MVP Masciarelli ha vissuto una giornata decisamente no con uno scarso 25% al tiro.