Dolomiti Energia Trentino - EA7 Armani Milano in gara 3 Legabasket 2016/17: Milano sbanca il PalaTrento e rimette in piedi la serie 66-87

Dolomiti Energia Trentino - EA7 Armani Milano in gara 3 Legabasket 2016/17: Milano sbanca il PalaTrento e rimette in piedi la serie 66-87
MegaBasket

Termina tra gli applausi del PalaTrento questa partita tra Dolomiti Energia Trento e EA7 Armani Milano. Riaprono la serie i giocatori di coach Repesa, che vendicano le due sconfitte patite in casa infliggendo un pesante scarto. MVP del match è l'ex-beniamino di casa Davide Pascolo, autore di un'ottima prova da 17 punti e 5 rimbalzi. A Trento non basta l'ottima prova di Dustin Hogue, che conclude con 16 punti e 8 rimbalzi, mentre delude tantissimo Dominique Sutton che rimane a secco (0 punti e 2 rimbalzi per lui in 22 minuti).
Gara 4 è prevista per mercoledì, si partirà dal 2-1 di queste prime tre partite.
Per oggi è tutto da Nico Silvestri e dalla redazione basket di Vavel Italia, vi aspettiamo per un nuovo live tra sole 48 ore. Vi auguro un buon proseguimento ed una buona serata.

RISULTATO FINALE: 66-87

66-87 - Tripla di Forray che pone la parola fine sul match.

63-87 - Altra tripla di Kalnietis, che aumenta ancora il divario.

63-84 - Due punti per Flaccadori ed a seguire due punti per Forray.

59-84 - Tripla di Kalnietis sulla sirena.

59-81 - Altro errore dal campo per l'Aquila, ma Hogue cattura un rimbalzo offensivo e subisce il fallo che lo manda in lunetta. 1/2 per lui.

58-81 - Trento ha completamente staccato la spina e gli avversari continuano ad appesantire il divario con il canestro di Macvan. Coach Buscaglia chiama a rapporto i suoi con un timeour.

58-79 - Nuovamente in lunetta la squadra ospite che fa 1/2 con Cinciarini, ma trova il rimbalzo offensivo che porta alla tripla di Fontecchio.

58-75 - Tocca a Trento finire in lunetta e capitan Forray fa 2/2, che rende meno pesante il parziale.

56-75 - Ancora in lunetta Milano che negli ultimi possessi ha conquistato molteplici tiri liberi. 2/2 in questo caso per Macvan.

56-73 - 1/2 dalla lunetta per Macvan.

56-72 - Rimbalzo offensivo di Gomes che riesce poi a infilare il canestro.

54-72 - Non trova più punti l'Aquila, che in questo caso probabilmente è stata anche penalizzata dagli arbitri visto che la stoppata di Fontecchio sembrava irregolare. Sul ribaltamento finisce in lunetta Hickman che fa 1/2.

54-71 - Palla persa da Sutton e 2+1 di Macvan che sembra mettere la pietra finale sul match con 7 minuti da giocare.

54-68 - Allunga però nuovamente Milano, grazie all'apporto del neoentrato Fontecchio. I giocatori di Trento si lamentano con gli arbitri per una presunta infrazione di passi.

54-66 - Tripla di Flaccadori che fa esplodere un boato.

51-66 - Recupera una bella palla Abass, che viene mandato in lunetta con un fallo sul layup. 0/2 per lui e pure nonostante il successivo rimbalzo offensivo Milano non trova il canestro.

51-66 - Subisce fallo Hickman che va in lunetta, solo 1/2 per lui.

51-65 - Doppia occasione per Trento, che però non approfitta e non accorcia il risultato.

FINE TERZO QUARTO: 51-65

51-65 - Milano amministra male il tempo residuo e Craft si lancia in un veloce contropiede che si tramuta in un layup sul suono della sirena.

49-65 - Aveva trovato il suo primo canestro del match in contropiede Sutton, ma gli arbitri annullano per infrazione di passi.

49-65 - Nuovo canestro di Abass, ma Trento non molla e trova immediatamente la risposta con Craft.

47-63 - Al rientro in campo l'Aquila trova una penetrazione di Craft, che probabilmente aveva anche subito fallo. 

45-63 - Riscappa nuovamente Milano, che approfitta di un nuovo errore di Trento e trova la tripla con Abass. Timeout per Buscaglia che non vuole lasciare il match con ancora 12 minuti da giocare.

45-60 - Torna a segnare Milano, che trova perfettamente McLean all'interno dell'area trentina.

45-58 - Fallo in attacco di Sanders (quarto per lui), mentre Hogue sta danzando nel pitturato avversario e realizza un comodo layup.

43-58 - Ha alzato l'intensità difensiva Trento, che ora sta contenendo gli avversari. Hogue subisce fallo ma i padroni di casa sono troppo imprecisi dalla lunetta. Solo 1/2 per lui e divario che rimane ampio.

42-58 - Fallo di Hickman che manca in lunetta Shield, il danese-americano però fa solo 1-2.

41-58 - Trento spreca nuovamente, ma Tarczewski fa fallo in attacco e finisce la sua partita (quinto fallo) quando mancano 14 minuti alla fine.

41-58 - Cinciarini in penetrazione punisce ancora un'imperfetta difesa di Trento.

41-56 - Hickman penetra dall'angolo e rimette i 15 punti di distacco, Trento perde palla con un'infrazione di passi di Gomes.

41-54 - Ancora Shields, che ruba un pallone ed in contropiede appoggia al canestro.

39-54 - Due punti per Shields, che prova a tenere in vita la Dolomiti.

37-54 - Altri tre punti per Pascolo che si sta rivelando immarcabile per i padroni di casa.

37-51 - E' ancora Hogue a trovare un canestro per Trento e interrompere il parziale di 0-9 di Milano.

35-51- Ancora un possesso buttato dall'Aquila, mentre Tarczewski domina nel pitturato e realizza nuovamente.

35-49 - Ricomincia la serie di brutti possessi di Trento, che permette a Milano di trovare 7 punti consecutivi in meno di un minuto con Pascolo, Tarczewski e la tripla di Hickman. Costretto al timeout Buscaglia.

35-42 - Sbaglia clamorosamente la penetrazione Cinciarini, mentre Shields colpisce da tre.

32-42 - Si riparte con il secondo tempo tra Dolomiti Energia Trentino e l'EA7 Armani Milano

INTERVALLO - Il migliore in campo al momento è l'ex Davide Pascolo, autore di 14 punti con 4 rimbalzi. Ottimo per ora però nel complessivo l'impatto di tutta la squadra ospite, capace di limitarsi a sole 6 palle perse. Al contrario Trento non sta trovando l'apporto necessario dal suo quintetto, con solo Dustin Hogue (10 punti con 5 rimbalzi) e Diego Flaccadori (9 punti) in grado di confrontarsi con gli avversari. Malissimo per ora Dominique Sutton, che in 15 minuti non ha messo a referto nessun punto. Sarà necessario che la stella di Trento inizi a giocare, altrimenti sarà molto dura per i padroni di casa provare a recuperare.

FINE SECONDO QUARTO 32-42

32-42 - Altro facile canestro mancato da Gomes che nel tentativo di schiacciata si stampa contro il canestro. Si chiude così il primo tempo che vede avanti (meritatamente) Milano di dieci lunghezze.

32-42 - Brutta azione dei padroni di casa, che permettono agli ospiti di partire in contropiede e trovare la schiacciata con Sanders.

32-40 - Non approfitta Trento di un nuovo contropiede che poteva portare Sutton al canestro, Milano però fatica a trovare soluzioni in questo momento e restituisce il pallone.

32-40 - Rimbalzo di Craft e veloce ripartenza per Shields che schiaccia in contropiede.

30-40 - Due punti di potenza di Sanders che si infila fra le maglie degli avversari e appoggia al tabellone. Gomes sbaglia invece l'ennesimo tentativo da dietro l'arco.

30-38 - Terzo fallo di Tarczewski che è costretto ad uscire, solo 1/2 per Gomes dalla lunetta.

29-38 - Ancora impreciso Lechthaler che sbaglia il posizionamento e permette al centro di Milano di infilare il secondo canestro consecutivo.

29-36 - Brutta difesa di Lechthaler che lascia totalmente libero Tarczewski che deve solo appoggiare. Il centro trentino però conquista un importante rimbalzo offensivo dall'altro lato che porta al canestro di Hogue.

27-34 - Ancora lui, Diego Flaccadori! Canestro e fallo per lui, che sbaglia dalla lunetta ma raccoglie il rimbalzo e infila il canestro per la seconda volta in pochi secondi.

23-34 - E' ancora l'ex Pascolo a colpire con una tripla, grida di disappunto dei tifosi trentini che stanno trovando nell'ex beniamino l'avversario più agguerrito.

23-31 - Ancora una buona difesa di Trento, che nel ribaltamento riporta il distacco in singola cifra grazie a Hogue.

21-31 - Palla recuperata ed è ancora Flaccadori a punire Milano in penetrazione. Importante il suo impatto che ha ridotto lo scarto, ora è coach Repesa a chiamare il timeout con 6 minuti da giocare.

19-31 - Schema disegnato alla perfezione e Trento rientra in campo con la tripla di Flaccadori.

16-31 - Altro errore di Craft e coach Buscaglia è costretto a chiamare il timeout. Brutto inizio di match per i padroni di casa che oggi per la prima volta stanno subendo totalmente gli avversari.

16-29 - Fallo di Craft e Pascolo realizza il 2/2 dalla lunetta.

16-27 - 2+1 di Gomes che cerca di tenere a contatto la squadra trentina.

13-27 - Ancora a vuoto l'Aquila e Hickman non perdona in penetrazione.

13-25 - Riporta il vantaggio in doppia cifra Kalnietis e dopo l'errore di Trento è Macvan a segnare i suoi primi punti nel match.

13-21 - Inizia il secondo quarto e si sblocca finalmente Gomes, che nei primi dieci minuti non si era mai fatto praticamente vedere.

FINE PRIMO QUARTO: 11-21

11-21 - Si chiude così il primo quarto, con una Dolomiti Energia Trentino molto contratta, mentre sembra più rilassata l'EA7 Milano che non ha nulla da perdere.

11-21 - Si riscatta immediatamente Hogue, che mette a segno il suo sesto punto.

9-21 - Primi due punti per Abass che viene trovato alla perfezione sotto canestro dal compagno.

9-19 - Agitatissimo McLean che commette un fallo e si lamenta facendosi fischiare anche un tecnico. Terzo fallo per lui che lascia il campo. Dalla lunetta Forray concretizza a metà con 1/2 mentre a seguire Hogue si schianta sul canestro.

8-19 - Schiacciata sulla sirena di McLean, che ha lasciato il pallone pochi centesimi di secondo prima che scattasse l'infrazione.

8-17 - Canestro di Pascolo, che trova un buon gancio. Trento invece non riesce a segnare dal campo e commette fallo sulla ripartenza con Forray.

8-15 - Amnesia arbitrale che fischia un fallo a Shields, che invece aveva subito fallo da Pascolo (sarebbe stato il suo secondo.

8-15 - Forray sbaglia una comoda penetrazione per il 2+1, ma va comunque in lunetta per via del fallo di Pascolo. 2/2 per lui che interrompe il parziale di 0-10.

6-15 - Appena entrato Flaccadori perde una palla sanguinosa e Hickman punisce con una nuova tripla. Rischia l'ennesimo disastro l'Aquila con Forray ma la palla è contesa e rimane in possesso dei padroni di casa.

6-12 - Canestro annullato a Shields per infrazione di passi, Milano ne approfitta con la tripla di Pascolo che dilata il vantaggio. Coach Buscaglia è costretto al timeout, quando mancano ancora quattro minuti del primo quarto.

6-9 - Trento non trova la retina con la tripla sbagliata da Sutton, Hickman invece sfrutta alla perfezione il pick del suo centro e allunga il vantaggio.

6-7 -  Atipica azione di pressing a tutto campo di Milano, che costringe Trento all'infrazione dei 5 secondi. L'Armani però spreca con il fallo in attacco di Tarczewski.

6-7 - Ancora in lunetta Sanders, che batte in velocità Hogue e subisce fallo dallo stesso.

6-5 - E' ancora Hogue a trovare spazio in area e riportare avanti i padroni di casa,fatica a chiudere l'Olimpia.

4-5 - Perde palla l'Aquila e Milano si riporta avanti con il canestro dell'ex Pascolo.

4-3 - Nell'azione successiva Sanders si fa ricambiare il fallo da Sutton, ma dalla lunetta è meno preciso con 1/2.

4-2 - Primo fallo della partita commesso da Sanders, che manda in lunetta Hogue che aveva seminato il suo difensore in area. 2/2 per l'ala americana che porta in vantaggio i suoi.

2-2 - Craft in penetrazione sblocca i padroni di casa e fa esplodere il boato dei 4.000 presenti al PalaTrento.

0-2 - Parte male Trento che perde consecutivamente due palle in altrettante azione. La difesa però è perfetta e la squadra non concede punti agli avversari.

0-2 - Prima palla per Milano che trova subito un canestro con Hickman.

Coach Buscaglia schiera dal primo minuto Craft, Gomes, Shields, Sutton e Hogue. 
Coach Repesa risponde con Cinciarini, Hickman, Sanders, Pascolo e Tarczewski.

Atmosfera caldissima, con i tifosi di casa che non smettono di sostenere i propri giocatori per caricarli al meglio in vista della palla a due.
I tifosi di Milano in trasferta appendono invece il classico striscione che ha accompagnato la stagione: "Basta Proli e Portaluppi".

Ora tutti in piedi per l'inno ufficiale.

Fischi assordanti al momento dell'annuncio della formazione di Milano, che diventano applausi appena scendono in campo i ragazzi di casa.

Ufficiali anche i giocatori a referto delle due squadre.

Dolomiti Energia Trentino
2 Dominique Sutton
4 Aaron Craft
10 Toto Forray
11 Luca Conti
12 Diego Flaccadori
14 Isacco Lovisotto
15 Joao Beto Gomes
22 Dustin Hogue
25 Luca Lechthaler
31 Shavon Shields

Coach Maurizio Buscaglia
Assistenti: Vincenzo Cavazzana e Davide Dusmet

EA7 Milano
1 Jamel McLean
2 Simone Fontecchio
7 Richard Hickman
9 Mantas Kalnietis
11 Miroslav Raduljica
13 Milan Macvan
14 Davide Pascolo
15 Kaleb Tarczewski
20 Andrea Cinciarini
21 Rakim Sanders
23 Abass Awudu Abass
30 Bruno Cerella

Coach Jasmin Repesa
Assistenti: Massimo Cancellieri e Mario Fioretti

Arbitri: Massimiliano Filippini, Alessandro Martolini, Beniamino Manuel Attard

E' giunto il momento del riscaldamento ufficiale, che porterà le due squadre dentro al match.
Presenti tutti gli effettivi, anche Miroslav Raduljica che non si era visto precedentemente.

Rientrate negli spogliatoi ora le due squadre, è il momento dell'ultima riunione tattica prima dell''inizio del match.

Molto probabilmente sarà out il centro di Milano Miroslav Raduljica, che non si è ancora visto in campo per il riscaldamento. La sua defezione si aggiunge a quelle già annunciate di Zoran Dragic (out per la stagione) e Krunoslav Simon (infortunatosi nell'ultimo match).

Buonasera a tutti e benvenuti sulle colonne di Vavel Italia da Nico Silvestri e da tutta la redazione. Entrambe le squadre sono già in campo a riscaldarsi, mentre il PalaTrento inizia a colorarsi di bianco-nero.

Dopo la sorprendente doppia vittoria della Dolomiti Energia Trentino al Mediolanum Forum di Assago, la serie si sposta al PalaTrento, dove l'EA7 Armani Milano dovrà cercare di sistemare le cose, per evitare addirittura uno sweep che sarebbe un'ecatombe.

Superiorità netta quella dimostrata in campo dai ragazzi di coach Buscaglia, capaci di asfissiare gli avversari con il loro pressing e metterli spalle al muro negli ultimi 15 minuti di entrambe le partite.

Gara 3 di semifinale sarà arbitrata da Massimiliano Filippini, Alessandro Martolini e Beniamino Manuel Attard.

Clima a mille nella città trentina, dove i biglietti per gara 3 e 4 sono andati a ruba e di conseguenza ci sarà il tutto esaurito in entrambi i match, con circa 4.000 spettatori previsti.

Oltre ai già assenti Filippo Baldi RossiRiccardo Moraschini da un lato e Zoran Dragic dall'altro, in gara 3 e 4 mancherà anche la stella di Milano Krunoslav Simon, fermato da un infortunio nel primo tempo della seconda partita della serie e costretto ad un lavoro riabilitativo che lo terrà fuori almeno una decina di giorni.

Il match è considerato quasi un pivotal game, visto che con una vittoria l'Aquila volerebbe del 3-0, forte ancora di due match davanti al proprio pubblico. Dominique Sutton, la stella dei trentini, però ritiene che la squadra ha grandi possibilità, anche se dovesse andare male il match di stasera. Ecco le sue parole rilasciate per il sito ufficiale della squadra: "Non so se gara 3 potrà essere la partita chiave della serie. Di certo noi avremo una occasione importante per allungare sul 3-0 e potremo sfruttare il supporto del nostro pubblico per farlo. Dovremo scendere in campo con la cattiveria e l'attenzione difensiva che ci hanno portato sino a questo punto, perché è giocando un basket fisico, di grande energia e magari non sempre bellissimo che possiamo avere le migliori chance di battere ancora Milano. Finora grazie a queste caratteristiche siamo infatti riusciti a ovviare a percentuali non sempre esaltanti nel tiro da fuori, in primo luogo le mie, ma non dobbiamo vivere con ansia queste difficoltà. Dobbiamo semplicemente continuare a difendere duro sapendo che se dovessimo davvero sbloccarci anche al tiro da fuori, potremmo davvero fare un passo in avanti importante: in fin dei conti in questo momento la pressione è tutta sulle loro spalle. L'infortunio di Simon e il rientro di Raduljica? Non credo che in sé possa essere un cambiamento destinato a spostare i valori della serie in un senso o nell'altro. Si tratta di ottimi giocatori con caratteristiche diverse, inseriti in un team che ha tantissimi giocatori pericolosi". 

Share on Facebook