Eurolega top 16, Olympiacos troppo superiore, Milano cede: qualificazione lontana

I greci sbancano al forum con ben cinque giocatori in doppia cifra, con Spanoulis ed Hunter i migliori a 14 punti. Non basta la prova d’orgoglio di capitan Gentile, top scorer con 24 punti e di Marshon Brooks,

Eurolega top 16, Olympiacos troppo superiore, Milano cede: qualificazione lontana
EA7 Olimpia Milano
74 83
OLYMPIACOS PIRAEUS
EA7 Olimpia Milano: Ragland 9, Brooks 17, Gentile 24, Gigli, Cerella 4, Melli, Kleiza 5, James 3, Hackett 5, Samuels 4, Moss 3, Elegar
OLYMPIACOS PIRAEUS: Hunter 14, Dunston 12, Spanoulis 14, Papapetrou 3, Sloukas 6, Christodoulou, Printezis 13, Mantzaris 6, Kavvadas, Lafayette, Darden 10, Lojeski 5

 Il calvario in Eurolega continua per l' Ea7 che ci prova, resta in partita e rincorre, ma i greci si sono dimostrati troppo forti riuscendo a respingere tutti gli assalti milanesi. L’Olympiacos si impone per 83-74,  con l’Olimpia che non è mai riuscita ad andare oltre un -1 nel secondo quarto. Non basta la prova d’orgoglio di capitan Gentile, top scorer con 24 punti e di Marshon Brooks, che ne mette a referto 17. Dall’altra parte grande prova di squadra dell’Olympiacos, con ben cinque giocatori in doppia cifra, con Spanoulis ed Hunter i migliori a 14 punti.

Milano parte  con Gentile,Hackett,Moss Samuels e Melli. L olympiacos invece Dunston,Spanoulis,Printezis,Mantzaris e Darden. Inizia in salita per Milano, Dunston domina Samuels, è Gentile con il suo classico tiro a smuovere il punteggio biancorosso, ,ma è ancora l' ex lungo di Varese con due schiacciate porta i suoi sul più 7 e Banchi è costretto a chiamare time out. Brooks viene buttato nella mischia, prova ad accorciare le distanze, ma resiste l’Olympiacos arrivando anche al 9-22 con 9/12 da due e già sei assist, 12-22, punteggio con cui si chiude il quarto.Nel secondo quarto l’Olimpia parte 6-0 con due penetrazioni di Ragland e un jump dalla media di Brooks, ma una disattenzione in difesa( Mantzaris è lasciato solo al tiro da tre) aprono al via ad un parziale di 7-0 che potrebbe spaccare di nuovo la partita, potrebbe, ma non lo fa, perché dall’altra parte Ragland e Melli firmano un 5-0 che riporta Milano sul 32-37. Riposta effimera perché l’Olympiacos reagisce e chiude il primo tempo avanti 42-32

Milano inizia con un altro attegiamento il terzo quarto con Daniele Hackett subito protagonista sia in attacco con un canestro, ma anchee in difesa subendo fallo da Dunston che si innervosisce e commette fallo tecnico. Milano c'è 35-42 , Finalmente Samuels su un bellissimo assist di Gentile si sblocca, ma ogni volta che Milano torna a contatto, l’Olympiacos trova canestri facili. Il capitano biancorosso segna otto punti in quattro minuti e tiene l’Olimpia aggrappata alla partita nonostante una tripla di Spanoulis. Gli ospiti  sono sempre in controllo del match ed il terzo periodo, che si chiude sul 56-66. Nell'ultimo quarto la solfa non cambia: l’Olympiacos mantiene il controllo sotto le plance con Hunter e colpisce con gli esterni, in particolare con Sloukas. Gentile, con un secondo tempo di coraggio estremo, prova a tenere l’EA7 a galla. La tripla di Kleiza vale il meno otto,ma i greci scappano a +13 e poi controllano, senza mai soffrire gli ultimi assalti disperati dell'Olimpia. Finisce 74-83  Un’impresa che non riesce, una Milano che deve inchinarsi ad un Olympiakos migliore


Share on Facebook