Serie A Beko, Cremona continua a sognare mentre Dyson punisce l'ex Sassari

La dodicesima giornata di Serie A, in linea di massima, ha rispecchiato i valori che erano delineati in fase di pre-partita: vincono le tre capolista, ancora sole in vetta. Stupiscono, invece, i successi di Torino e Pesaro che provano a lasciare le zone calde.

Serie A Beko, Cremona continua a sognare mentre Dyson punisce l'ex Sassari
Jerome Dyson in penetrazione

Continua a stupire la Vanoli Cremona che tiene la Sidigas Avellino a soli 58 punti: di 6 lunghezze la vittoria di Cusin e compagni che per quasi tutta la partita sono stati sotto nel punteggio ma che nel quarto finale hanno fatto valere il fattore campo e si sono imposti sugli irpini. Prosegue, dunque, la convivenza in prima posizione con Reggio Emilia e Milano che pure hanno vinto i rispettivi match contro Caserta e Brindisi. Tuttavia, le partite sono state molto differenti: la Grissin Bon di Menetti ha chiuso la pratica con la Pasta Reggia già nel terzo quarto, quando erano già 19 i punti di vantaggio. L'Armani, ancora orfana di Alessandro Gentile, invece ha faticato un po' in più: nonostante un vantaggio di 8 lunghezze all'intervallo, la squadra dell'ex Bucchi è tornata prepotentemente in partita nel terzo periodo anche grazie ad Adrian Banks autore di 12 punti nella singola frazione. Tuttavia, nel finale è Kruno Simon (13 punti nel quarto) a dettare le regole al Forum e dare la vittoria alla compagine milanese con il risultato di 77-72.

Nei bassi fondi della classifica è da sottolineare la vittoria della Manital Torino, alla prima di Vitucci in panchina: la gara contro la Dinamo Sassari, che è andata all'overtime, ed è stata decisa sulla sirena proprio dall'ex di turno, Jerome Dyson, il quale ha siglato l'86-83 con un canestro da oltre la metà campo che ha fatto esplodere di gioia il Pala Ruffini. La squadra torinese, però, non riesce a lasciare l'ultima posizione in classifica perché Pesaro e Bologna sono riuscite a vincere le proprie gare. In particolare, la Consultinvest è stata capace di andare ad espugnare il Pala Fantozzi di Capo d'Orlando grazie soprattutto ad uno strepitoso Austin Daye capace di mettere a referto 28 punti e 16 rimbalzi che gli valgono un 40 di valutazione. Ottima anche la prova della Virtus Bologna che riesce a battere in casa la ostica compagine pistoiese della Giorgio Tesi Group con il risultato di 76-72.

Torna al successo Venezia che demolisce 84-58 al Taliercio una Openjonmetis Varese troppo arrendevole: la cessione di Roko Ukic si fa già sentire per coach Moretti che ha bisogno di nuovi rinforzi oltre a Kangur, arrivato in settimana. Vince con carattere, invece, l'Acqua Vitasnella Cantù che dopo essere stata sotto più volte durantre la gara, nel finale tira fuori gli artigli e batte l'Aquila Basket Trentino: alla guida dei brianzoli c'era Brienza vice dell'esonerato Corbani: il giovane coach ha tenuto con personalità le redini della squadra gestendo bene i cambi e i momenti topici del match.

Lega Basket