Milano risorge e pareggia la serie

Al Forum l’Olimpia batte 91-77 il Maccabi Tel Aviv in gara 2 dei quarti di Eurolega e pareggia i conti nella serie portandosi sull’1-1. L’EA7 vince col gruppo e manda sei uomini in doppia cifra: Jerrells (17), Kangur (13), Moss (13), Langford (12), Samuels (10) e Wallace (10).

Milano risorge e pareggia la serie
Ea7 Olimpia Milano
91 77
MACCABI TEL AVIV
Ea7 Olimpia Milano: Hackett 9, Langford 12, Samuels 10, Moss 13, Melli 2; Cerella 3, Kangur 13, Lawal 2, Wallace 10, Jerrells 17. All.: Banchi.
MACCABI TEL AVIV : Smith 5, Hickman 9, Zizic 2, Blu 12, Ohayon 3; Rice 10, Ingles 5, Tyus 16, Pnini 4, Landesberg 8, Schorsanitis 3. All.: Blatt.
SCORE: 91-77 (25-17, 47-34; 66-55)

Serie riaperta grazie a a una prestazione di squadra eccellente, per la seconda volta nel giro di tre giorni Milano dimostra di poter stare eccome tra le migliori 8 d’Europa, anzi, dimostra di non essere per nulla inferiore agli israeliani al di la di quanto non dica il risultato finale (91-77). Hackett leader nella gestione offensiva (9 assist), Jerrells, Wallace e Kangur bombardieri (7/10 da 3 complessivo),L'EA7 vede tutti i suoi giocatori segnare almeno un canestro, con 6 uomini in doppia cifra (leader Jerrells con 17 punti) La serie si sposta ora in Israele, alla Nokia Arena, dove Milano dovrà vincere almeno una gara per recuperare il fattore campo.

La squadra biancorossa prende sin dall’inizio il controllo del confronto, guidando per l’intera ripresa con la doppia cifra di vantaggio, ancora una volta con un attacco super equilibrato, la zona ad infastidire gli israeliani e  i protagonisti veri sono quelli che si alzano dalla panchina, quelli che non t’aspetti: CJ Wallace, che, reduce dagli zero minuti di gara-1, fa ubna grande prova(7 dei suoi 10 punti arrivano nel quarto periodo, compresa la tripla della staffa a 2’40” dal termine), Kristjan Kangur fa  13 punti, un immacolato 5/5 e e, soprattutto, Curtis Jerrells.

L'Olimpia prende possesso della gara fin dai primi minuti e al 9' arriva già il più 10 (25-15) con un canestro di Langford. Il Maccabi, però, è vivo e torna a farsi sotto con un parziale di 8-0 coi canestri di Landesberg e Pnin. La zona mette in grande difficoltà l’attacco israeliano e gli ospiti perdono il loro totem Schortsanitis, dopo una brutta caduta.  Kangur segna a 10 punti con 4/4 e riporta  Milano sul più 10 con una tiro da tre punti. Ed è sempre l’ estone  a chiudere il primo tempo con un'altra tripla del più 13 (47-34 al 20’)

I  biancorossi proseguono il loro grande momento al rientro dagli spogliatoi, trovando tre triple in serie e salendo al +17 (58-41 al 24’), con due centri consecutivi di Moss e fallendo con Hackett la tripla del +20. Luca  Banchi ingenuamente si fa fischiare un fallo tecnico per proteste reiterate e il Maccabi torna sotto con tre liberi trasformati da Tyus (59-46). Milano chiude così in vantaggio di 11 (66-55) il terzo quarto  con i canestri pesanti di Ingles e Blu. Gli spettri di gara 1 aleggiano sul Forum, però Jerrells e Wallace segnano tiri di grande peso specifico e, con un parziale di 13-3 a cavallo dell’ultimo intervallo, portano Milano al massimo vantaggio (76-58 al 34’) Nel finale il Maccabi non riesce a recuperare e Hackett a 15" dalla sirena mette il triplone del 91-77 con cui si chiude il match. 

 Vittoria più che meritata. Adesso la serie si sposta a Tel Aviv: lunedì va in scena gara 3. ora l’Olimpia dovrà vincere una delle due gare se vorrà tornare a disputare la decisiva gara 5 a Milano.


Share on Facebook