FIBA Champions League - Che cuore la Reyer: Ventspils KO sul finale (70-61)

La Reyer Venezia riesce a ribaltare il -7 dell'andata, con un sontuoso quarto periodo, rimontando la differenza di tredici punti e strappa il pass per gli ottavi contro Avellino.

FIBA Champions League - Che cuore la Reyer: Ventspils KO sul finale (70-61)
REYER
70 61
VENTSPILS
REYER: Reyer Venezia: Haynes 5, Hagins 5, Ejim 18, Bramos 17, Antelli, Filloy, Ress, Ortner 4, Viggiano 5, McGee 16
VENTSPILS: BK Ventspils: Deane 18, Jakovics 6, Zelionis 2, Janicenoks 4, Ate, Skele 3, Gulbis 4, Zakis 9, Campbell 15

Impresa della Reyer Venezia, che ribalta i sette punti di differenza dell’andata, al termine di una partita a dir poco al cardiopalma: nell’ ultimo quarto, i lagunari sono sotto di sei punti (tredici, considerando l’aggregate), ma rimontano con una sontuosa prestazione della coppia Bramos-Ejim, mandando in visibilio il Taliercio, completando una insperata rimonta. Ora agli ottavi, i veneti troveranno Avellino.

Ritmi serrati in avvio di gara, ma pochi punti: apre le danze McGee, che trova sette punti nei primi cinque minuti, portando i suoi sul 12-9, mentre Deane mantiene in carreggiata i suoi e trova anche il sorpasso a due minuti e mezzo. Negli ultimi minuti, i veneti alzano le marce e i contropiedi di Ortner e Viggiano permettono alla Reyer di chiudere il primo periodo sul 23-17.

Nel secondo quarto, Venezia insiste con il tiro dalla lunga distanza, senza successo e dilapida i sei punti di vantaggio, ritrovandosi in un blackout che dura quattro minuti, prima del gioco da tre punti di Hagins, prontamente vanificato da Jacoviks, che pareggia a due minuti dalla sirena. Dopo una miriade di errori per parte, Janicenoks fissa il 30 pari sulla sirena, mandando le due squadre negli spogliatoi.

Il terzo parziale si apre con Campbell che sigla tre punti e riporta i suoi al comando: la Reyer resta a contatto con Bramos e Ortner, ma Ejim spreca il colpo del sorpasso, andando in panico di fronte ai canestri di Gulbis e Skele. Nell’ultimo minuto, Bramos trova il pari, mentre il sorpasso è a firma di Ejim. Negli ultimi secondi, Zielonis chiude il quarto sul 45-46. Nell’ultimo parziale, Jakovics e Janicenoks ipotecano la gara con i canestri del +6 (45-51), portando a tredici punti il divario. Nel baratro, i ragazzi di De Raffaele ritrovano la luce e riaprono i conti con un parzialone di 12-1, culminato dalla super schiacciata di Bramos, che riapre i conti, con il +5 (-3 totale) e manda in visibilio il Taliercio a quattro minuti dalla fine.

Deane ridà linfa e ossigeno ai suoi con un piazzato dalla media, ma si infortuna al momento del tiro, mentre Bramos trova il fondo della retina con la tripla del +6. Ejim con i tiri liberi pareggia la differenza punti a due minuti dalla fine, trovando il sorpasso un minuto dopo con 1/2 dalla lunetta. Bramos e Haynes trovano quattro punti pesantissimi, incrementando il gap e ipotecano la gara, ma negli ultimi dieci secondi Campbell riapre i conti con una tripla, per il -9, con solo due punti di differenza di aggregate, Filloy commette fallo d’attacco, lasciando l’ultimo possesso in mano agli ospiti. Il tiro di Jakovics muore sul ferro e Venezia passa il turno con il punteggio di 70-61 e trova Avellino al turno successivo.

 

Turkish Airlines EuroLeague