NBA, Sterling rincara la dose ed offende Magic : "Si vergogni per l'Aids"

L’ormai ex presidente dei Los Angeles Clippers continua a far parlare di sé, questa volta in diretta nazionale, accusando Magic che oltre vent’anni fa dichiarò di essere sieropositivo.

NBA, Sterling rincara la dose ed offende Magic : "Si vergogni per l'Aids"
la volontà espressa da un tifoso dei clippers fuori allo staples center

New York – Qualora se ne sentisse ancora il bisogno, Donald Sterling continua nella sua personale battaglia contro Magic Johnson.

Questa volta si è superato ed è andato ben oltre le precedenti offese telefoniche. Intervistato in diretta nazionale, per la CNN, il miliardario ha continuato a gettare benzina sul fuoco, facendo passare in secondo piano le scuse per il quale era stato contattato. Aveva appena finito di scusarsi per le sue frasi contro la popolazione afroamericana, sostenendo la tesi di non essere razzista, quando alla domanda sull’ex campione dei Lakers non è riuscito a contenersi : "Dovrebbe vergognarsi di essersi beccato l'Aids", ha attaccato l’ottantenne, che ripreso dall’intervistatore sulla malattia dell’ex lakers (non era malato di Aids, ma era risultato positivo al test dell’HIV) ha continuato : "Che tipo di persona è uno che va in giro ovunque e fa sesso con ogni ragazza che incontra e si becca l'Hiv?"

La gaffe ha del clamoroso. Se precedentemente aveva avuto delle attenuanti sul contesto della telefonata con la fidanzata, perché erano argomenti trattati in un momento difficile ed in una situazione particolare e personale, questa volta non avrà alibi. Le dichiarazioni in diretta televisiva sono nude e crude, e come tali vanno giudicate. Semmai volesse difendere la sua posizione e la sua proprietà, di certo queste dichiarazioni non lo aiuteranno.

La recidività e la gravità delle offese nei confronti di un’icona del basket americano di certo non lasceranno indifferente il board della lega. Il comunicato del neo commissioner Adam Silver, chiaramente nauseato dalle continue calunnie, conferma tale tesi : "Anche se Magic Johnson non ha bisogno che sia io a farlo, mi sento costretto a nome della famiglia Nba a scusarmi con lui, che continua ad essere trascinato in questa situazione e tirato in ballo da questo attacco personale e calunnioso. L'assemblea dei proprietari Nba sta continuando il procedimento per rimuovere Sterling nel modo più veloce possibile".

A questo punto speriamo che la decisione che tutti aspettiamo, venga presa nel più breve tempo possibile, in modo tale da evitare che un personaggio del genere continui ad avere pubblicità ed infangare l’immagine della Nba nel Mondo.

NBA