Nba, colpi esterni di Kings e Hawks a Minneapolis e Denver

Non bastano ai Timberwolves 40 punti di uno scatenato Zach LaVine: al Target Center vincono Cousins (32 punti) e compagni. Nuggets di Gallinari beffati nel finale da Atlanta.

Nba, colpi esterni di Kings e Hawks a Minneapolis e Denver
DeMarcus Cousins, 32 punti contro Minnesota. Fonte: Kings.com

Nella ricca notte Nba, i Sacramento Kings di Dave Joerger e gli Atlanta Hawks di Mike Budenholzer ottengono due importanti vittorie in trasferta, rispettivamente sul campo dei Minnesota Timberwolves di Tom Thibodeau e su quello dei Denver Nuggets di Mike Malone. A Minnesota non basta uno spaziale Zach LaVine (40 punti) per avere la meglio su DeMarcus Cousins (32 punti) e compagni, mentre è Paul Millsap il risolutore della sfida contro i Nuggets di Danilo Gallinari (21 punti, 11 rimbalzi, 2 assist, 5/10 dal campo, 2/4 da tre, 9/10 ai liberi).

Minnesota Timberwolves - Sacramento Kings 105-109 

Quintetti confermati al Target Center di Minneapolis, dove già dal primo quarto di gioco prende il via il personalissimo show di Zach LaVine. Il due volte vincitore della gara delle schiacciate vola in contropiede fino al ferro, trova una fantastica serata al tiro da tre punti, e trascina i Timberwolves al primo vantaggio della contesa. Per i Kings risponde il solito Cousins, coadiuvato in particolare da Ty Lawson e dal tiratore Anthony Tolliver. Minnesota avanti 85-78 alla fine del terzo quarto ma, come ormai abitudine per gli uomini di Thibodeau, la rimonta è dietro l'angolo. Nonostante LaVine continui a volare da una parte all'altra del campo, è DeMarcus Cousins a fare la differenza per Sacramento, con triple e canestri di forza contro il malcapitato Gorgui Dieng. Andrew Wiggins rimane complessivamente poco incisivo, mentre è Karl-Anthony Towns ad avere il pallone della vittoria a pochi secondi dalla fine: il rookie dell'anno 2016 si prende un tiro da tre punti dall'angolo sinistro dal campo, ma la palla balla sul ferro e poi esce, per la gioia di Dave Joerger, che ora vede i suoi in piena lotta playoff. 

Minnesota Timberwolves (9-20). Punti: LaVine 40, Towns 20, Wiggins 15, Rubio 13. Rimbalzi: Towns 13, Dieng 10. Assist: Rubio 8

Sacramento Kings (13-17). Punti: Cousins 32, Tolliver 17, Lawson 15, Koufos 12, Barnes 10. Rimbalzi: Cousins 7. Assist: Cousins 7

Denver Nuggets - Atlanta Hawks 108-109

Mike Budenholzer si presenta al Pepsi Center senza Dwight Howard, Kyle Korver e Tim Hardaway (in quintetto ci sono Humphries e Sefolosha). Hawks costretti a rincorrere per tutta la partita, con i Nuggets che giocano sulla falsariga delle ultime apparizioni, con Nikola Jokic (splendido come passatore) unico lungo, mentre Danilo Gallinari è finalmente più coinvolto: il Gallo segna con continuità e attacca il ferro, trovando punti dalla lunetta, esattamente come Gary Harris ed Emmanuel Mudiay. Atlanta si tiene a galla con Millsap, Schroder e con una buona prova dalla panchina del rookie DeAndre Bembry. Gara che nel suo svolgimento diventa simile a quella di Minneapolis, con gli ospiti che rimontano e sorpassano nel finale, grazie alle accelerazioni di Dennis Schroder, al contributo di Mike Muscala e a due tiri liberi fondamentali (fallo commesso da Arthur) di Paul Millsap a pochi secondi dalla fine. Sotto di un punto, Mike Malone disegna una rimessa per Wilson Chandler, che va vicinissimo al canestro della vittoria, ma il suo tiro in avvicinamento viene sputato dal ferro. Importante vittoria per gli Hawks, mentre per Denver occasione sprecata per avvicinare sempre più la zona playoff.

Denver Nuggets (12-18). Punti: Gallinari 21, Chandler 19, Mudiay 17, Harris e Barton 12. Rimbalzi: Gallinari e Chandler 11. Assist: Jokic 6

Atlanta Hawks (15-15). Punti: Schroder 27, Millsap 20, Muscala 13, Sefolosha 12, Humphries 10. Rimbalzi: Humphries e Millsap 8. Assist: Schroder 5.

NBA