Eurolega - Darussafaka ammazza-grandi, dopo CSKA e Real cade anche il Fenerbahce (67-71)

Clyburn e Wilbekin trascinano, nell'inferno della Fenerbahce Ulker Arena, il Darussafaka alla seconda vittoria consecutiva. Altro KO per Dixon e compagni che vedono le proprie ambizioni europee un po' ridimensionate.

Eurolega - Darussafaka ammazza-grandi, dopo CSKA e Real cade anche il Fenerbahce (67-71)
Eurolega - Darussafaka ammazza-grandi, dopo CSKA e Real cade anche il Fenerbahce 67-71
Fenerbahce
67 71
Darussafaka
Fenerbahce: hersek, udoh 15, MAHMUTOGLU, antic 7, sloukas 16, nunnally 2, minchev, vesely 7, kalinic 2, dixon 10, duverioglu, datome 5. all: obradovic.
Darussafaka: wilbekin 22, yagmur, batuk 2, erden 4, wanamaker 12, clyburn 20, moerman 3, aldemir 4, savas, anderson 2, bertans, harangody 2. all: blatt.
SCORE: 1Q: 18-20; 2Q: 17-17; 3Q: 13-13; 4Q: 16-21.
ARBITRO: LAMONICA, LUIGI (ITA), PEREZ PIZARRO, EMILIO (SPA), GKONTAS, SPIROS (GRE).
NOTE: INCONTRO VALEVOLE PER LA FASE A GIRONI DELL'EUROLEGA 2016/17. SI GIOCA ALLA FENERBAHCE ULKER SPORTS ARENA. INIZIO ORE 18.45.

Non sono sufficienti al Fenerbahce di Zelimir Obradovic le ottime prestazioni di Udoh e Sloukas per tornare al successo in eurolega di fronte ai propri caldissimi tifosi. Passano Clyburn e compagni, che si confermano ancora una volta bestia nera per le grandi e portano a casa un altro importante successo dopo la vittoria casalinga con il Real Madrid. I padroni di casa pagano le pessime percentuali al tiro dall’arco - Dixon 2/8, Sloukas 0/3 - e perdono la seconda partita consecutiva dopo quella in casa del Panathinaikos. Buone per Darussafaka le prestazioni di Clyburn e Wilbekin, autori rispettivamente di venti e ventidue punti. Tra le fila degli ospiti degna di nota anche la prestazione di Wanamaker che mette a referto dodici punti e cinque rimbalzi.

Coach Obradovic, ancora senza Bogdanovic, propone Dixon play con Udoh e Vesely ad agire sotto le plance. Esternamente agiscono Sloukas e Kalinic. Blatt risponde schierando Yagmur in regia con Wanamaker e Clyburn sul perimetro. Erden e Moerman a completare il quintetto titolare.

Subito scatto Fenerbahce in avvio di gara, la difesa di casa è attenta ed efficace e sui cambi di fronte Sloukas suona la carica infilando cinque punti consecutivi. Gli ospiti provano una reazione ma in pochi minuti sono già 3 le palle perse in attacco, Kalinic e Dixon ne mettono altri quattro e aumentano il distacco. Clyburn non ci sta, segna, ed insieme ad una tripla di Moerman, riporta sotto i suoi. Da questo miniparziale il Darussafaka prende coraggio e alza il ritmo: il parziale di 0-7 firmato Wanamaker, Wilbekin, Clyburn porta gli ospiti per la prima volta in vantaggio di quattro punti. In uscita dal time out di Obradovic, Antic segna una tripla e, con il canestro di Udoh, riporta sotto la squadra di Istanbul. Ancora Udoh risponde al 3+1 di un Wilbekin scatenato e il primo quarto si chiude sul 18-20.

Gran ritmo in avvio di secondo parziale, gli ospiti difendono bene e ripartono velocemente, ancora quattro punti in fila. La reazione di Datome e compagni è immediata, l’aumento di intensità in difesa porta a diverse palle perse per Darussafaka, otto punti in fila, con due triple di Dixon e Antic, costringono Blatt a richiamare i suoi in panchina. La partita si scalda per un battibecco tra Dixon e Wilbekin e il gioco rimane fermo per più di cinque minuti per permettere provvedimenti arbitrali. Al rientro in campo gli ospiti sembrano più concentrati, solo Vesely e Sloukas trovano punti in un Fenerbahce che costruisce davvero poco. Ne approfittano così i soliti Clyburn e Wilbekin che a suon di triple si riportano sopra all’intervallo lungo (35-37).

Inizio di secondo tempo con la squadra locale ancora in seria difficoltà a costruire. Con Dixon in panchina e Sloukas in versione playmaker i risultati non sono confortanti, nei primi quattro minuti il Fenerbahce trova un solo canestro. I giocatori iniziano ad innervosirsi, numerosi falli e palle perse portano all’allungo ospite, ancora un parziale di 0-4. Time out e dentro di nuovo Dixon in regia. L’inerzia si ribalta immediatamente verso i padroni di casa, il palazzetto spinge e con Datome e Sloukas sugli scudi la rimonta è quasi completata. Nell'ultima parte di periodo, con un ottimo parziale complessivo di 11-4 i padroni di casa sono nuovamente in partita (48-50).

Entrambe le squadre lottano per rimanere nel match, in avvio di ultimo quarto il ritmo è ancora infernale. Le difese hanno la meglio e nei primi tre minuti Datome è l’unico a trovare un canestro. Wilbekin si risveglia e dà l’avvio all’allungo decisivo. Cinque punti in fila per la guardia americana, con uno splendido tiro dall’arco, e ospiti che scappano. Il Fenerbahce non molla, Udoh trova un paio di canestri ma il ritardo dei padroni di casa è sempre di un possesso pieno. Clyburn è indiavolato, in poco più di un minuto infila due volte la difesa di casa trovando canestro e libero aggiuntivo. Ad un minuto e mezzo dal termine Wilbekin chiude definitivamente i giochi trovando la sua quinta tripla e portando Darussafaka a +7. A poco servono i liberi degli ultimi secondi, il match si conclude sul risultato di 67-71.


Share on Facebook