Rio 2016, basket maschile: Venezuela batte Cina, corsa ancora aperta

Vargas e Colmenares trascinano i sudamericani, i quali rischiano di essere rimontati nella seconda parte di gara.

Rio 2016, basket maschile: Venezuela batte Cina, corsa ancora aperta
Rio 2016, basket maschile: Venezuela batte Cina, corsa ancora aperta

Il Venezuela rilancia le proprie ambizioni, sconfiggendo la Cina e facendo un buon passo in avanti verso un'importantissima qualificazione alla fase a eliminazione diretta del torneo di basket maschile alle Olimpiadi di Rio de Janeiro. Finisce 72-68 in favore dei sudamericani in una Carioca Arena che, a dire il vero, non era del tutto piena.

L'inizio dell'attacco cinese non è esattamente dei migliori, con due palle perse e il primo canestro che arriva dopo due minuti e mezzo, quando il punteggio recita però già 7-0 Venezuela. Yi Jianlian si rende conto di dover trascinare i suoi connazionali, ma Vargas risponde con la tripla che ricaccia indietro gli orientali sul -8 con cinque punti in fila. In ogni caso, continua ad avere buon gioco la difesa venezuelana, mentre in attacco le cose funzionano e il vantaggio in doppia cifra diventa cosa concreta ben presto. Anche perchè Colmenares segna canestri importanti e poi ci pensa ancora Vargas a firmare la bomba del 23-10 a due minuti dal primo intervallo. Ding segna da tre punti e chiude il primo quarto sul 13-25, ma soprattutto apre un parziale di 8-0 che consente alla Cina di accorciare le distanze. I sudamericani non si scompongono, anche se le percentuali in attacco cambiano in negativo e la Cina scende fino al pareggio a quota 29 con un altro parziale di 8-0 che culmina a quattro minuti dalla fine. La partita diventa equilibrata, la panchina venezuelana non è così efficace e anche Vargas cala: per fortuna Colmenaares realizza il layup che vale il 38-35 di metà gara.

Il secondo tempo si apre con il -1 cinese firmato da Zhou, mentre Guo firma il primo vantaggio orientale a 7.30 dalla fine del quarto. Il Venezuela prova a ritirarsi su con Vargas che torna a segnare, ma la gara inizia ad avere percentuali pessime e, di conseguenza, punteggi bassi. Per qualche possesso non si segna, poi ci pensa il Venezuela con un parziale di 5-0 ad allungare di nuovo grazie a Cox. I cinesi non ci stanno e firmano un controparziale di 6-0, che si chiude con il canestro di Zhou che vale il 51-50 prima dell'ultimo intervallo. Vargas assiste Perez per il nuovo +3 venezuelana, la Cina continua ad avere problemi realizzativi se non con Zhou, ma il numero 5 sudamericano continua a fare da mattatore, prima con il jump shot e poi con l'assist per la tripla di Perez per il 59-52. Yi Jianlian torna a battere un colpo, ma Vargas ha deciso di vincere la partita da solo, così firma la bomba del +8 a quattro minuti dalla fine. Guo e Zhou risollevano gli orientali fino al -1, poi sono le difese a prendere il sopravvento e ciò fa il gioco del Venezuela, che riesce a mantenere il vantaggio fino ad allungare nuovamente con Colmenares. Poi la battaglia dei tiri liberi non cambia la sostanza del match, anzi il Venezuela chiude con Vargas.

VENEZUELA - CINA 72-68 (23-10; 38-35; 51-50)

VENEZUELA - Echenique 4, Lewis, Marriaga, G.Vargas 13, Cox 5, Cubillan 3, J.Vargas 10, Ruiz 5, Graterol, Guillent 9, Perez 7, Colmenares 16.

CINA - Zhao 2, Sui, Guo 17, Ding 7, Zhai 2, P.Zhou 6, Yi Jianlian 18, Li 2, Muhao ne, Zou 3, Q.Zhou 11, Wang.