Nba, Toronto strapazza i Bucks. Dragic stende i Wizards

Milwaukee travolta dai Raptors, con Terrence Ross grande protagonista insieme a Lowry e DeRozan. Goran Dragic trascina i Miami Heat al successo casalingo contro Washington.

Nba, Toronto strapazza i Bucks. Dragic stende i Wizards
Goran Dragic, 34 punti contro Washington. Issac Baldizon/NBAE via Getty Images

I Toronto Raptors di Dwane Casey si confermano la seconda forza della Western Conference (alle spalle dei Cleveland Cavaliers), travolgendo all'Air Canada Centre i Milwaukee Bucks di Jason Kidd, cui non bastano 57 punti in due della coppia formata da Giannis Antetokounmpo e Jabari Parker. Ossigeno per i Miami Heat di Erik Spoelstra, che in Florida superano i Washington Wizards di Scott Brooks grazie a 34 punti di uno scatenato Goran Dragic. 

Toronto Raptors - Milwaukee Bucks 122-100

Ritorna DeMarre Carroll nel quintetto di Casey rispetto alla vittoria di Boston, e l'ex Atlanta Hawks parte subito forte, con due triple e un'alzata al ferro per Valanciunas. Milwaukee rimane in partita per pochi minuti, con Kidd che si affida ben presto a Greg Monroe per John Henson. Ma i padroni di casa si confermano squadra solida e collaudata, che in attacco trova punti non solo con i soliti sospetti Lowry e DeRozan ma anche e soprattutto con un Terrence Ross in gran spolvero, cui si aggiungono Cory Joseph e Patrick Patterson. Nel secondo quarto gli ospiti sono dunque già sotto di oltre venti lunghezze, con i vari Brogdon, Beasley e Terry travolti dalla furia avversaria. Nogueira si conquista minuti a scapito di Valanciunas a suon di giocate d'energia, un po' come il rookie Siakam, e il primo tempo si chiude 69-49 in favore dei Raptors. Alla ripresa delle operazioni ecco mettersi al lavoro DeMar DeRozan, che segna con i suoi classici movimenti all'interno dell'area, ma dall'altra parte è Jabari Parker a suonare la sveglia per i Bucks. Invito raccolto da Giannis Antetokounmpo e in parte da Tony Snell, che riducono la svantaggio a dieci lunghezze alla fine del terzo quarto. Sforzo inutile, perchè ancora una volta è la second unit di Casey a fare la differenza, con Ross imprendibile e Joseph chirurgico. Due triple di Kyle Lowry chiudono poi la contesa, rendendo i minuti finali un garbage time in cui è possibile dare un'occhiata a due rookie ancora fuori dalle rotazioni dei proprio allenatori, Jacob Poeltl da una parte e Thon Maker dall'altra. 

Toronto Raptors (17-7). Punti: DeRozan 30, Ross 25, Lowry 18, Carroll 13, Valanciunas 11. Rimbalzi: Valanciunas 13. Assist: Lowry e Joseph 7. 

Milwaukee Bucks (11-12). Punti: Antetokounmpo 30, Parker 27, Monroe 11. Rimbalzi: Antetokounmpo e Teletovic 8. Assist: Dellavedova 10.

Washington Wizards - Miami Heat 112-101

Ancora orfano di Justise Winslow, Erik Spoelstra conferma Ellington e McGruder in quintetto all'American Airlines Arena contro Washington. Primo quarto confuso, in cui le due squadre difendono poco e sbagliano molto: Hassan Whiteside comincia a stravincere il suo duello personale con Marcin Gortat, mentre dall'altra parte Wall e Porter rispondono a Ellington e McGruder. Il primo giro di cambi premia gli ospiti, che si ritrovano avanti di una decina di lunghezze a cavallo tra primo e secondo quarto, ma dalla panchina di Miami è buona la reazione di Tyler Johnson e Josh Richardson. Heat che si rifanno sotto con Dragic, vero motore della squadra, e con un McRoberts altalenante, mentre la difesa di Scott Brooks desta più di una perplessità per atteggiamento e aggressività. Al rientro dagli spogliatoi Washington prova a scuotersi prima con Marcus Morris, poi con Bradley Beal, realizzatore fuori dal comune ma sempre troppo solista. Kelly Oubre aggiunge un minimo di intensità dalla panchina e gli ospiti sono di nuovo a contatto, nonostante le difficoltà su Whiteside. L'equilibrio dei primi tre quarti viene spezzato nell'ultimo periodo, quando si accende la sfida diretta tra John Wall e Goran Dragic. I due duellano a suon di canestri da fuori e penetrazioni,  e a fare la differenza ci pensa la maggiore intensità degli Heat, interpretata alla perfezione da James Johnson. Wizards che provano a non mollare fino alla fine, ma che devono poi arrendersi a una schiacciata di Whiteside che chiude i conti a una cinquantina di secondi dal gong. 

Miami Heat (8-17). Punti: Dragic 34, Whiteside 17, J. Johnson 14, Ellington e T. Johnson 11, Richardson 10. Rimbalzi: Whiteside 16. Assist: McRoberts, Dragic ed Ellington 5. 

Washington Wizards (9-14). Punti: Wall 30, Beal 29, Morris 10. Rimbalzi: Gortat 10. Assist: Wall 8.

NBA