Brooklyn infierisce sui Thunder ed è showtime nell'esordio casalingo

Larga vittoria per i Nets che schiacciano i Thunder senza Durant,Westbrook ma sopratutto orfani di un sistema di gioco in quello che è il terzo KO. Si rivede Brook Lopez.

Brooklyn infierisce sui Thunder ed è showtime nell'esordio casalingo
Brook Lopez va a schiacciare
Brooklyn Nets
116 85
Oklahoma City Thunder
Brooklyn Nets: Lopez 18 punti e 6 rimbalzi,Anderson 18 punti,Williams 17 punti e 9 assist,Bogdanovic 12 punti,Plumlee 10 punti e 8 rimbalzi,Johnson 13 punti e 6 assist,Garnett 6 punti e 6 rimbalzi.
Oklahoma City Thunder: Jackson 23 punti e 5 assist,Jones 16 punti e 4 rimbalzi,Telfair 16 punti e 6 assist,Ibaka 15 punti e 9 rimbalzi,Adams 9 punti e 9 rimbalzi.

Nell’esordio sul parquet amico del Barclays Center,i Brooklyn Nets offrono tanta ottima pallacanestro e a farne le spese sono i Thunder orfani di Kevin Durant, Russell Westbrook e altri 5 comprimari. I padroni di casa giocano in maniera ordinata e facendo male soprattutto al tiro. Rimanendo sempre in vantaggio fin dai primi minuti, Brooklyn arriva anche ad essere avanti di 35 punti nel secondo tempo. Le buone notizie continuano per i Nets che rivedono in campo Brook Lopez dopo ben 11 mesi, il  centro mette a segno 18 punti con 6 su 10 dal campo in 24 minuti e commenta così:”E’ una cosa che non si può spiegare, è stato grande tornare tutto questo mi è mancato ora dobbiamo solo pensare di continuare a fare bene”.Alan Anderson aggiunge 18 punti e Deron Williams da il suo contributo con 17 punti e 9 assist. Grande serata per il nuovo  arrivato Bojan Bogdanovic autore di una solida prestazione da 12 punti condita da giocate chiave come il recupero e il conseguente alley-oop allo scadere del primo tempo per la schiacciata di Mason Plumlee.

Per i Thunder questa è la terza sconfitta in questa stagione e l’unica prestazione degna di nota è quella  di Reggie Jackson che segna 23 punti in 42 minuti con un 8 su 20 dal campo .”Non sono affatto contento della mia prestazione, ho tirato malamente e mi sento responsabile del fallimento della mia squadra”. Durante la gara i Thunder perdono l’ennesimo giocatore , si tratta di Andre Roberson che lascia anzitempo il campo per una distorsione alla caviglia destra. Davvero un brutto periodo per la squadra allenata da coach Scott Brooks che commenta così il momento dei suoi :”Non stiamo sventolando già la bandiera bianca e continueremo a lottare nonostante il momento non sia dei migliori”.

Prossimi impegni:i Thunder giocheranno contro i Raptors giovedì sera mentre i Nets torneranno sul terreno del Barclays Center già domani notte contro i Minnesota Timberwolves della prima scelta assoluta Andrew Wiggins.


Share on Facebook