Milwaukee Bucks, si ferma anche Beasley

Altra cattiva notizia per i Milwaukee Bucks che perdono anche Michael Beasley per una distorsione al ginocchio.

Milwaukee Bucks, si ferma anche Beasley
Milwaukee Bucks, si ferma anche Beasley

Altra notizia brutta per coach Jason Kidd, che nella notte, nella trasferta a Cleveland - oltre a perdere la gara contro i Cavaliers per 102-95 - perde per infortunio anche Michael Beasley, che aveva preso il posto nelle rotazioni l'infortunato Jabari Parker. Beasley si è infortunato durante un contatto di gioco, mentre difendeva su LeBron James. Lo stesso giocatore si è accorto subito del problema chiedendo subito aiuto ai compagni, Greg Monroe e Thon Maker, che lo hanno accompagnao negli spogliatoi. Martedì l'ala dei Bucks si sottoporrà ai vari test per capire l'entità dell'infortunio e per quanto lo terrà lontano dai campi di gioco.

Spera il meglio caoch Jason Kidd, che aveva trovato in Beasley il valido sostituto di Parker: l'ex Miami sta offrendo un grande apporto offensivo alla franchigia del Wisconsin. Prima di essere accompagnato fuori dal campo per infortunio, la seconda scelta del Draft NBA del 2008, aveva realizzato 11 punti in appena nove minuti. Da dopo l'infortunio di Parkerm sta viaggiando con la media di 15.5 punti di media offrendo una soluzione in più all'attacco di Milwaukee. Inoltre Jason Kidd ha affermato che la NBA dovrebbe considerare il prodotto di Kansas State come uno dei candidati per il Most Improved Player award, premio, appunto, per il giocatore più migliorato della lega. Inoltre l'ex playmaker ha evidenziato soprattutto la crescita mentale del suo giocaore, al quale ad inizio stagione è stato chiesto di partire dalla panchina: l'ala ha risposto sempre presente ad ogni chiamata del coach senza lamentarsi.

L'augurio ai Milwaukee Bucks è che per Beasley non sia niente di serio e che l'ala possa ritornare al più presto sul parquet, per aiutare i suoi Bucks a rimontare per un posto nei playoffs nella Eastern Conference, visto che Milwaukee al momento dista solo una partita e mezzo dai Detroit Pistons, che occupano l'ultimo posto disponibile per la postseason.


Share on Facebook