PosteMobile Final Eight 2017 - Brescia sorprende Venezia e va in Semifinale (76-68)

La compagine di coach Diana sorprende la favoritissima Venezia grazie ad una straordinaria prestazione di squadra, infatti sono ben 5 i giocatori che vanno in doppia cifra. Per l'Umana invece non bastano i 22 punti di Bramos.

PosteMobile Final Eight 2017 - Brescia sorprende Venezia e va in Semifinale (76-68)
Venezia - Brescia. Fonte: immagine Leonessa Brescia
Umana Venezia
68 76
Germani Basket Brescia
Umana Venezia: Peric 8 (3/6;0/3;2/2) Mcgee 8 (0/2;2/6;2/2) Ejim 9 (2/5;0/2;5/5) Haynes 8 (1/5;2/7) Bramos 22 (1/1;6/11;2/2) Criconia Ortner 4 (2/3) Ress 2 (1/1) Filloy Hagins 4 (2/5) Viggiano 3 (1/5 3P) Visconti
Germani Basket Brescia: Vitali 11 (3/3;1/2;2/2) Burns 15 (6/12;0/1;3/3) Moss 10 (3/5;0/1;4/4) Landry 19 (6/10;1/3;4/4) Bushati 5 (1/2;1/4) Moore 2 (1/4;0/1) Vitali (0/2;0/4) Nyonse Bolis Berggren 14 (7/8;0/1 TL)
SCORE: 15-25; 37-42; 55-56. Tiro da 2p: Venezia (12/28) Brescia (27/46). Tiro da 3p: Venezia (11/34) Brescia (3/16). Tiri liberi: Venezia (11/11) Brescia (13/14). Rimbalzi: Venezia 26 Brescia 40

La Germani Basket Brescia approda alle Semifinali di PosteMobile Final Eight 2017 grazie al successo a sorpresa contro l'Umana Venezia. Una vittoria incredibile quella ottenuta dai bresciani che ora approdano alla Semifinale dove ad attenderli c'è la Dinamo Sassari. Il successo dei lombardi è maturato minuto dopo minuto, mostrando sempre una costanza di rendimento sia in attacco che in difesa, a differenza di Venezia che invece si è affidata troppo alla qualità del solo Bramos. La guardia greca, partita nel quintetto titolare, ha trovato poco sostegno dai compagni di reparto come Mcgee ed Haynes, così come dai lunghi Ejim ed Hagins. Dall'altra parte grande prestazione di Landry coadiuvato da un supporting cast composto da Berggren nel ruolo di centro, Moore e Vitali come point-guard e Moss da ala piccola. 

Berggren apre la partita andando a segno con un appoggio a tabellone ed una schiacciata che valgono immediatamente il 4-0 in favore di Brescia. Venezia risponde con la tripla di Bramos, a cui risponde subito Landry con una nuova schiacciata. I veneti mettono la freccia con Hagins che schiaccia il +1 (7-6), ma dall'altra parte ancora Berggren con una schiacciata riporta in vantaggio i lombardi. Il centro americano di Brescia fa valere tutta la propria fisicità all'interno del pitturato schiacciando il +7 (7-14), ma Haynes con una nuova schiacciata riaccorcia immediatamente le distanze. Sulla tripla di Bushati il coach di Venezia, De Raffaele, si vede costretto a chiamare il time-out. Il minuto di sospensione però non favorisce il recupero dei veneti, che chiudono così la prima frazione di gioco con uno svantaggio di 10 punti, infatti il punteggio recita 25-15 in favore di Brescia.

Venezia inizia il secondo quarto con un break che la riporta completamente in partita, infatti prima Ejim va a segno con un piazzato, poi Haynes e Mcgee realizzano due triple consecutive che valgono l'8-0 di parziale. Brescia si sblocca dopo tre minuti con il canestro da dentro l'area di Vitali, ma sul possesso successivo Moss si fa stoppare da Bramos, che poi realizza la tripla del sorpasso. Sul punteggio di 28-27 il coach di Brescia, Diana, decide di fermare il gioco per correggere gli errori che stanno commettendo i suoi sia in difesa che in attacco.

La pausa favorisce l'organizzazione difensiva di entrambe le compagini, infatti prima Burns stoppa Peric, poi sull'altro versante Hagins fa lo stesso Landry, che però riesce a catturare il rimbalzo offensivo per realizzare successivamente la tripla del +2 (30-28). Bramos riaccorcia le distanze in favore di Venezia con un canestro da oltre l'arco, ripetendosi poco più tardi con una nuova realizzazione dal perimetro. Viggiano non è da meno, infatti anche l'ala veneta va a segno da oltre i 6.75 metri fissando il punteggio sul 37-40. Diana per non vedersi completare la rimonta prima dell'intervallo decide di chiamare il time-out. Le indicazioni dell'allenatore lombardo vengono seguite da Moore che va a segno con un piazzato, costringendo De Raffaele a fermare nuovamente il gioco. La pausa però non agevola il roster veneto che va al riposo sul risultato di 42-37 in favore di Brescia.

Il terzo quarto si apre con la stoppata di Hagins su Berggren, il quale gli restituisce il favore poco dopo. Ejim con un'azione da tre punti segna i primi punti della frazione per Venezia, poi Mcgee con la tripla firma il sorpasso (43-42), costringendo così Diana a chiamare il time-out. Il minuto di sospensione favorisce i lombardi che tornano avanti grazie all'azione personale di Landry, ma Haynes con la tripla difende il +2 costruito dai veneti (46-44). L'ala americana di Brescia (Landry) riporta il match in parità andando a segno dalla lunetta (48-48), ma Bramos con la tripla riporta avanti l'Umana Venezia. La guardia greca dei veneti e Vitali vanno a segno con i liberi mantenendo inalterate le distanze, che vengono ulteriormente consolidate dalla stoppata di Hagins su Burns. Il n.23 di Brescia insieme a Bushati chiudono il quarto sul punteggio di 56-55 in favore della compagine lombarda.

Brescia sfrutta il momento favorevole derivante dalla fine della terza frazione all'inizio dell'ultimo quarto firmando un parziale di 8-0, grazie al piazzato ed alla tripla di Vitali ed all'appoggio a tabellone di Burns. Per fermare il break ospite De Raffaele decide di chiamare immediatamente il time-out e dopo il minuto di sospensione Mcgee segna i primi punti della frazione per Venezia andando a segno con i liberi. Bramos con la tripla riporta a contatto i veneti (60-65), ma Burns con una schiacciata riallunga nuovamente in favore di Brescia. De Raffaele per non veder scappare gli avversari ferma il gioco, ma nel finale Moss col piazzato chiude la partita sul punteggio di 76-68 in favore di Brescia. 


Share on Facebook