Serie A Beko - La Virtus Bologna vince lo scontro diretto con Pesaro (79-75)

Al termine di una partita piuttosto equilibrata la Virtus porta a casa un successo fondamentale verso l'obiettivo salvezza. Pesaro invece rimane ultima in classifica con 12 punti. MVP del match, Gaddy, con 18 punti.

Serie A Beko - La Virtus Bologna vince lo scontro diretto con Pesaro (79-75)
Obiettivo Lavoro Bologna
79 75
Consultinvest Pesaro
Obiettivo Lavoro Bologna: Mazzola 7 (2/3;1/4) Odom 11 (5/5;0/3;1/2) Fontecchio 15 (2/3;3/6;2/2) Vitali 5 (1/3;1/6) Hasbrouck 11 (2/5;1/5;4/4) Ray 6 (1/3 3P;3/4 TL) Oxilia Fabiani Pittman 6 (3/4;0/2 TL) Gaddy 18 (5/8;1/5;5/5) Cuccarolo
Consultinvest Pesaro: Gazzotti 4 (0/2 3P;4/4 TL) Christon 18 (8/12;0/3;2/5) Daye 14 (3/9;1/5;5/5) Lacey 15 (5/6;1/4;2/5) Lydeka 14 (5/6;4/6 TL) Solazzi Candussi 1 (1/2 TL) Basile 2 (1/1;0/1 TL) Ceron 3 (1/4 3P) Shepherd 4 (2/7;0/1)
SCORE: 14-21; 43-40; 61-60. Tiri da 2p: Bologna (20/31) Pesaro (24/41). Tiri da 3p: Bologna (8/32) Pesaro (3/19). Tiri liberi: Bologna (15/19) Pesaro (18/28). Rimbalzi: Bologna 36 Pesaro 30

Una partita da dentro o fuori per entrambe le squadre ed alla fine a spuntarla è stata la Virtus, grazie ad un ultimo quarto giocato con la giusta concentrazione. Infatti i felsinei sono stati bravi a crearsi un vantaggio all'inizio degli ultimi 10 minuti e a difendersi dai tentativi di rimonta dei pesaresi, i quali sono stati a lungo il vantaggio. Il rammarico della squadra di Paolini è quello di non esser stata capace di gestire i 7 punti di differenza all'inizio del 2° quarto, così come di non aver spinto ulteriormente per tentare la fuga definitiva verso la vittoria. Di questa incertezza ha approfittato la Virtus che è subito ritornata in partita e nel 3° quarto ha completato la rimonta.

Nel complesso il successo dei padroni di casa è meritato, considerato che anche nel primo quarto la compagine di Valli ha dimostrato di poter tener testa alla pallacanestro degli avversari e quindi di poter vincere la partita. E' una vittoria importante, non solo per il modo in cui è stata ottenuta, ma anche per il morale dato che era uno scontro diretto per la salvezza. Con questi 2 punti la Virtus abbandona l'ultima posizione di classifica e si rilancia in vista del prosieguo del campionato. Pesaro, al contrario, rimane ancorata all'ultimo posto, e per questo Paolini dovrà lavorare molto se vuole che i suoi uomini a fine stagione raggiungono la permanenza in Serie A. I top scorer dell'incontro sono: Gaddy (18), Fontecchio (15), Odom (11) e Hasbrouck (11) per la Virtus; Christon (18), Lacey (15), Lydeka (14) e Daye (14) per i marchigiani.

Lacey ed Hasbrouck realizzano i primi due canestri della partita. Shepherd e Christon firmano il primo break a favore di Pesaro (4-10) e Valli è costretto a fermare il gioco. Dopo il minuto di sospensione ancora Christon realizza dall'area. L'allungo pesarese prosegue col canestro realizzato da Lacey, ma Ray interrompe il buon momento avversario con una tripla. Fontecchio trascina la rimonta dei padroni di casa con la stoppata su Lydeka e la schiacciata del -3 (11-14), che porta Paolini a chiamare il time-out. Daye segna dal pitturato, poi Hasbrouck e Lacey realizzano dalla linea dei tre punti. Chiude il quarto la schiacciata di Christon che vale il 21-14 in favore dei marchigiani. Primi 10 minuti piuttosto equilibrati con la Consultinvest che si è dimostrata maggiormente pronta alla fuga verso la vittoria.

Pittman e Fontecchio accorciano immediatamente, ma dopo un minuto Lydeka sblocca la situazione per i pesaresi. Ceron con una tripla riporta la Consultinvest sul +7, ma Gaddy con due tiri dalla lunetta ferma il break costruito dai marchigiani. Christon realizza il canestro che vale il 38-34 per i marchigiani e Valli chiama il time-out. Dopo il minuto di sospensione Vitali con un tiro da oltre l'arco riporta la Virtus a -1. Paolini ferma immediatamente il gioco per provare a difendere il minimo vantaggio fino all'intervallo, ma questa speranza viene resa vana da Mazzola che realizza da oltre i 6.75 metri. Christon pareggia con un piazzato, ma a chiudere questa frazione ci pensa Fontecchio con una tripla. Il secondo quarto ha visto i padroni di casa reagire ottimamente allo svantaggio ed ora il punteggio recita 43-40 in favore della Virtus.

Lydeka e Mazzola aprono il secondo tempo, poi Christon con un azione da tre punti impatta a quota 47. Lacey con un tiro dall'area riporta avanti la Consultinvest. Valli, vedendo le difficoltà della sua squadra in fase offensiva, chiama il time-out, ma in uscita dal minuto di sospensione Lydeka realizza 4 punti consecutivi. A fermare il buon momento del centro lituano ci pensa Pittman con una schiacciata. Pesaro mostra nervosismo e per questo vengono fischiati due falli tecnici a Daye e Lydeka. Ray ai liberi non sbaglia, poi Odom con un appoggio a canestro riporta in vantaggio la Virtus. Sempre dalla lunetta Gazzotti segna e la Consultinvest è di nuovo avanti (54-55). Fontecchio con una tripla riporta i padroni di casa a sole due lunghezze di svantaggio. Gaddy con un tiro dall'area impatta a quota 59, ma Candussi con un libero ristabilisce il vantaggio in favore dei pesaresi. Nel finale Odom realizza il canestro del 61-60. Match assolutamente equilibrato con le due squadre che possono ambire alla vittoria finale.

Odom inizia l'ultima frazione con un canestro dal pitturato. Fontecchio realizza la terza tripla della sua partita e Paolini è costretto a fermare il gioco. La Virtus chiude le linee di difesa con la stoppata di Cuccarolo su Daye ed in questo modo riesce a difendere i sei punti di vantaggio. Dopo 3 minuti Lacey segna il primo canestro per Pesaro in questo quarto, ma Gaddy con una tripla riallunga immediatamente. Daye schiaccia il -5 (69-64), poi Mazzola stoppa Shepherd fermando la rincorsa dei pesaresi. Paolini, data la situazione, chiama il time-out. Il minuto di sospensione porta gli effetti contrari, infatti Gaddy realizza 4 punti consecutivi. Sul canestro di Pittman che vale il -10 (77-67), Paolini ferma nuovamente il gioco. Christon e Daye realizzano 5 punti consecutivi e Valli chiede il minuto di sospensione. Gaddy con due liberi e Lacey con un azione da tre punti fissano il punteggio sul 79-75. Valli ferma il gioco per organizzare le ultime azioni della partita. Dopo il minuto di sospensione nessuna delle due compagini riesce a segnare, così la Virtus porta a casa un successo fondamentale per l'obiettivo salvezza. 


Share on Facebook