Nuovi protagonisti, stesso esito: Reggio Emilia vince anche Gara 2

La Grissin Bon Reggio Emilia bissa il successo di Gara 1 e supera nuovamente Avellino. La difesa dei reggiani è ancora una volta la chiave del successo, con lo spauracchio Nunnally annullato da Silins. Dopo una stagione travagliata, Stefano Gentile è protagonista con i punti che spezzano l'equilibrio della partita.

Nuovi protagonisti, stesso esito: Reggio Emilia vince anche Gara 2
Stefano Gentile, protagonista in Gara 2
Reggio Emilia
86 78
Avellino
Reggio Emilia: Aradori 9 (2/4, 1/3, 2/2), Needham 8 (1/2, 2/4), Polonara 11 (3/4, 1/3, 2/2), Lavrinovic 10 (2/2, 0/1, 6/6), Della Valle 11 (2/6, 2/5, 1/1), De Nicolao (0/3), Kaukenas 13 (4/5, 1/3, 2/3), Silins 7 (2/2, 1/4), Gentile 13 (1/2, 3/4, 2/3), Golubovic 4 (1/2, 2/2 ai liberi)
Avellino: Ragland 16 (2/3, 3/6, 3/4), Green 4 (1/2, 0/1, 2/2), Veikalas (0/2, 0/1), Acker 5 (1/4, 1/1), Leunen (0/1, 0/2), Cervi 19 (7/11, 5/8 ai liberi), Severini, Nunnally 12 (2/5, 1/3, 5/5), Pini 2 (0/1, 2/2 ai liberi), Buva 20 (8/10, 4/4 ai liberi)
SCORE: 21-22, 22-18, 25-18, 20-20

Stefano Gentile e Ojars Silins sono i protagonisti del secondo successo di Reggio Emilia nella sfida con Avellino. L'italiano firma i punti che valgono l'allungo per la Grissin Bon spezzando l'equilibrio dei primi 15 minuti; il lettone cancella dal campo Nunnally con una difesa asfissiante. A nulla vale l'ottima prestazione del duo Cervi-Buva. La Reggiana conferma di essere una squadra molto più lunga di Avellino, con tutti gli uomini chiamati in campo da Menetti che riescono a dare un contributo al successo. Avellino invece paga l'opaca prestazione dei suoi esterni e l'inesistente contributo, Buva a parte, della panchina. La serie si sposta ad Avellino, dove gli irpini ospiteranno domenica e martedì gara 3 e 4.


Primo quarto Reggiana in campo con De Nicoloa, Kaukenas, Aradori, Silins e Polonara, la Scandone risponde con Ragland, Acker, Nunnally, Leunen e Cervi. Il primo canestro nasce da una prodezza di Aradori, che realizza in allontanamento allo scadere dei 24 secondi. La pressione della Grissin Bon, decisiva in Gara 1, si fa sentire sin dalle prime battute, ma la Sidigas riesce a trovare soluzioni rapide con Ragland e Cervi e, al contrario della sfida precedente, è precisa dalla lunga distanza, mentre Cervi realizza 8 punti anche con conclusioni dalla media (6-14) e costringe Kaukenas a 2 falli. L'ingresso di Lavrinovic, che realizza 6 punti, scuote la Reggiana (14-17), ma anche il centro lituano spende 2 falli in pochi minuti ed è costretto a lasciare spazio a Golubovic, mai in campo nelle precedenti 4 gare di playoff, che va subito a segno (18-20). Le sette perse sono un fardello pesante per Avellino, che viene sorpassata da una tripla di Needham, per poi rimettere la testa avanti con due liberi di Pini (21-22).

Secondo quarto Avellino parte con un 4-0 firmato dai primi canestri di Buva e Nunnally (21-26). Reggio abbassa le proprie percentuali di tiro (1/10 da 3) con attacchi confusi, mentre gli irpini continuano a cercare Cervi, che arriva a 13 punti (3/6 dalla lunetta) con 4 falli subiti (25-32). La Reggiana si rifà sotto con un gioco da 4 punti di Della Valle e pareggia con una tripla di Gentile (34-34), costringendo Sacripanti al time out. Golubovic dalla lunetta completa un parziale di 11-2 che vale il sorpasso; adesso è Avellino a litigare con canestro, al contrario di Gentile che si scatena infilando un'altra tripla e un canestro allo scadere dei 24 (41-34). La Sidigas accorcia grazie a Buva, che firma 4 punti e l'assist per Acker per il 41-40 con cui si chiude il primo tempo.

Terzo quarto Silins è il protagonista delle prime battute, con punti, assist e difesa su Nunnally. Reggio apre con un parziale di 6-2 (47-42), mentre Avellino continua a puntare sul solo Cervi, con gli esterni ancora latitanti. L'ingresso di Green porta ordine all'attacco irpino, ma è sempre Cervi a fare la differenza, ritoccando il suo high stagionale (47-48). La buona difesa di Needham e un 5-0 griffato Lituania permettono a Reggio di entrare nella seconda metà del quarto con 4 punti di vantaggio, annullati da Buva e Green (52-52). Reggio scappa nuovamente con le triple di Gentile e Needham, autore del nuovo +7 (63-58). Avellino risponde con Buva, prima di una nuova tripla reggiana, firmata da Della Valle (66-58). 

Ultimo quarto 4 punti di Buva riportano Avellino a due possessi di distacco (66-62), ma dopo aver faticato per 20 minuti Reggio non sbaglia più da oltre l'arco: arriva anche la tripla di Silins, poi due liberi di Gentile per il +9 (71-62). Avellino reagisce con 6 punti di Ragland e Nunnally, ma ogni volta che sembra in difficoltà Reggio Emilia trova una tripla, questa volta con Polonara, che poi replica con la schiacciata del +10 (78-68). La Grissin Bon tocca anche il +12 con Lavrinovic; Avellino, che perde Cervi per una distorsione, continua a crederci, ma prima Buva e Leunen falliscono tiri non impossibili, poi Nunnally viene stoppato da Silins. Il game over lo firma Kaukenas con una tripla a inizio ultimo minuto (83-73), Avellino tenta l'impossibile con una tripla di Nunnally e il fallo sistematico, la l'esito è ormai scontato.


Share on Facebook