Il Cska è troppo forte, Sassari cede 78-107

Dopo un primo quarto giocato ad armi pari da Logan e compagni, il Cska pigia il piede sull'acceleratore nella seconda frazione dominando l'incontro fino alla sirena finale.

Il Cska è troppo forte, Sassari cede 78-107
Il Cska è troppo forte, Sassari cede 78-107
Dinamo Sassari
78 107
Cska Mosca
Dinamo Sassari : Logan 20, Stipcevic 16, Eyenga 14, Alexander 10
Cska Mosca: De Colo 18, Hines 15, Jackson 12, Nichols 11, Teodosic 10+10, VORONTSEVICH 10, Higgins 10
SCORE: 1Q : 26-25; 2Q: 15-35; 3Q: 22-19; 4Q: 15-28
NOTE: Seconda giornata della fase a gironi dell'Eurolega 2015/2016

Il Palaserradimigni veste l'abito di Gala per la prima uscita della Dinamo Sassari di Meo Sacchetti nell'edizione 2015/2016 dell'Eurolega. Purtroppo, l'avversaria odierna non era delle più facili da affrontare, con il Cska Mosca di Teodosic e Jackson che arrivava in Sardegna con le peggiori intenzioni di confermare la brillante vittoria della gara d'esordio ed affermarsi come una delle più forti squadre del lotto. Il play serbo entra dalla panchina e innesta le marce alte nel secondo quarto, che permettono ai russi di scappare nel punteggio e rifilare la seconda sconfitta nella massima competizione continentale per la squadra di Sacchetti. 

Inizio equilibrato con un botta e risposta con Logan e i lunghi di Sassari che rispondono ai colpi dall’arco di Vorontsevich e De Colo (10-9), Logan è caldissimo e coadiuvato da Alexander, Petway e Eyenga costringe il Cska al time out (22-17) ma Teodosic inizia la sua serata in ufficio regalando De Colo e Vorontsevich ampi spazi e tiri dalla lunetta che permettono ai russi di chiudere 26-25 il primo quarto che vede Logan già con 13 punti.

Nella seconda frazione il Cska decide che è tempo di mettere le cose in chiaro: Teodosic dall’arco colpisce (28-33) replicato da Sacchetti, Eyenga pareggia con un gancio per il 33-33, ma qui il Cska scappa e saluta la Dinamo con un parziale di 12-0 chiuso da Varnado (35-45) uno dei pochi a salvarsi in questo secondo periodo massacrante, Petway ed Eyenga provano a ridurre l’emorragia, ma Jackson e Teodosic sono di un altro pianeta e chiudono il secondo periodo col punteggio spaventoso di 41-60 con i russi che nel solo secondo quarto arrivano a realizzare il 70% dal campo.

Nel terzo quarto Logan ed Eyenga provano a suonare la carica ma il Cska amministra agevolmente senza mai rischiare con Kurbanov, Hines e De Colo che tocca il +20 (50-70). Logan e Stipcevic con un 8-0 provano a dare pepe alla gara ma Vorontsevich domina in attacco e Teodosic distribuisce assist come se piovesse, Alexander chiude con 5 punti di fila la terza frazione (63-79).

Nell’ultima frazione si entra definitivamente in garbage time, ma il Cska non molla la presa e continua a segnare con De Colo, Fridzon e Korobkov amministrati da un Teodosic che regala i suoi proverbiali assist. Sacchetti non può accettare l’atteggiamento remissimo dei suoi e chiama time out per tenere svegli con la testa i sardi. Alexander, Stipcevic e Logan sono gli ultimi ad arrendersi, Teodosic con una doppia doppia da 10 punti e 10 assist esce applaudito dal pubblico. Il Cska non ha pietà con Jackson che vuole prendersi i titoli di cosa e finisce con il punteggio di 78-107 per il Cska.

Turkish Airlines EuroLeague