Sidigas Avellino - Reyer Venezia in Champions League Basket (68-72): lagunari avanti, irpini eliminati

Sidigas Avellino - Reyer Venezia in Champions League Basket (68-72): lagunari avanti, irpini eliminati
Sidigas Avellino
68 72
Reyer Venezia
Sidigas Avellino: Zerini 3, Ragland 9, Green, Logan 15, Esposito, Leunen 3, Cusin, Severini, Randolph 14, Fesenko 12, Thomas 12, Parlato. All: Sacripanti.
Reyer Venezia: Haynes 16, Hagins 5, Ejim 10, Peric 9, Bramos 4, Visconti, Filloy 8, Ress 6, Ortner 4, Taddeo, Viggiano, McGee 10. All: De Raffaele.
SCORE: 1Q: 14-21; 2Q: 13-19; 3Q: 22-16; 4Q: 19-16.
ARBITRO: Panagiotis ANASTOPOULOS (GRE) Haris BIJEDIC (BIH) Sasa MARICIC (SRB)
NOTE: Si gioca al Pala Del Mauro di Avellino. Incontro valevole per il ritorno degli ottavi di finale di Champions League. Inizio ore 20.30.

Per questa sera è davvero tutto amici lettori di Vavel Italia. Da Andrea Bugno e dalla redazione basket di Vavel, l'augurio di una serena buonanotte. 

Non bastano alla Sidigas i 12 con 16 rimbalzi di un pazzesco, encomiabile, Kyrilo Fesenko. Logan si riprende con il passare dei minuti e risulta, con 15, il miglior marcatore degli irpini. Decisivi, per Venezia, i 16 di Haynes, 7 dei quali arrivati nei momenti cruciali della sfida. In doppia cifra anche Ejim e McGee con 10. 

Si infrange probabilmente sul layup sbagliato da Logan il sogno di Avellino, che nonostante una rimonta d'orgoglio cede nel finale alla giocata di Haynes, decisivo nei finali delle due frazioni. 

Sbaglia Thomas da tre, Venezia espugna il PalaDelMauro bissando il +4 dell'andata! I lagunari si qualificano ai quarti di Champions, eliminando la Sidigas Avellino, rea di aver lasciato più di un tempo alla squadra ospite. 

68-72 2/2 di Haynes! Ultima sospensione per Sacripanti. Più otto complessivo, Venezia ha in tasca la qualificazione. 

0/2 per Ragland, con Venezia che elude la pressione. 12" alla fine, Haynes in lunetta e sogni di gloria praticamente infranti per la Sidigas. 

Lo stesso Filloy ferma il cronometro per togliere il tiro da tre a Ragland. Due liberi per l'ex milanese, che sbaglia il primo rendendo vani gli sforzi irpini. 

2/2 per Filloy. Venezia a venticinque secondi dalla qualificazione. 

Fallo sistematico per Avellino, Logan lo commette su Filloy. 

Fallo su Fesenko! Due liberi in arrivo per l'ucraino, che prova la schiacciata ma non converte. 30" al termine. 68-68, si torna in parità! Time out De Raffaele! Venezia sempre sul più quattro considerando anche la gara d'andata. 

Persa di Haynes! Infrazione di passi sul raddoppio irpino. Gara ancora aperta! 

2/2 per Logan, -1 Avellino, che torna a pressare a tutto campo. 

Fallo ingenuo di Peric su Logan, due liberi in arrivo. 40" sul cronometro. 

65-68 HAYNES!!! IN PENETRAZIONE, SCHIACCIA DI PREPOTENZA, RIPORTANDO VENEZIA AVANTI DI TRE LUNGHEZZE, SUL PIU' SETTE NEL COMPLESSO!!!! UN MINUTO AL TERMINE, SACRIPANTI CHIAMA SOSPENSIONE! 

Incredibile l'errore di Logan! Ress sbaglia da una parte, l'ex Sassari vola dall'altra, fallendo il reverse. 

Ragland si prende la responsabilità, ma fallisce la pennellata mancina. Stregato il canestro per gli irpini quando si tratta di operare il sorpasso. 

Passi di Peric, possesso Avellino. 

65-66 1/2 per Randolph, con Fesenko che tocca ma non controlla a rimbalzo. Attacco Venezia a 2' dal termine. 

Altro errore, il quinto di fila. Randolph trova il rimbalzo ed il fallo di Ortner. Quarto per lui, due liberi per Randolph. 

Sbaglia Haynes da una parte, Logan non trova Fesenko sotto canestro. La palla si fa sempre più pesante, Ortner subisce il contatto, ma gli arbitri non ravvisano nulla, stesso dicasi dalla parte opposta su Thomas. 

64-66 Randolph!!! Con l'arresto e tiro! Perfetto ancora l'esterno di Sacripanti, nuovo -2 per i padroni di casa, che aggrediscono i lagunari dalla rimessa. 

62-66 Ortner! A rimbalzo d'attacco! Riporta Venezia sopra di quattro lunghezze. Resta a terra Ejim nell'occasione, dopo uno scontro fortuito con il compagno di squadra. 

Randolph accorcia dalla lunetta: il venti di casa attacca Filloy e conquista due liberi, dei quali il primo va a bersaglio. -2.  

61-64 Il canadese si carica la squadra sulle spalle nel momento decisivo. Penetrazione e fallo subito, due liberi convertiti per il nord-americano. Time out Sacripanti. Quattro e ventidue sul cronometro, Avellino è tornata prepotentemente in corsa per i quarti di finale! 

EJIM!! CHE GIOCATA! RAGLAND CAVALCA LA TRANSIZIONE DOPO L'ERRORE DI HAYNES IN PENETRAZIONE, IL CANADESE STOPPA FESENKO RIMANDANDO IL SORPASSO AVELLINESE!!! PARTITA PAZZESCA!!!

61-62 LOGAN!!!! DA TREEEEE!!! SBAGLIA IN PENETRAZIONE, TOCCA FESENKO A RIMBALZO, L'EX SASSARI PUNISCE E PAREGGIA!!!! PIEDE SULLA RIGA, IL TIRO E' DA DUE! 

Palla persa da Venezia, Filloy pesta la riga. Avellino con la palla del pareggio! De Raffaele predica calma, il PalaDelMauro è una bolgia adesso! 

59-62 RANDOLPH!!!! DA SOTTO, MENO TRE IRPINO! LA GARA TORNA IN EQUILIBRIO, A CINQUE DALLA FINE!!! 

57-62 FESENKO! LA REPLICA, DA SOTTO, DEL CENTRO AVELLINESE!!! RIMBALZO D'ATTACCO, IL TREDICESIMO DELLA SUA GARA, POI DUE AL VETRO! 

55-62 FILLOY!!! PAZZESCA TRIPLA! VENEZIA RESTA A GALLA, NEL MOMENTO PEGGIORE! 

Adesso è selvaggia la pressione di Avellino in difesa. Intensità ed entusiasmo, Venezia sembra pagare. 

Sbaglia Filloy in attacco, Avellino recupera con Thomas, ma Randolph spreca commettendo un ingenuo fallo in attacco. 

Si torna in campo! Avellino di nuovo a otto punti dalla qualificazione! 

55-59 Logan! LOGAN!!! DUE VOLTE LOGAN! PRIMA IN PENETRAZIONE, POI CON LA RUBATA SULLA PRESSIONE E LA SCHIACCIATA DEL -4! ARRIVA LA SCOSSA, A SETTE DALLA FINE! AVELLINO TORNA IN CORSA!!! TIME OUT DE RAFFAELE! 

Abile, Bramos, ad attaccare in palleggio il cambio di Fesenko sul pick and roll: fallo e due liberi per l'ala ospite, che sbaglia il primo, poi infila il secondo. Più 8. 

Due errori da tre di Venezia, di Bramos prima e di Ress successivamente, ma Logan non ne approfitta perdendo palla a centrocampo. 

51-58 Randolph attacca bene il pitturato, subendo fallo e realizzando i due liberi. Thomas dentro per Zerini, con Sacripanti che abbassa ulteriormente il quintetto. 

49-58 0/2 per l'ucraino in lunetta, Bramos punisce Avellino in penetrazione appoggiandosi al tabellone. 

Si parte! Inizia l'ultimo periodo! Ragland immediatamente da Fesenko, che subisce fallo ed andrà in lunetta per accorciare il divario. 

A fatica, ma con orgoglio, Avellino prova a tenere testa a Venezia e rientrare in corsa per la qualificazione. Più undici, ad un quarto dalla fine, per gli ospiti, che nel finale cala d'intensità in difesa lasciando spazio ed adito alla rimonta irpina. 

49-56 LOGAN!!!!! DA TREEEEE!!!! TERZA TRIPLA DI FILA, STAVOLTA L'EX SASSARI, ANCORA ALLO SCADERE, PIAZZA LA BOMBA CHE DA FIDUCIA ED ENTUSIASMO AL PUBBLICO DI CASA!!!! SUL FERRO IL JUMPER DI FILLOY! 

46-56 RESS!!!! REPLICA IMMEDIATAMENTE DALLA PARTE OPPOSTA L'EX SENESE!!! PERFETTA VENEZIA NEL MOMENTO DI MAGGIORE BISOGNO!!! 

46-53 ZERINI!!!! DA TRE!!!! SULLA SIRENA, L'ITALIANO RICEVE DA RAGLAND E PIAZZA LA BOMBA DEL -7!!!!!

43-53 Ragland! Ancora in penetrazione, contro la zona ospite, riporta sotto di otto gli irpini. Il bonus punisce però la squadra di Sacripanti, che paga dazio con due liberi di McGee, tornando sotto di 10. 

28' Peric sbaglia due volte, prima dalla lunetta poi da sotto. Ejim è perfetto a rimbalzo, ma nella seconda occasione pesta la riga di fondo e consegna la palla ad Avellino. 

41-51 Due palle perse in rapidissima successione, una di Ragland, un'altra di Haynes. Thomas dalla parte opposta, dopo aver sbagliato la tripla, realizza dopo il rimbalzo di Zerini. 

39-51 EJIM! GIOCO DA TRE PUNTI, IN PENETRAZIONE, PER L'ALA CANADESE, CHE CAPITALIZZA E RIPORTA VENEZIA SUL CONFORTANTE PIU' 12! 

39-48 Peric allunga dalla lunetta, Sacripanti richiama Fesenko ed abbassa il quintetto con Zerini. Thomas, dopo una buona azione degli irpini, sbaglia l'appoggio, ma Randolph accorcia nuovamente sfruttando la pressione dei compagni. 

37-46 0/2 per Fesenko dalla lunetta, Venezia si affida ancora a Filloy che sbaglia da tre. Ragland è perfetto in transizione, dopo il rimbalzo di Fesenko, a volare a canestro. 

35-46 FILLOY! RISPONDE IN USCITA DAI BLOCCHI! TRIPLA E NUOVO PIU' 11 PER I LAGUNARI! 

35-43 RAGLAND! IN PENETRAZIONE, CONTRO TRE AVVERSARI, AVELLINO CI CREDE! MENO OTTO! 

33-43 Tanti errori in campo: Leunen forza da tre, Peric non trova il fondo della retina. Ragland prova a buttarsi in penetrazione, trovando il fallo di Ortner e due liberi. 1/2 e meno dieci irpino. Fesenko torna a fare la voce grossa a rimbalzo, il nono della sua gara, riciclando la sfera. 

32-43 Ragland cavalca la transizione, apre per Thomas che infila la tripla della speranza. McGee prova a riscattarsi dalla parte opposta, ma finisce con il perdere palla e concedere ad Avellino l'occasione di accorciare. 

Sbaglia Bramos da una parte, Thomas replica dall'altra. Green dimentica McGee oltre l'arco, ma il veneziano non punisce. 

29-43 Thomas! Solita scelta di cavalcare il post contro Bramos, due facili per l'ala di casa. 

Altra persa, banale, di Avellino! Green finta la tripla e serve Fesenko, che nel frattempo aspettava la conclusione del compagno. Sfiduciata, adesso, la squadra di casa. 

27-43 HAYNES! RIPRENDE DOVE AVEVA LASCIATO! TRIPLA E MASSIMO VANTAGGIO VENEZIANO!!!! PIU' VENTI COMPLESSIVO! 

Tutto pronto per l'inizio della ripresa. Green con Ragland in cabina di regia per Avellino, De Raffaele con il quintetto iniziale. 

21.20 Squadre tornate in campo. Venezia è stata fin qui bravissima ad arginare con l'aggressività in difesa le tre guardie (Logan, Green, Ragland) avellinesi, costrette a firmare soltanto sei punti dei ventisette complessivi di squadra. 

21.15 Avellino paga l'1/11 dalla distanza, con Logan fermo a quota 4 con 2/5 dal campo. Perfetto, o quasi, Haynes dalla parte opposta: 9 punti conditi da 2 assist e l'80% dal campo. 

21.10 Ultimo minuto di primo tempo da brividi per la Sidigas, che tornata sul -6 ed ancora in corsa per la qualificazione, vede scappare nuovamente i lagunari sul più 17 complessivo! Hagins si erge a protagonista assoluto nel finale, approfittando di un paio di forzature di troppo degli irpini, fin troppo frenetici nella rincorsa. Venezia in controllo. 

27-40 HAYNES!!! SULLA SIRENA!!!! CLAMOROSO FINALE DI PRIMO TEMPO, CON LOGAN CHE FALLISCE LA TRIPLA APERTA ED ESPONE AL CONTROPIEDE DI VENEZIA LA SUA SQUADRA! FILLOY GESTISCE PERFETTAMENTE, APRENDO PER HAYNES CHE PIAZZA LA BOMBA DEL PIU' TREDICI ALL'INTERVALLO LUNGO! 

27-37 Venezia si salva sulla pressione, Haynes punisce un'ottima difesa di Avellino, beffando Green con lo step back e mettendo dentro il canestro del più 10. Pazzesco canestro del play ospite. 

Passi in attacco per Randolph, mentre Zerini rileva un ottimo Fesenko. Ultimo minuto del primo tempo, fondamentale per Avellino. 

L'entusiasmo del PalaDelMauro spinge adesso gli irpini, che si ripresentano sul parquet pressando a tutto campo. Hagins si beve la pressione, appoggiando da sotto il più 8. 

18' 27-33 RAGLAND!!!! ALTRO ERRORE DI ORTNER, IL PLAY AVELLINESE VOLA IN CONTROPIEDE, REALIZZA E COSTRINGE AL TIME-OUT DE RAFFAELE!!! MENO SEI PER GLI IRPINI, CHE SI AGGRAPPANO ALLA GARA! 

Affrettata la scelta di McGee, così come quella di Logan, che nell'intento di accorciare sbaglia la tripla. 

25-33 Fesenko! Altra schiacciata, si infiamma la gara! 

23-33 Ress!!! Punisce Venezia l'errore di Avellino! Dalla distanza la bomba del nuovo più dieci dei lagunari. 

Clamoroso errore di Ortner da sotto, al quale sfugge la palla di mano quando doveva soltanto appoggiare a canestro. Non ne approfitta Fesenko, che fa altrettanto dalla parte opposta. 

23-30 Sbaglia Ejim in attacco, Randolph infiamma il PalaDelMauro con l'arresto e tiro. Adesso anche il pubblico è finalmente in partita, al pari della squadra di casa! 

Randolph sbaglia il libero, Fesenko presentissimo riapre per Logan, che allo scadere del cronometro dei 24 realizza il -9. 

19-30 Randolph! Palla rubata da Logan a centrocampo, contropiede dalla parte opposta con il 20 di casa che conquista un preziosissimo gioco da tre punti. 

17-30 EJIM!!! TRIPLA!!!! Venezia scappa via! Più tredici, esulta la panchina dei lagunari per il massimo vantaggio. 

Poca fiducia in attacco per la Sidigas, che si tramuta in scarse percentuali dal perimetro ed in scelte non sempre ineccepibili al tiro. Decisamente diverso l'atteggiamento dei lagunari, maggiormente liberi mentalmente. 

17-27 Fesenko prova a caricarsi la squadra sulle spalle: buona la posizione il post, così come la virata, meno la mira ai liberi. 1/2 per lui, tornano Logan e Leunen in campo. Sospensione per De Raffaele. 

16-27 Altro errore di Green da tre, Hagins aggira ancora Fesenko in post e realizzando in semigancio. +11 ospite ancora. 

16-25 Fesenko! Corregge l'air ball da tre di Green e schiaccia di prepotenza! E' il lungo di casa a provare a suonare la carica per i ragazzi di Sacripanti, visibilmente sotto ritmo. 

Continua tuttavia l'emorragia difensiva per gli irpini, che dimenticano il taglio di McGee sotto canestro: Zerini costretto al fallo, 1/2 per la guardia ospite dalla lunetta. 

Arriva a 8' dal termine del secondo quarto la prima sospensione, necessaria, per Pino Sacripanti, che proverà a scuotere i suoi, visibilmente imprecisi al tiro come a rimbalzo. 

14-24 Buona la scelta di Ragland in attacco, sbagliata tuttavia la mira del mancino statunitense. Non sbaglia invece McGee dalla parte opposta, che sigla la doppia cifra di vantaggio per gli ospiti. 

11' Primo errore di Avellino in attacco, con Ragland. Filloy replica dalla parte opposta, trovando però soltanto il ferro. Ejim conferma la supremazia lagunare a rimbalzo, con gli irpini adesso in confusione. 

Impietoso, nel primo quarto, il dettaglio dei rimbalzi tra le due squadre: Venezia domina 11-5, con il solo Fesenko ad opporsi. 

14-21 Fine primo quarto! Randolph prova ad attaccare dal palleggio Viggiano, che lo stoppa e rilancia il contropiede. L'ala sbaglia la tripla, Hagins ricicla la sfera a rimbalzo e serve perfettamente Ejim, che da sotto firma il massimo vantaggio alla prima pausa ed il parziale di 5-0 dei veneti in chiusura di frazione! +11, nel complesso, il vantaggio dei lagunari. 7 per uno scatenato Peric! 

14-19 Buono schema della Sidigas in attacco, Leunen fallisce il pareggio da tre. Green scippa McGee, non secondo il trio arbitrale. Due liberi tra le proteste generali del PalaDelMauro e della panchina avellinese. Nuovo più cinque veneto. 

14-17 Disattenzione di Thomas, che sulla rimessa da fondo si perde Bramos. Secondo fallo per l'ala di Sacripanti. Il dirimpettaio ne approfitta a metà, realizzando uno solo dei liberi a disposizione. 

14-16 Sacripanti abbassa il quintetto inserendo Zerini per Fesenko. Bramos fallisce da tre il potenziale più 8 dei veneti, che pagano il gioco da tre punti di Thomas, abile a punire la difesa troppo blanda di Bramos in post basso. 

11-16 La penetrazione di Leunen viene frustrata dalla stoppata, regolare, di Ejim. Haynes ne approfitta in zingarata dalla parte opposta, siglando il più 5 ospite. 

11-14 Il centro di De Raffaele colpisce ancora, da sotto, sfruttando l'agilità su Fesenko! Più tre Venezia. 

1/2 di Hagins dalla lunetta, Thomas fallisce il sorpasso per Avellino. 

11-11 McGee si iscrive a referto, mentre dalla parte opposta il dominatore dell'area è ancora Fesenko! Altri due per lui, Venezia non sembra riuscire a contrastare la sua fisicità! 

4' al termine di un primo quarto di altissima intensità. Primi cambi sul parquet, dentro Randolph da una parte ed Ejim ed Hagins dall'altra. 

9-9 Thomas prova a portare Bramos in post basso, ma sbaglia da sotto. Presente Fesenko anche in attacco, che conquista rimbalzo e fallo. Altro possesso irpino, capitalizzato dallo stesso centro ucraino che impatta a quota 9!

Fesenko! Altra stoppata del centro avellinese, stavolta su Peric, che intendeva chiudere in penetrazione con la mano mancina. Si alza l'intensità della difesa di casa, che recupera un altro pallone. 

7-9 Logan! Invenzione in penetrazione dell'ex Sassari, che allo scadere riporta sotto di 2 Avellino e mette in partita il pubblico. 

Il lungo di De Raffaele prova ad azzannare la gara dalla distanza, ma fallisce in contropiede. Ragland prova a mettersi in proprio dalla parte opposta, trovando il fallo della difesa ospite sempre più aggressiva. 

5-9 Si fa sentire Fesenko sotto le plance, evitando la realizzazione di Peric. Thomas riporta Avellino sotto di 1, ma è Peric, dall'angolo, dalla parte opposta, a riportare i lagunari sul più 4. 

3-6 Leunen!!! Primo squillo avellinese. Bomba dell'ala statunitense. 

0-6 Sidigas in rottura prolungata in attacco. Altra persa di Logan, mentre Venezia è impeccabile dalla parte opposta: Peric finta la tripla e schiaccia in area. 

Atteggiamento subito aggressivo sui pick and roll degli ospiti, che forzano anche in aiuto dal lato debole recuperando palla su Fesenko! Il centro di casa è però reattivo sotto il proprio canestro, stoppando Peric. 

0-4 Persa di Thomas in attacco, buona la transizione di Venezia che con Ortner è subito avanti di quattro. 

Si parte! Palla a due conquistata da Venezia, che va a segno con Peric immediatamente! 

20.28 Ultimate anche le presentazioni delle squadre. I quintetti! Avellino con Ragland, Thomas, Logan, Leunen e Fesenko, risponde De Raffaele con McGee, Haynes, Bramos, Ortner e Peric.   

20.15 Ultimi minuti di riscaldamento e poi sarà palla a due! Encomiabili anche i tre tifosi veneziani giunti ad Avellino per sostenere la squadra di De Raffaele, che provano a farsi largo tra le maglie verdi presenti sugli spalti. 

19.45 Tutto pronto per l'inizio della sfida. Squadre in campo per il riscaldamento pregara, con il Pala Del Mauro che inizia a riempirsi! 

Buonasera amici lettori di Vavel Italia e benvenuti alla diretta testuale, live ed online, dell'incontro valevole per il ritorno degli ottavi di finale della Champions League di Basket. Al Pala Del Mauro di Avellino la Sidigas di coach Pino Sacripanti sfida la Reyer Venezia di coach De Raffaele, andando a caccia della rimonta dopo il -4 subito al Taliercio, in laguna, non più tardi di una settimana fa. Da Andrea Bugno e dalla redazione basket di Vavel l'augurio di una piacevole serata in nostra compagnia. 

Una sfida di andata tutt'altro che brillante quella dell'andata, che ha visto la Reyer Venezia aggiudicarsi il primo atto vincendo di misura con il punteggio di 53-49. Partita poco esaltante, con gli irpini padroni del gioco per almeno trentacinque minuti, nei quali hanno toccato anche il massimo vantaggio di quattordici lunghezze nel secondo periodo. Sul finale, la reazione degli orogranata, che mostrano gli artigli e completano con Hrvoje Peric la rimonta; decisivo nel più quattro finale anche il duo Haynes-Bramos. Decisiva in negativo per Avellino la serata no di Logan, che non è riuscito ad inserirsi come primo violino nell’orchestra diretta da Sacripanti, stonando le note con una performance non esaltante da due punti e bassissime percentuali.

Marquez Haynes con la bimane a canestro - Foto SuperNews
Marquez Haynes con la bimane a canestro - Foto SuperNews

Il periodo di forma delle due squadre. 

La forma della squadra irpina non è quella scintillante di inizio stagione. Ragland, che ha tolto tante volte le castagne dal fuoco, è apparso nelle ultime uscite visibilmente stanco, al pari di Leunen, il computer della squadra, che è andato in tilt in un paio di occasioni. Stesso dicasi per Thomas, specialista della fase realizzativa, che litiga spesso col canestro. Appannamento fisiologico che sembra pagare anche Fesenko, sfiancato dall'assenza di Cusin, non riuscendo ad essere più dominante come nei mesi scorsi. Infine Logan, che non sembra ancora aver fatto fare alla squadra quel salto di qualità che ci si attendeva. Eppure, per ribaltare questo quadro, basterà una vittoria, che dopo la buona prestazione dell'andata - fatta eccezione per il quarto conclusivo - sembra a portata di mano. 

L’Umana Reyer Venezia viene da un periodo decisamente ondivago: dopo l’incredibile filotto di dieci vittorie tra campionato e FIBA Champions League, i lagunari sono incappati in un periodo nero, colpa anche degli infortuni che hanno martoriato il reparto guardie, con Tonut out per un intervento alla schiena, che si è unito alle precarie condizioni di Filloy e McGee. Quattro sconfitte consecutive in campionato, culminate dalla disfatta a Cremona e l’uscita anticipata alle Final Eight contro la sorprendente Leonessa Brescia, hanno minato l’umore del roster veneziano, che si sta pian piano riprendendo con la vittoria su Avellino nella sfida d’andata e con gli innesti di Stone e Batista, tuttavia non disponibili in coppa. La truppa di De Raffaele è pronta a rilanciare le proprie fiches per un percorso più lungo possibile in campionato e con lo sguardo puntato anche sulla FIBA Champions League. 

Le dichiarazioni della vigilia. 

A circa ventiquattrore dalla sfida del Pala Del Mauro, in conferenza stampa il vice allenatore della Reyer Tucci ha così presentato la gara: "Avellino é un campo caldo che ben conosciamo. La posta in palio è altissima e sappiamo della difficoltà nell’andare a giocare una gara del genere – afferma in conferenza stampa – Il tutto sarà molto interessante perché noi e la Sidigas ci conosciamo bene: hanno a disposizione così tanto talento e l’arrivo di Logan va a rinforzare un roster già competitivo. E’ stata aumentata la pericolosità offensiva più di quanto non lo fosse già prima. Ci tocca dunque avere grande rispetto e non sottovalutare nessuno dei giocatori,  compresi quelli che escono dalla panchina. Parlo ad esempio di Randolph, che sta dando un grande contributo con la sua completezza offensiva: sarebbe riduttivo concentrarsi soltanto su Green, Logan e Ragland piuttosto che a Leunen. Venezia deve rispettare la Scandone ma avere la determinazione nel voler vincere la partita. Dal punto di vista delle energie stiamo recuperando il passo così come ha dimostrato il successo con Pesaro. Siamo pronti per questa battaglia di domani".

Discorso simile, per certi versi, quello fatto dal Direttore Sportivo della Sidigas Avellino Nicola Alberani, che ha tuttavia provato a scuotere la squadra in termini di orgoglio dopo la sconfitta rimediata domenica contro Varese: “Questa gara potrà essere l’opportunità per riscattarci dalla prestazione di domenica contro Varese. Venezia ed Avellino ormai si conoscono molto bene, si rispettano e si equivalgono per tanti aspetti. La differenza la farà l’approccio con cui scenderemo sul parquet, dovremo cercare di far rispettare il fattore campo, per noi questo aspetto deve tornare ad essere prioritario. Non nego che in questo momento ci sia un po’ di frustrazione, durante gli allenamenti settimanali ci alleniamo bene e con entusiasmo, ma durante le gare non riusciamo a raccogliere i frutti del lavoro svolto. Per noi è un’occasione importantissima e faremo di tutto per non farcela sfuggire”.

Questione psicologica.

La Scandone sembra aver pagato, in queste ultime sconfitte, anche un grosso problema di mentalità. Un ostacolo che, per la prima volta, ha condizionato le prestazioni degli irpini, chiamati quasi d'obbligo a vincere. Le ambizioni della società e dei tifosi non sono mai state alte come quest'anno. A una piazza abituata a lottare con i denti e i gomiti per salvarsi e sopravvivere se ne è sostituita una che adesso si aspetta di vincere. Perso l'obiettivo Coppa Italia, e con i playoff ancora lontani, la gara di Champions con Venezia assume i contorni di una vera prova del fuoco per Sacripanti ed i suoi, che non vogliono perdere un altro obiettivo stagionale dichiarato. 

Il precedente. 

C'è un precedente, quest'anno, nel catino irpino che sorride ai lagunari, che grazie ad una ottima prova di squadra e soprattutto di Melvin Ejim ha già sbancato il Pala Del Mauro, seppur di misura (78-80). Gara come al solito molto equilibrata quella andata in scena poco prima di Natale, con Ragland che non bastò ai padroni di casa per mettere un freno alla fisicità ed all'intensità dei veneziani e coronare la rimonta dal più dieci ospite di fine terzo quarto. 

La cronaca di quell'incontro. 

Pino Sacripanti applaude il Pala DelMauro - Foto SportAvellino
Pino Sacripanti applaude il Pala DelMauro - Foto SportAvellino

I roster a disposizione di Sacripanti e De Raffaele. 

Le statistiche di squadra della sfida.

Le statistiche individuali. 

Share on Facebook