Nba playoffs, i Thunder passano ancora a Dallas (108-119)

Westbrook e Kanter trascinano Oklahoma City al secondo successo consecutivo della serie, ora a un passo dall'essere chiusa (3-1). I Mavs si battono con uno strepitoso Nowitzki, ma cedono anche di fronte agli infortuni. Durant espulso nel finale.

Nba playoffs, i Thunder passano ancora a Dallas (108-119)
Enes Kanter, 28 punti con 12/13 dal campo in gara 4. Fonte: Thunder.com

Gli Oklahoma City Thunder di Billy Donovan vincono la seconda gara consecutiva all'American Airlines Center di Dallas e si portano così sul 3-1 nella serie di primo turno di playoffs della Western Conference contro i Mavericks, a un passo dalla qualificazione in semifinale. Grande protagonista per gli ospiti Russell Westbrook, 25 punti e 15 assist per lui, decisivo anche in una serata di nervosismo di Kevin Durant, espulso nel finale di partita. Fondamentale il contributo dalla panchina del turco Enes Kanter (28 punti in 25 minuti con 12/13 dal campo), mentre per i texani non basta il solito Dirk Nowitzki ad evitare una sconfitta segnata nuovamente dagli infortuni (Deron Williams k.o. dopo un minuto di gioco). 

Per gara 4 contro i Thunder, Rick Carsisle rispolvera Deron Williams in quintetto, con J.J. Barea, altro acciaccato, che parte dalla panchina. I Mavs provano a iniziare forte, ma sbattono subito contro Serge Ibaka, autore di sette punti in un lampo per coach Donovan. Nowitzki non ha bisogno di riscaldarsi per mettersi in azione, e tiene a contatto i suoi prima di uscire dal campo per il suo consueto riposo. In assenza del tedesco, i Thunder allungano con Kanter e Westbrook (13-21), mentre Devin Harris e David Lee sono gli unici a produrre nel secondo quintetto di Dallas, spazzato via dal contributo offerto dall'altra parte da Waiters e Foye, che chiudono il primo quarto sul 18-33. Barea non riesce a trovare ritmo, e così Carlisle si gioca le carte Mejri e Anderson per avere un minimo di aggressività contro i Thunder, che per contro continuano a volare grazie a Durant e Kanter. Matthews e Anderson riportano sotto Dallas con un paio di canestri pesanti, ma Oklahoma City resiste al massimo sforzo dei texani rientrando negli spogliatoi per l'intervallo lungo avanti 48-57. 

Felton e Nowitzki suonano la carica anche a inizio terzo quarto, riportando i Mavs in scia, ma qui un terrificante Russell Westbrook comincia a dominare in lungo e in largo, sfornando assist per i compagni (Adams, Kanter, Ibaka e e Roberson i beneficiari) e mettendosi in proprio con due triple che azzoppano gli avversari, tenuti in vita dall'infinito WunderDirk e dall'orgoglioso Raymond Felton. Il controllo dei tabelloni è tutto dalla parte degli ospiti, che dominano sotto canestro grazie a Steven Adams ed Enes Kanter, in grado di annichilire Pachulia e chiudere il terzo periodo sul 79-89, con Devin Harris a limitare i danni per Carlisle. Proprio il turco è il grande protagonista dell'apertura del quarto quarto, mettendo a referto undici punti in neanche sei minuti di gioco, coadiuvato da un Waiters in buona serata al tiro. Quando la gara sembra prendere definitivamente la direzione di Oklahoma City, ecco rispuntare il carattere dei Mavs, guidati da Nowitzki, Felton e Matthews (98-107 a tre minuti e mezzo dalla fine). Ma Kanter è immarcabile e mette in ghiaccio la partita arrivando a quota 28 punti personali. Durant si fa espellere per un flagrant di tipo due su Anderson quando manca meno di un minuto al gong, troppo poco per alimentare speranze di rimonta di Dallas, costretta a fronteggiare un'elimination game lunedì sera alla Chesapeake Energy Arena.

Dallas Mavericks (42-40). Punti: Nowitzki 27, Matthews e Felton 19, Harris 12, Anderson 10. Rimbalzi: Nowitzki 8. Assist: Felton 11

OKC Thunder (55-27). Punti: Kanter 28, Westbrook 25, Durant 19, Ibaka 16, Adams 14, Waiters 12. Rimbalzi: Adams e Roberson 8. Assist: Westbrook 15