Eurolega - L'Olympiakos espugna Tel Aviv col punteggio di 82-71

La squadra di coach Sfairopoulos comanda il gioco dall'inizio alla fine non permettendo ai padroni di casa di avere qualche speranza di vincere la sfida. MVP del match, Green con 16 punti, mentre agli israeliani non basta Landesberg, che inanella ben 17 punti.

Eurolega - L'Olympiakos espugna Tel Aviv col punteggio di 82-71
Erick Green, guardia Olympiakos. Fonte: eurohoops.net
Maccabi Fox Tel Aviv
71 82
Olympiacos Piraeus
Maccabi Fox Tel Aviv: Rudd 11 (4/10;1/3) Seeley 9 (4/5;0/1;1/1) Levi Mekel 12 (3/7;2/2) Pnini 3 (0/3;1/2) Segev (0/2) Ohayon 11 (5/9;0/3;1/3) Landesberg 17 (3/6;1/4;8/9) Iverson 8 (4/6;0/3 TL)
Olympiacos Piraeus: Green 16 (6/8;1/3;1/1) Birch 6 (3/4) Papapetrou 2 (1/4;0/1) Waters 14 (3/3;2/4;2/2) Agravanis Milutinov 2 (1/4) Printezis 15 (3/7;1/1;6/6) Papanikolaou 11 (2/2;1/3;4/4) Mantzaris 1 (0/2;0/5;1/2) Lojeski 15 (4/5;2/4;1/2) Athinaiou
SCORE: 13-17; 32-40; 45-58. Tiro da 2p: Maccabi (23/48) Olympiacos (23/39). Tiro da 3p: Maccabi (5/15) Olympiacos (7/21). Tiri liberi: Maccabi (10/16) Olympiacos (15/17). Rimbalzi: Maccabi 25 Olympiacos 36

L'Olympiakos riscatta la sconfitta patita con il Fenerbahce della scorsa settimana di Eurolega, vincendo (71-82) e convincendo contro il Maccabi, a Tel Aviv, nel match valido per la 24esima giornata. La squadra greca viene trascinata al successo dalle prestazioni di Green (16 punti), Waters (14), Printezis (15), Papanikolaou (11) e Lojeski (15). Agli israeliani non basta Landesberg che riesce a mettere insieme 17 punti, seguito da Mekel con 12, Ohayon e Rudd con 11. Il roster di coach Bagatskis si presenta a questa sfida con un quintetto composto da Mekel e Seeley nel ruolo di esterni, Pnini e Rudd in quello di ali ed Iverson come centro. Dall'altra parte invece l'Olympiakos propone uno starting five formato da Green nei panni del play, con Mantzaris al suo fianco, Papanikolaou e Printezis a sostegno di Milutinov nel pitturato.

Iverson apre la partita con un semplice appoggio a tabellone, ma dall'altra parte gli risponde subito Green con un piazzato. Printezis porta in vantaggio i greci con un'azione da tre punti, ma Seeley con un tiro da dentro l'area ribalta immediatamente il punteggio. Bagatskis per provare a costruire un break in favore dei suoi chiama il time-out. Il minuto di sospensione però favorisce la squadra greca che si porta in vantaggio con le triple di Lojeski e Printezis. Rudd con un tiro da oltre l'arco riporta avanti i padroni di casa, Birch firma la parità andando a segno da dentro l'area. Nel finale di frazione Printezis con i liberi e Lojeski col piazzato firmano il punteggio sul 13-17 in favore dell'Olympiakos.

Il secondo quarto vede la compagine greca partire forte con un parziale di 4-0 firmato dai liberi di Waters ed il tiro da dentro l'area di Green. Bagatskis, per evitare un passivo peggiore, decide di fermare il gioco. La pausa porta Seeley a segnare i primi due punti della frazione in favore della squadra israeliana, ma Lojeski con una tripla riporta l'Olympiakos sul +6 (20-26). Mekel con un tiro da oltre l'arco prova a riaccorciare le distanze, poi sul punteggio di 24-33 il coach di casa decide di chiamare il time-out. Le indicazioni tattiche difensive di Bagatskis hanno subito effetto, infatti Segev stoppa Mantzaris, poi Rudd ed Ohayon riportano a contatto il Maccabi, costringendo così Sfairopoulos a fermare il gioco. Dopo il minuto di sospensione, Green chiude il quarto con un piazzato che vale il 32-40 in favore dell'Olympiakos.

La terza frazione di gioco si apre con i canestri da dentro l'area di Rudd prima e Papanikolaou poi. Green con un tiro da oltre i 6.75 metri riporta l'Olympiakos a debita distanza, ma dall'altra parte gli risponde Landesberg con un canestro dal perimetro. Papanikolaou con la tripla porta la compagine greca sulla doppia cifra di vantaggio (41-52) ed allora Bagatskis si vede costretto a chiamare il time-out. Dopo il minuto di sospensione Birch stoppa Mekel, costringendo il coach di casa a fermare nuovamente il gioco. Nel finale Rudd con una buona penetrazione a canestro chiude il quarto sul punteggio di 45-58 in favore dell'Olympiakos.

L'ultimo quarto vede Iverson e Waters andare subito a segno con canestri da dentro l'area, poi Mekel con la tripla prova a riportare a contatto i padroni di casa. L'Olympiakos però non da la possibilità alla squadra avversaria di tornare in partita, infatti Waters torna ad allungare con un canestro da oltre l'arco. Rudd serra le linee di difesa del Maccabi con una stoppata su Papapetrou, ma sul possesso successivo ancora Waters va a segno con un tiro dal perimetro, ed allora Bagatskis si vede costretto a chiamare il time-out. Il minuto di sospensione permette alla squadra di casa di accorciare le distanze fino al 65-78, quando Sfairopoulos decide di fermare il gioco. Dopo la pausa Pnini con la tripla riporta i padroni di casa sotto la doppia cifra di svantaggio e, per evitare la rimonta, il coach dell'Olympiakos ferma nuovamente il gioco. Il minuto di sospensione permette ai greci di mantenersi a debita distanza, ed allora Bagatskis per provare la disperata rimonta decide di chiamare il time-out. L'intento del tecnico israeliano non si realizza, infatti Printezis chiude la partita andando a segno con i liberi, che valgono l'82-71 finale in favore dell'Olympiakos.

Nel prossimo turno il Maccabi ospiterà Milano, mentre l'Olympiakos attenderà tra le mura amiche il Darussafaka.

Turkish Airlines EuroLeague