Eurolega - Doncic è magico, Randolph è glaciale: il Real Madrid espugna Kazan

L'americano sfiora il ventello, undici gli assist del giovane croato: così i blancos confermano e rafforzano il primato in classifica.

Eurolega - Doncic è magico, Randolph è glaciale: il Real Madrid espugna Kazan
Eurolega - Doncic è magico, Randolph è glaciale: il Real Madrid espugna Kazan
Unics Kazan
77 81
Real Madrid
Unics Kazan: Antipov 5, Clarke 9, Langford 20, Stoll, Parakhouski 12, Colom 11, Klimenko ne, Banic 6, Voronov, Williams 8, Andusic 6, Khabirov.
Real Madrid: Randolph 20, Draper 3, Nocioni 3, Doncic 5, Maciulis 8, Reyes 3, Ayon 12, Carroll 6, Hunter 14, Llull 2, Suarez ne, Taylor 6.

Il Real Madrid conferma la sua prima posizione nella regular season di Eurolega, con una sofferta ma meritata vittoria ai danni dell'Unics Kazan. I russi erano riusciti a condurre nel punteggio per gran parte della partita, salvo poi subire la rimonta da parte dei blancos nella fase clou, ovvero nel quarto periodo. Esattamente come a Bamberg contro i tedeschi di coach Trinchieri, i nuovi leader della classifica del torneo continentale spiccano nei minuti finali e ottengono un altro successo fondamentale per volare sempre più in alto. Decisivi soprattutto i 19 punti di Anthony Randolph, con Luka Doncic che veste i panni del mago con ben 11 assist, mentre in casa russa non bastano i 20 punti del solito Keith Langford.

Il Real si affida ad Ayon in avvio, dall'altra parte Clarke e Langford sparano da fuori. Unics che infila un parziale di 12-0 che scuote gli ospiti, incapaci di segnare per circa tre minuti prima del "gol" di Taylor, ma i padroni di casa continuano a macinare punti. Parakhouski, però, è l'ultimo a mettere a segno punti per oltre cinque minuti, durante i quali il Madrid aggancia a quota 14 ancora con l'americano. È poi Maciulis a sorpassare con i piedi dietro l'arco, con in mezzo i canestri di Langford e Antipov: questo è anche l'ultimo canestro del quarto, chiuso dall'Unics in vantaggio 18-17. Il russo spara la bomba del +4 in avvio di secondo quarto, il Real non riesce a operare il sorpasso nonostante l'ingresso in partita di Doncic. Dall'altra parte Parakhouski torna a far male alla difesa madrilena, con la reazione che arriva con Hunter e Randolph, quest'ultimo molto attivo: sono proprio i due americani a confezionare il 10-0 di parziale che vede anche la tripla di Nocioni. L'Unics non ci sta e infila un altro mini-parziale con Clarke che torna in cattedra, ma i tiri liberi di un Randolph già in doppia cifra valgono il 36-43 di metà gara.

Si torna dagli spogliatoi con Parakhouski e Langford che battono due colpi, ma anche con la risposta di Maciulis da tre. I veterani del Real salgono in cattedra, visto che segna anche Reyes per il nuovo +7, ma il terzo quarto vede prevalere in maniera netta le difese: l'Unics resta a galla grazie all'ex Olimpia, prima del canestro di Clarke che riduce ulteriormente le distanze. Llull prova a darsi una svegliata in attacco, ma non è la sua serata e lo si capisce chiaramente. È invece la serata di Langford, che sostenuto da Colom porta al clamoroso sorpasso russo, parzialmente ridotto dalla tripla del solito Randolph. Poi Doncic pareggia nel penultimo possesso, ma è l'ultimo a far male al Madrid, visto che ancora Langford firma il canestro del 59-57. Sale in cattedra Carroll con quattro punti in fila in avvio di quarto periodo, poi segna Hunter prima della bomba di Colom per il -1. Partita punto a punto, sono ancora Carroll e Hunter a far male alla difesa dell'Unics, che risponde con Parakhouski e con l'inesauribile Langford. Real in controllo e ancora spinto in fase offensiva da un Hunter clamoroso, poi torna a rendersi incisivo anche Randolph: suoi i cinque punti in fila che valgono il +9 a 3' dalla fine. Russi che si fanno sotto con Williams e Banic, poi Doncic trova il secondo canestro dal campo ed è pesante: ancora Williams non basta all'Unics.


Share on Facebook