Basket, serie A: Giuri-Cinciarini come Thompson-Curry, Caserta batte Capo d'Orlando

Cinque bombe dei "piccoli" italiani valgono per la Pasta Reggia la vittoria contro la Betaland, che con Diener aveva rimontato nel terzo quarto.

Basket, serie A: Giuri-Cinciarini come Thompson-Curry, Caserta batte Capo d'Orlando
Basket, serie A: Giuri-Cinciarini come Thompson-Curry, Caserta batte Capo d'Orlando

La Betaland Capo d'Orlando esce sconfitta dal PalaMaggiò contro la Pasta Reggia Caserta, che così può continuare il suo sogno nei piani altissimi della classifica. Una partita in cui i paladini hanno anche avuto la possibilità di vincere, soprattutto quando c'è stato il sorpasso e l'allungo nel terzo quarto. Tuttavia, i problemi di falli che hanno flagellato il pacchetto lunghi a disposizione di Di Carlo, con un Delas che stava facendo malissimo in pick'n'roll e un Archie incapace di mantenere i nervi saldi proprio nel finale di terzo quarto, sono stati decisivi per l'esito della gara, ma mai quanto la precisione chirurgica di Giuri e Cinciarini da fuori nel quarto periodo.

Sosa apre le danze con la bomba che sblocca il punteggio, l'avvio di gara sembra sorridere a Caserta ma Fitipaldo e Archie tengono a galla l'Orlandina. Putney risponde con una giocata spettacolare, ma è ancora l'americano della Betaland a pareggiare a quota 8 con la bomba. L'energia di Watt e Jackson fa mettere nuovamente la testa avanti alla Juve, che domina anche a rimbalzo offensivo. L'attacco paladino non è incisivo come di consueto, debutta anche Tepic ma la Pasta Reggia allunga con l'ex Metreveli, al quale risponde Delas e Iannuzzi: parziale di 6-0 e Capo a -2. La bomba di Giuri chiude il primo quarto sul 25-20 Juve. Cinciarini apre le danze nel secondo parziale, seguito da Fitipaldo e da Laquintana che riporta la Betaland sul -2. Ai primi punti di Tepic risponde la bomba di Putney, poi il play pugliese spara ancora, prima del pareggio firmato Delas. I padroni di casa si affidano a Sosa per tornare in vantaggio, e il play firma il parziale che vale il +6 a tre minuti dall'intervallo lungo. È la fase più complicata della gara per Capo, l'attacco si ferma: Fitipaldo e Jackson firmano dalla lunetta il 47-38 con cui si chiude il primo tempo.

Diener si sblocca in avvio di terzo quarto e risponde anche al canestro irreale di Putney. Per il resto le mani sono piuttosto fredde, Archie inchioda il -5, poi l'asse Fitipaldo-Delas risponde al gioco di prestigio di Sosa, prima della terza bomba in cinque minuti di uno spaventoso Diener. Ci pensa ancora una volta l'ex sassarese a togliere le castagne dal fuoco per Caserta, che però continua a pasticciare: Iannuzzi ringrazia e firma il -1, prima del sorpasso firmato Fitipaldo. Qualche pasticcio da una parte e dall'altra, poi segna Putney dalla lunetta e il quarto si chiude con Caserta avanti 58-57. Fallo antisportivo proprio all'americano della Juve in avvio di quarto periodo, Capo approfitta dello sbandamento dei bianconeri e vola sul +5 con Iannuzzi. I campani provano a scuotersi con Giuri e Watt, poi la bomba di Sosa risponde al lungo paladino e vale il pareggio. Il pick'n'roll di Fitipaldo distrugge la difesa di casa, il cui capitano replica con due triple che restituiscono il +5 alla Juve. Capo perde anche Delas per falli, si risveglia anche Cinciarini che allunga il parziale sul 9-0. Torna in partita anche Diener dopo la seconda tripla del numero 10 campano e a sua volta firma la bomba del -6 a cento secondi dalla fine. Giuri spara ancora, Diener e Tepic riportano sotto Capo che manda in lunetta Caserta: Sosa e glaciale e la Pasta Reggia la vince.

PASTA REGGIA CASERTA - BETALAND CAPO D'ORLANDO 91-86 (25-20, 47-38, 58-57)

CASERTA - Sosa 21, Putney 17, Giuri 12, Cinciarini 12, Watt 15, Gaddefors 5, Cefarelli ne, Jackson 3, Metreveli 2, Ventrone ne, Bostic 4, Czyz.

CAPO D'ORLANDO - Fitipaldo 12, Laquintana 6, Diener 18, Tepic 8, Stojanovic 4, Galipò ne, Iannuzzi 14, Delas 11, Archie 13, Perl ne, Nicevic ne, Munafò ne.


Share on Facebook