Eurolega: Real troppo forte, la Dinamo si arrende 115-94

Non riesce il miracolo sportivo alla Dinamo, che si deve arrendere ad un Real in grande spolvero, che surclassa la truppa di Sacchetti con il punteggio di 115-94.

Eurolega: Real troppo forte, la Dinamo si arrende 115-94
Shane Lawal, MVP della Dinamo ieri sera
Real Madrid
115 94
Dinamo Sassari
Real Madrid: Kelvin Creswell Rivers 8, Andrés Nocioni 15, Facu Campazzo 8, Jonas Maciulis 6, Felipe Reyes 17, Sergio Rodriguez 6, Gustavo Ayon 14, Jaycee Carroll 15, Sergio Llull 15, Ioannis Bourousis 2, Marcus Slaughter 4, Salah Mejri 5. All: Pablo Laso.
Dinamo Sassari: David Logan 14, Edgar Sosa 15, Rakim Sanders 10, Giacomo Devecchi ne, Shane Lawal 12, Massimo Chessa, Jerome Dyson 16, Brian Sacchetti 3, Manuel Vanuzzo ne, Jeff Brooks 4, Miroslav Todic 20. All: Meo Sacchetti
SCORE: 27-17, 30-25; 27-22, 31-30.
ARBITRO: BELOSEVIC, ILIJA (SRB), HERCEG, SINISA (CRO), BISSANG, JOSEPH (FRA) Attendance: 7154 (Tentative)
NOTE: ARENA: BARCLAYCARD CENTER ATTENDANCE: 7154

Serviva un'impresa alla Dinamo Sassari, che viene asfaltata da un Real davvero troppo forte, che mantiene la sua imbattibilità stagionale; il punteggio finale è di 115-94.

Il primo quarto comincia sotto il segno del Real, che trova i primi canestri con Llull (15 punti e 6 assist) e Ayon (14 punti), ma la Dinamo c'è: infatti non solo recupera ma trova il primo vantaggio con le triple di Logan (14 punti) e Dyson (16 punti e 6 rimbalzi), che fissano il punteggio sul 6-8. Ma con il passare del tempo, la superiorità tecnica dei Blancos viene fuori, mentre la Dinamo si spegne sempre più: non a caso arriva un super parziale di 15-2, lanciato dalla strapotenza di Nocioni (15 punti e 6 rimbalzi) sotto le plance e guidato saggiamente da Llull, che regala ai suoi il primo vantaggio in doppia cifra (+11).  Sassari sembra vedere la luce con i canestri di Sacchetti (3 punti, 5 rimbalzi e 4 assist) e Dyson, ma un canestro di Nocioni nel finale, fissa il punteggio sul 27-17.

Il secondo atto segue esattamente il medesimo copione della prima frazione, con una bomba di Jaycee Carroll (15 punti). che apre il nuovo parziale del Real e rende inutile la reazione di Lawal (doppia-doppia con 12 punti e 13 rimbalzi); scatenato nell'occasione anche Rodriguez (6 punti e 12 assist), che porta i suoi sul +12. Una grande emoraggia che però viene allentata dal duo Lawal-Logan, che porta la -7, ma ancora una volta i sardi si spengono nel momento più bello subendo l'ennesimo parzialone, che stavolta ha come protagonisti Bourousis (2 punti) e Reyes (17 punti e 5 rimbalzi), che con la loro classe rilanciano i Blancos sul +16. Il cuore della Dinamo non basta però, infatti l'ennesimo tentativo di rimonta di Logan, viene stroncato in tronco da Rivers (8 punti e 4 rimbalzi) e Mejri (5 punti), che con i loro canestri fissano il punteggio di 57-44.

Dopo l'intervallo, Sacchetti prova a cambiare le carte in tavola, passando ad una difesa a zona, ma Real è indemoniato e guidato da un Llull superbo, scatenato da dietro l'arco, riesce ad oltrepassare anche questo ostacolo. Per la Dinamo inutili i tentativi del solito Logan, messo alle corde anche da qualche problema fisico, e Sanders, infatti Real chiude la frazione, avanti di 20 (84-64); va segnalata la guerra da dietro l'arco del finale di tempo, con una sfida tra i due sardi Dyson e Sosa (15 punti) e lo spagnolo Campazzo.

L'ultimo quarto di gioco è un autentica passerella per i Blancos, mentre gli uomini di Sacchetti cercano in ogni modo di poter accorciare il divario. Devastanti le prestazioni di Nocioni e Carroll, che continuano ad aprire il fuoco da tre trovando spesso il fondo della retina, mentre Todic (20 punti) continua il suo show e Lawal dà spettacolo con una schiacciata mostruosa con la quale si prende gli applausi di tutto il palazzetto. Il risultato finale è di 115-94, con Sassari che chiude il match sotto i 20 punti; una notizia positiva, visto la mole offensiva prodotta da un Real devastante.