Eurocup, serata da incubo per le italiane

Serata nera per le italiane, perdono tutte e cinque chiudendo nel peggiore dei modi la Last 32.

Eurocup, serata da incubo per le italiane
Foto: pallacanestroreggiana.it

L'EA7 Emporio Armani Milano cade nel secondo tempo, subendo un parziale di 37-13 contro il già eliminato Aris Salonicco, ma passa ugualmente il turno al primo posto. Peggiore della serata un inguardabile Andrea Cinciarini, che perde 10 palloni sanguinanti e fa pesare l'assenza di Mantas Kalnietis, risparmiato da Repesa per un infortunio alla caviglia. Il match si conclude 83-68 e ora Milano incontrerà il Banvit, squadra turca arrivata seconda nel suo girone dopo aver battuto il Bilbao.

Poco dopo è la volta di una rimaneggiata Grissin Bon Reggio Emilia, che si presenta con soli 5 senior disponibili, tre '98 e un '99 oltre a Vladimir Veremeenko, volato in Turchia solo per obbligo di firma. Sono rimasti a casa infatti gli infortunati Pietro Aradori, Stefano Gentile, Rimantas Kaukenas e Darius Lavrinovic. Il Pinar Karsiyaka è sempre avanti e vince largamente 109-66, chiudendo il girone al secondo posto dietro a Trento.

Contemporaneamente non riesce l'impresa al Banco di Sardegna Sassari che perde in Turchia contro il Galatasaray, chiudendo la sua fallimentare stagione europea. 87-69 il risultato finale, anche troppo pesante probabilmente rispetto a quanto fatto vedere in campo visto che Sassari ci ha provato fino alla fine. Pesa tantissimo la sconfitta nella prima partita del girone contro lo Szolnoki Olaj, che di fatto ha compromesso il passaggio del turno.

Perde a sorpresa anche la Dolomiti Energia Trento, che in casa viene travolta nel secondo tempo dal Trabzonspor già eliminato, perdendo 89-73. Una partita molto equilibrata nel primo tempo, ma i turchi piazzano l'accelerata nella ripresa chiudendo la pratica. Comunque il passaggio del turno era già al sicuro e ora Trento affronterà il CAI Zaragoza, che aveva finito al secondo posto nel girone di Sassari.

Cade davanti al proprio pubblico anche l'Umana Reyer Venezia, che sarebbe stata ugualmente eliminata vista la vittoria del Ludwigsburg contro lo Zenit. Esultano i polacchi dello Stelmet Zielona Gora invece, che avevano una differenza punti positiva rispetto ai tedeschi e passano al prossimo turno vincendo 68-58. Pesano su Venezia le assenze di Mike Green e Hrvoje Peric, troppo importanti per il sistema di coach Recalcati.


Share on Facebook