Game, set and match per Miami

Gli Heat chiudono la semifinale sul 4-1 grazie ad una vittoria ottenuta con fatica e giocheranno per il titolo della Eastern Conference; per Brooklyn tanta amarezza e sopratutto tante domande sul futuro.

Game, set and match per Miami
Miami Heat
96 94
Brooklyn Nets
Miami Heat: Lebron James 29 punti e 9 rimbalzi,Wade 28 punti e 3 assist,Bosh 16 punti e 2 rimbalzi,Ray Allen 13 punti e 3 rimbalzi.
Brooklyn Nets: Joe Johnson 34 punti 7 rimbalzi,Pierce 19 punti e 2 assist,Williams 17 punti e 4 assist,Livingston 8 punti e 7 rimbalzi.

Prossima fermata:le finali della Eastern Conference.E' questa la destinazione dei Miami Heat.
LeBron James ne mette 29,Dwyane Wade ne aggiunge 28 e Ray Allen firma due giocate cruciali nei secondi finali che permettono a Miami di eliminare definitivamente i Brooklyn Nets,96-94.

"E' stato sempre così per noi",dice James."Non è mai facile.Non è mai facile." Sotto di 8 punti con meno di 5 minuti da giocare,Miami difende forte e impedisce per nove volte consecutive ai Nets di segnare dando vita ad un 12-0 di parziale che spacca la partita.La tripla di Allen su assist di Chalmers a 32 secondi dal termine è la ciliegina sulla torta.

"Diamo credito a Miami",dice coach Jason Kidd."Entrambe le squadre stavano attaccando nel quarto periodo ma loro hanno creato tiri e giocate,noi no".Joe Johnson segna 34 punti,Paul Pierce ne mette 19 e Deron Williams 17 per Brooklyn.Questo è il sesto viaggio alle finali della Eastern Conference nelle ultime 10 stagioni per Miami.James è alla sesta partecipazione in 8 stagioni,le prime due furono con la maglia dei Cleveland Cavaliers nel 2007 e 2009.

"Ovviamente,pensavamo che questa fosse una partita che avremmo vinto",dice Joe Johnson.

Brooklyn conduceva 49-42 a fine primo tempo,con Miami che ha sbagliato 15 su 16 da tre punti.I Nets chiudono i primi due quarti con un 8-0 di break e l'unico uomo degli Heat che ha impensierito la difesa dei Nets è stato Wade con 20 punti e 7 su 12 al tiro.Poi Miami è venuta fuori nel secondo tempo,anche se con fatica.

Brooklyn,con i suoi 180 milioni di salari e luxury tax,aveva come ovvio obiettivo quello di raggiungere il titolo.Invece,il milionario patron Mikhail Prokhorov,si ritrova con un misero viaggio al secondo turno di playoffs.Questo sarà l'inzio di un'estate dove si parlerà molto del futuro di Pierce e Garnett,sopratutto, e dovranno essere prese grandi decisioni per il futuro della squadra.Pierce sarà costless agent mentre a Garnett ha ancora un anno di contratto.

Il futuro di Miami è invece molto più chiaro,le finali della Eastern Conference li attendono.


Share on Facebook