EuroBasket Under 20, i numeri del primo turno

Mentre si avvicina sempre di più l'inizio del secondo turno dell'Eurobasket U20, noi di VAVEL Italia vi riassumiamo il primo turno dal punto di vista dei numeri.

EuroBasket Under 20, i numeri del primo turno
Eurobasket U20, i numeri del primo turno

Domani avrà inizio la seconda parte dell'Eurobasket U20, che si sta svolgendo in quel di Lignano Sabbiadoro, e noi di VAVEL Italia vi riassumiamo tutto il primo turno attraverso i numeri.

ANTYPOV HIGH-SCORER, MA OCCHIO A LECOMTE- Il miglior realizzatore della prima fase è stato il centro Ucraino Oleksandr Antypov, il quale ha viaggiato ad una media di ben 21 punti per partita (in totale ha messo a segno 84 punti), grazie alla quale ha permesso ai suoi di conquistare il terzo posto del girone e a qualificarsi per il secondo turno della competizione. A soli 8 punti di distanza c'è il belga Emmanuel Lecomte (noi Italiani ce lo ricordiamo bene vista la sconfitta rimediata contro il Belgio), che ha confermato ciò che aveva fatto vedere l'anno scorso in Division B viaggiando a circa 19 punti di media. Nel posto più basso del podio Aleksej Nikolic, guardia slovena del Bamberg di Trinchieri, che ha viaggiato a circa 17 punti di media a partita; attenzione a quest'ultimo perché lo vedremo l'anno prossimo in Eurolega contro la Dinamo Sassari.

Il belga Lecomte (foto Ciamillo/Castoria)

SABONIS DOMINA A RIMBALZO, BUON SANGUE NON MENTE- Nella speciale classifica dei rimbalzi, a dominare c'è ovviamente uno dei futuri marchi di fabbrica del basket lituano, ovvero Domantas Sabonis (figlio del celebre Arvydas). Nel corso del primo turno il giovane centro lituano (oggi in forza all'università di Gonzaga) ha raccolto in totale ben 54 rimbalzi (13.5 di media a partita), grazie ai quali ha contribuito al passaggio del turno della sua nazionale. Dietro, a quattro rimbalzi di distanza, si trova il lettone Rolands Smits (ala di proprietà del Baloncesto Fuenlabrada), che ha viaggiato a 12.5 rimbalzi di media. Ovviamente al terzo posto non poteva che esserci l'Ucraino Antypov, che mantiene non solo un'ottima media realizzativa ma è capace di dire la sua anche sotto le plance a livello di rimbalzi, infatti finora ha viaggiato a 10 rimbalzi di media.

Sabonis, figlio d'arte (foto Ciamillo/Castoria)

KOURIL RE DEGLI ASSIST, DIETRO CI SONO SHARON E JARAMAZ- Sotto il punto di vista degli assist, la classifica è comandata dal Ceco Radovan Kouril (già adocchiato da qualche franchigia NBA), il quale ha viaggiato a circa 8 assist di media a partita nel corso di questa prima fase. Dietro si trova una voragine, infatti i due più vicini al giocatore ceco sono l'Israeliano Sharon (grande protagonista nell'ultima partita della sua nazionale) e il serbo Jaramaz, i quali viaggiano entrambi a 4.3 passaggi per gara. Dei numero incredibili, quelli mantenuti dal playmaker ceco nel corso di questa prima fase, anche se adesso arriva la parte più difficile, ovvero mantenere costante il proprio rendimento con avversari di maggiore livello.

Sharon, play di Israele (foto Ciamillo/Castoria)

milloSERBIA SCHIACCIASASSI, ITALIA SOLO 14ESIMA- Per quanto riguarda la vena realizzativa del torneo, senza dubbio la palma di miglior team spetta alla Serbia, la quale ha anche sfiorato il record di punti segnati in una partita nella vittoria 104-61 contro la Bulgaria. Il team serbo ha viaggiato ad una media di quasi 89 punti di media a partita, lasciandosi alle spalle nazionali nettamente più talentuose come Spagna (terza a parimerito) e Francia (sesta). Al secondo posto di questa classifica troviamo la nazionale della Repubblica Ceca, autrice di 318 punti e che ha viaggiato a circa 79.5 punti di media, mentre sul gradino più basso del podio si trova Israele in coabitazione con la Spagna a quota 73 "points" di media. L'Italia di Pino Sacripanti è  solo 14esima in questa speciale classifica, infatti gli Azzurrini hanno viaggiato a circa 60.7 punti per gara come Croazia e Gran Bretagna. Ma questa "pochezza" in fase offensiva è speculare ad un'ottima fase difensiva, non a caso la Gran Bretagna e gli Azzurrini sono due delle migliori difese dell'intera competizione, soprattutto i primi che con la loro difesa aggressiva hanno viaggiato a quasi 12 palle rubate per partita.

Peterka, stella della Repubblica Ceca (foto Ciamillo/Castoria)

Basket