Legabasket 2017/18: la guida di Vavel Italia

Vavel Italia vi regala la guida al campionato italiano di basket di serie A, stagione 2017/18. Le schede tecniche e i video di oltre 160 giocatori, l'analisi dei punti di forza e dei difetti delle 16 squadre.

Legabasket 2017/18: la guida di Vavel Italia
Immagine: Vavel Italia

Appuntamento immancabile di  ogni anno, Vavel Italia presenta la guida al Campionato Italiano di basket, stagione 2017-18. Analizziamo le 16 formazioni, descrivendo tutti i giocatori con una scheda che ripercorre la loro carriera e un video che ne evidenzia le caratteristiche tecniche.

Anche per questa stagione, le nostre squadre non hanno avuto la forza economica di ingaggiare un Jason Thompson, un Brian Roberts, un Kevin Seraphin o un Hollis Thompson, che giocheranno in Grecia, Spagna o Turchia. E neanche quest'anno potremo goderci un talento alla Luka Doncic o i "nostri" Gigi Datome e Niccolò Melli. Insomma, i risultati della Nazionale sono lo specchio del campionato. Un campionato che, quest'anno, sarà all'insegna dello "spezzatino", e chissà che quest'esperimento non riesca a dare più seguito e visibilità. 

Come consuetudine, ampio turnover: sono rimasti nel nostro campionato 9 dei primi 20 marcatori dello scorso campionato, 11 dei primi 20 assistmen e 8 dei primi 20 rimbalzisti.
Pochissime le stelle di prima grandezza messe sotto contratto: Goudelock e Theodore sono da anni protagonisti in Europa; un gradino più in basso, Jamie Smith  e Culpepper, Fitipaldo e Rich, Gutierrez ; poi altri che magari hanno già dato il meglio, come Vujacic, Markoishvili, Patterson, Lafayette, Slaughter, ma che in Italia possono ancora spostare equilibri.
Tra i giovani che potrebbero esplodere, occhio a "Cat Barber", Dallas Moore e Nic Moore. Per le speranze italiane, occhi puntati su Bologna e Reggio Emilia, che più delle altre affideranno le proprie sorti alla vena dei pochi italiani che ancora possono essere decisivi.

Azzardato fare pronostici, ma Milano è oggettivamente un gradino sopra tutte le altre. Alle sue spalle, Venezia e Avellino, poi Torino, Bologna, Trento e - se la società si dà una calmata - Cantù. In coda, Varese e soprattutto Pesaro al momento sembrano le meno forti del lotto. 

 

Di seguito, i link per accedere alle sezioni dedicate alle varie squadre:

Banco di Sardegna Sassari

Betaland Capo d'Orlando

Dolomiti Energia Trento

EA7 Emporio Armani Milano

Fiat Torino

Germani Basket Brescia

Grissin Bon Reggio Emilia

Happy Casa Brindisi

Openjobmetis Varese

Red October Cantù

Segafredo Virtus Bologna

Sidigas Scandone Avellino

The Flexx Pistoia

Umana Reyer Venezia

Vanoli Cremona

VL Pesaro

 

Lega Basket