I Clippers si arrabbiano, Golden State soccombe: serie sull'1-1

I Los Angeles Clippers tengono duro e reagiscono dopo la sconfitta casalinga subita in Gara-1: vittoria esorbitante per 98-138 (40 punti). Lì dove non si esalta Paul si scatena Griffin. Grande contributo della panchina. I Warriors perdono troppe palle e commettono troppi falli: Klay Thompson ed Iguodala in panchina per parecchi minuti del secondo quarto condannano Mark Jackson.

I Clippers si arrabbiano, Golden State soccombe: serie sull'1-1
Golden State Warriors
98 138
Los Angeles Clippers
Golden State Warriors: Curry 24 (9/17), Klay Thompson 7 (2/4), Iguodala 4 (2/6), David Lee 11 (4/8), Jermaine O'Neal 4 (2/4). PANCHINA : Steve Blake 5 (2/4), Jordan Crawford 11 (2/6), Harrison Barnes 9 (3/7), Draymond Green 11 (4/7), Speights 8 (4/8), Hilton Armstrong 4 (2/5), Kuzmic 0 (0/0). INACITVE : Bogut, Ezeli, Nedovic. ALLENATORE : Mark Jackson
Los Angeles Clippers : Chris Paul 12 (4/10), Redick 9 (3/7), Matt Barnes 13 (4/7), Griffin 35 (13/17), Jordan 11 (2/4). PANCHINA : Darren Collison 12 (3/6), Jamaal Crawford 9 (4/8), Danny Granger 15 (6/10), Turkoglu 13 (5/7), Glen Davis 4 (2/3); Willie Green 2 (0/2), Dudley 3 (1/1), Hollins 0 (0/1). INACTIVE : Bullock. ALLENATORE : Doc Rivers
SCORE: 1Q: 20-31; 2Q: 21-36; 3Q : 32-38; 4Q: 25-33
ARBITRO: Tony Brothers, Rodney Mott, David Guthrie
NOTE: Gara-2 del primo turno dei Playoffs della Western Conference. Serie sull'1-1. Arena: Staples Center, Los Angeles, California, USA Spettatori: 19570 Durata: 2h37m Falli tecnici: Curry, O'Neal, Speight (GS), Glen Davis, Doc Rivers (LAC) Cambi di vantaggio: 0 Volte pari : 0

No. Stavolta no. Stavolta i Clippers non hanno sprecato un vantaggio in doppia cifra costruito all'inizio della gara per poi vedere le sorti di essa sfuggire di mano. Stavolta quel +11 a fine primo quarto (proprio come in Gara-1) è diventato prima +20 grazie ad un inizio di secondo quarto pauroso della second-unit (Darren Collison, Jamaal Crawford, Danny Granger, Hedo Turkoglu e Glen Davis) e poi un +26 a fine primo tempo, con i Golden State Warriors messi a dormire.

Gara-2 è poi terminata col risultato eclatante per le proporzioni di 98-138 per la squadra di Los Angeles che è stata ben attenta a non perdere la seconda partita in casa. Il margine di 40 punti finali rappresenta la più larga vittoria in una gara di post-season per la franchigia rossobiancoblu e la più larga in una gara di Playoffs dalla vittoria di 43 punti della Orlando di Dwight contro gli Hawks il 4 Maggio del 2010. I 138 punti sono invece il massimo segnato dai Clippers in una gara di Playoffs. A guidare i Clippers un eccellente Blake Griffin, che ha chiuso la gara con 35 punti (career high ai POs), 6 rimbalzi ed un 13/17 al tiro ecumenico (9/10 ai liberi). Griffin ha voltato pagina dopo la brutta Gara-1 giocata allo Staples, nella quale era entrato subito in trobule-foul e non aveva potuto aiutare i suoi nella rimonta. I falli commessi stanotte? Zero.

Grande merito della vittoria dei Clippers va alla panchina, se è vero che Chris Paul non ha impressionato per la seconda notte (12 punti, 6 rimbalzi, 12 assist e 4/10 al tiro). Dalla panchina Rivers ha pescato i 12 punti (con 10 assist) di Darren Collison, i 15 di Granger (autore però di troppi falli: 6 in 18 minuti), i 4 di Glen Davis, i 13 di Turkoglu ed i 9 di un Jamaal Crawford ripresosi dopo il 2/11 di Gara-1 con un buon 4/8 dal campo oggi. In totale, a fine gara, saranno ben sette i Clippers in doppia cifra: a CP3, Griffin, Crawford, Collison, Granger e Turkoglu si aggiungono Matt Barnes (13 punti) ed un DeAndre Jordan (11 punti e 9 rimbalzi) che non ha tentennato quando per recuperare lo svantaggio Mark Jackson ha comandato fallo sistematico su di lui: l'Hack-a-Jordan ha portato risultati miseri per i Warriors  visto il 7/8 dalla lunetta del centro nativo di Houston. DeAndre ha inoltre pareggiato il record di 5 stoppate in due gare consecutive ai Playoffs della franchigia californiana co i 5 blks di stanotte.

"Stanotte abbiamo giocato come sappiamo fare", Doc Rivers

Parecchio peso nella sconfitta dei Warriors lo assumono i 26 turnovers di stanotte (il doppio dei 13 dei Clippers) che sommati ai 23 di Gara-1 portano a 49 il totale delle palle perse in due gare giocate nella città degli angeli. Altra causa può essere la seconda serata no al tiro di Curry cha ha chiuso  sì con 24 punti e 8 assist ma ha sbagliato 7 dei suoi primi 8 tiri (per poi migliorare la percentuale al 9/17 nel secondo tempo) ed ha mostrato segnali di nervosismo quando - per un fallo non fischiato a  suo favore - ha pronunciato qualche parola di troppo e si è beccato un tecnico. Infine qualche colpa va anche a Mark Jackson che evidentemente non ha imparato la lezione impartita dai Warriors stessi in Gara-1 a Griffin ed ha tenuto in campo prima Iguodala con due falli che sono diventati ben presto tre e quattro a fine primo tempo e poi Klay Thompson che contava due falli nei primi quattro minuti del primo quarto e tre a quattro minuti  dalla fine del periodo iniziale. Per questo motivo Jackson è stato costretto a giocarsi quasi tutto il secondo quarto senza il suo secondo scorer e senza il suo primo difensore esterno.

Le badilate prese dal quintetto iniziale dei Warriors, ancora privi di Bogut, hanno permesso di calcare il campo per più minuti alle riserve. Ben sei i giocatori pescati dalla panchina. In doppia cifra, oltre a Curry (24 punti), ci vanno David Lee (11 punti in 20 minuti), Draymond Green (11 punti ma 5 falli e 4 TOs) e l'altro Crawford della gara, Jordan (11 con 7/9 ai liberi). Si fermano a 4 Iguodala in 29 minuti, Jermaine O'Neal in un quarto d'ora di gioco ed Hilton Armstrong in 10. Klay Thompson ne piazza sette in venti minuti, Speights 8 con 6 rimbalzi, Harrison Barnes 9 con 6 rimbalzi e Blake 5 con 3 rimbalzi. Rimane a secco Kuzmic che però raccoglie quattro rimbalzi in 7 minuti. Nei Clippers, oltra ai sopracitati, qualche minuto anche per il garbage: 2 punti e 3 rimbalzi per Willie Green, 0 con 1 rimbalzo per Hollins e 3 per Dudley.

Date:

Gara 3: 25 aprile, ore 4.30 italiane, @ Golden State
Gara 4: 27 aprile, ore 21.30 italiane, @ Golden State
Gara 5: 30 aprile, orario da determinare, @ Los Angeles 
Gara 6 (if necessary) : 2 maggio, orario da determinare, @ Golden State
Gara 7 (if necessary) : 4 maggio, orario da determinare, @ Los Angeles 

Statistiche:

Highlights:

NBA