Eastern Conference Finals: Atlanta Hawks - Cleveland Cavaliers

Alla "Philips Arena" ha inizio la serie di finale tra Hawks e Cavaliers. Vediamo cosa aspettarci.

Eastern Conference Finals: Atlanta Hawks - Cleveland Cavaliers
Eastern Conference Finals: Atlanta Hawks vs Cleveland Cavaliers

Come da pronostico, nella finale della Eastern Conference Finals si affrontano Atlanta Hawks Cleveland Cavaliers.

Dopo gli accoppiamenti dei play - off era facile immaginare che queste due squadre sarebbero arrivate a scontrarsi.

Gli Hawks, dopo aver eliminato Nets Wizards, si trovano di fronte un avversario che sulla carta è nettamente superiore ma che con un attento gioco di squadra può essere limitato.

Infatti, la squadra di coach Mike Budenholzer, coach of the year,  ha sorpreso tutti in questa stagione per lo spirito di collettività che vige nello spogliatoio. Tutti si aiutano e questo favorisce anche il conseguimento di risultati positivi. Non è però solo l'atteggiamento a spingere in alto gli Hawks, sullo stesso piano si pone la capacità di saper sopperire all'assenza di stelle. Grazie alla bravura di coach Budenholzer si è formata una squadra completa in ogni reparto, con giocatori calati perfettamente nel ruolo e un gioco in grado di valorizzare il cast.

Nell'altra metà campo del parquet ritroviamo i Cavaliers, una squadra costruita per vincere e che ha vissuto tutta la stagione sotto la costante pressione del dover fare risultato ad ogni costo. Il roster di Blatt non ha cominciato a rendere da subito ma è migliorato nel corso del tempo.

Inizialmente si pensava che Cleveland al primo anno non ce l'avrebbe fatta a vincere in quanto c'erano troppe incognite, troppe individualità, non si era creata una squadra logica, si diceva. Infatti, fino a Gennaio le previsioni si erano rivelate esatte ma poi l'ex coach del Maccabi è riuscito a trovare una quadratura, mettendo ogni pedina al posto giusto.

Questa crescita è coincisa con un rendimento più alto e consono da parte dei "big three", JamesLove Irving. A questi, si sono aggiunti due giocatori di spessore come J. R. Smith ed Iman Shumpert che hanno garantito il giusto ricambio.

Sembra quasi scontato, secondo i pronostici, che debbano vincere i Cavaliers ma non mancano le incognite. Considerando che Blatt è al suo primo anno NBA dopo tanta gavetta europea il risultato è più che prestigioso. Tra l'altro non è neanche facile allenare una squadra con così tante stelle. Bisogna avere la giusta mentalità e personalità per far sì che tutti si sacrifichino per la squadra.

Di certo questo è un appuntamento importante per Cleveland, dato che la franchigia dell'Ohio non raggiunge le Conference Finals dalla stagione 2008/09 (sconfitta con i Magic per 4-2).

I precedenti con Atlanta non sono del tutto piacevoli: nella stagione 2008/09 vittoria Cleveland nelle Conference Semifinals col risultato di 4-0, mentre quest'anno in regular season solo un successo Cavs in incontri.

Dal punto di vista tattico saranno Conference Finals piuttosto spettacolari ed equilibrate: da una parte c'è Atlanta che, dopo il primo posto in regular season, si vuole togliere una soddisfazione anche in post season provando ad accedere alle Finals NBA e che per questo giocherà con molta più attenzione dietro e maggiore velocità in attacco per sfruttare le amnesie della difesa avversaria; dall'altra Cleveland che invece, oltre a serrare le linee davanti al canestro, dovrà stare attenta ai tiri dall'arco, mentre in fase offensiva ci vorranno delle prestazioni all'altezza da parte di James, Irving e J. R. Smith, ma non solo, perchè se gli Hawks dovessero limitare al massimo "le bocche da fuoco" dei Cavaliers, la qual cosa è già successa più volte in questa stagione, allora ci vorrà un lavoro suppletivo della panchina.

Sarà una sfida nella sfida tra i due allenatori, Budenholzer e Blatt, tanto simili quanto diversi: entrambi molto scrupolosi nello studiare tutti i dettagli di una partita ma diversi nell'interpretazione che danno alla stessa; il coach degli Hawks predilige la fase difensiva per far giocare male gli avversari, mentre il coach di Cleveland è più orientato nel perfezionare la fase offensiva.

Di seguito vi riportiamo i roster delle due squadre con indicazione del ruolo, altezza e ppg.

                                           ATLANTA HAWKS

Antic F - C 2.11 5,2 ppg

Bazemore G 1.96 3,7 ppg

Brand F - C 2.06

Carroll F 2.03 17,1 ppg

Daye F 2.11 

Horford C - F 2.08 15,6 ppg

Jenkins G 1.93

Korver G 2.01 11,3 ppg

Mack G 1.90 1,3 ppg

Millsap F 2.03 15,7 ppg

Muscala F - C 2.11 5,0 ppg

Schroder G 1.85 10,1 ppg

Scott F 2.03 4,3 ppg

Sefolosha F - G 2.01

Teague G 1.88 15,3 ppg

                                        CLEVELAND CAVALIERS

Dellavedova G 1.93 6 ppg

Harris G 1.98 19,8 ppg

Haywood C 2.13 

Irving G 1.91

James F 2.03 26,5 ppg

Jones F 2.03 4,4 ppg

Love F 2.08 14,3 ppg

Marion G - F 2.01

Miller G - F 2.03 1,0 ppg

Mozgov C 2.16 8,5 ppg

Perkins C 2.08 0,8 ppg

Shumpert G 1.96 10,4 ppg

Smith G - F 1.98 11,3 ppg

Thompson C - F 2.06 8,5 ppg

Varejao C 2.11