NBA, Sacramento beffa i Raptors. Denver domina contro i Jazz

I Kings la spuntano in casa contro Toronto, che recrimina per una decisione arbitrale controversa nel finale di gara. Bene i Nuggets di Gallinari, che superano agevolmente Utah.

NBA, Sacramento beffa i Raptors. Denver domina contro i Jazz
Rudy Gay, 23 punti contro i Raptors. Fonte: Kings.com

Finale con il giallo nella notte Nba al Golden1 Center di Sacramento, dove i Kings battono i Toronto Raptors grazie a una decisione arbitrale molto discussa. A 2.4 secondi dalla fine dei regolamentari, con i canadesi sotto di tre lunghezze, Carroll rimette in campo per Ross, ma Cousins devia il pallone. Il numero trentuno dei Raptors segna da tre per l'overtime, ma con l'ausilio dell'instant replay gli arbitri decidono di annullare il canestro, perchè la deflection di DMC fa partire prima il cronometro e rende fuori tempo massimo il tiro di Ross. Vittoria casalinga dunque per Sacramento, così come per i Denver Nuggets di Mike Malone, che al Pepsi Center non hanno difficoltà a superare gli Utah Jazz di Quin Snyder.

Sacramento Kings - Toronto Raptors 102-99

Come annunciato alla vigilia, Dave Jorger vara il quintetto piccolo contro Toronto. Fuori un lungo come Koufos, dentro un'altra guardia come Collison. E la mossa sembra funzionare in attacco, con i Kings che aprono il campo con i loro esterni, nonostante soffrano in difesa la presenza fisica di Siakam e soprattutto di Jonas Valanciunas. Il primo strappo dei padroni di casa viene ricucito nel secondo quarto da Toronto, che torna sotto grazie a Kyle Lowry, Demarre Carroll e Patrick Patterson. Gara che rimane quindi equilibrata fino alla fine. Per i californiani è la grande serata di Rudy Gay, autore di 29 punti con 9 rimbalzi. Buono anche il contributo di Arron Afflalo e Matt Barnes, mentre Ty Lawson è la variabile impazzita a disposizione di Jorger. Quando DeMarcus Cousins si mette al lavoro in attacco, la sfida si accende ancor di più, generando un finale thrilling, in cui Toronto recupera fino al -3 grazie a una tripla di Cory Joseph e soprattutto a un fallo subito da Lowry su tiro da tre punti. Il playmaker dei canadesi fa due su tre ai liberi e, dopo il possesso a vuoto di Sacramento, rimangono 2.4 secondi sul cronometro per la rimessa dei Raptors. Terrence Ross segna da tre allo scadere, per l'esultanza della sua panchina, ma il suo canestro viene annullato a causa della deviazione sulla rimessa dello stesso Cousins, che attiva il cronometro prima della ricezione e rende vano lo sforzo dell'ex vincitore della gara delle schiacciate. Appendice rabbiosa per Toronto, con Dwane Casey che si scaglia contro gli arbitri e spacca la sua lavagnetta.

Sacramento Kings (5-9). Punti: Gay 23, Cousins 19, Collison 15, Afflalo 14. Rimbalzi: Cousins 10. Assist: Collison 9.

Toronto Raptors (8-5). Punti: Lowry 25, Valanciunas 23, Carroll 17, DeRozan 12, Patterson 11. Rimbalzi: Valanciunas 14. Assist: Lowry 6.

Denver Nuggets - Utah Jazz 105-91

Mike Malone modifica ancora il suo quintetto per la gara interna contro i Jazz: c'è infatti Will Barton in posizione di shooting guard al fianco di Emmanuel Mudiay, con Harris fuori causa e Nelson che parte dalla panchina. Nuggets che partono subito forte con i loro lunghi: attivissimi infatti Kenneth Faried e Yusuf Nurkic, che scavano un primo solco per i padroni di casa, mentre Utah prova a rispondere con Dante Exum e Joe Johnson. Grazie alle seconde linee i Nuggets arrivano anche sul +19 nel secondo quarto: i vari Nikola Jokic, Wilson Chandler e Juan Hernangomez danno il loro contributo alla causa. Gordon Hayward tiene però a galla i Jazz, che faticano tremendamente in attacco e ricevono poco in termini realizzativi da Rodney Hood. Sotto di dodici punti all'intervallo lungo (53-41), gli ospiti provano la rimonta a inizio terzo quarto, ancora con Hayward e con lo strapotere fisico di Rudy Gobert. I Nuggets sembrano invece giocare con le marce, e quando accelerano nuovamente vanno definitivamente via: al parziale decisivo contribuisce anche Danilo Gallinari (13 punti, 4/14 dal campo, 5 rimbalzi e 8 assist), ma è Jamal Murray a mandare al tappeto la banda Snyder con una serie di triple fuori equilibrio. Emmanuel Mudiay e Wilson Chandler ci mettono il resto, con Nurkic sempre più convincente in attacco, e la partita scivola così via dalla parte di Denver.

Denver Nuggets (5-8). Punti: Murray 18, Chandler 17, Nurkic 16, Gallinari 13, Jokic 12. Rimbalzi: Nurkic 11. Assist: Gallinari e Mudiay 8.

Utah Jazz (7-8). Punti: Hayward 25, Exum, Hood e Johnson 10. Rimbalzi: Hayward e Gobert 7. Assist: Ingles 4. 

NBA